“Ogni sogno ha il suo disagio”/“Every dream has its own uneasiness”

Alda Merini

Alla mia amica, Delphine V., alla sua opera, alle sue linee possibili.

Osservandola mi rendo conto che non soltanto costruisce sculture, lei attraversa l’aria con dei metalli che sembrano prolungamenti delle sue mani. Lei mette limite al vuoto, come con le sue parole, crea nuovi equilibri. Dice, dolcemente:
-Vorrei vederti innamorata…
-Non m’innamoro mai. Non mi sono mai innamorata.
-Ma cosa dici?
-Non m’incanto mai.
-Ma è terribile.
-Non ho bisogno di quella forma di squilibrio.
-Non ti manca l’amore?
-Quello è un’altra cosa.
-Dimmi la differenza.
-E’ come se per definire le tue sculture mi mettessi a descrivere l’aria.
-E tuo marito?
-Il padre di mio figlio. L’amore compiuto.
-Perché?
-Se avessi potuto fare altri figli avrei avuto altri amori compiuti.
-Allora, per te, l’amore dipende dalla genitorialità.
-In questo caso sì.
-E in altri?
-E dipeso dall’arte, dalla filosofia, dalla bellezza.
-E non ti sei incantata?
-No.
-E li hai amati?
-Certo.
-Appoggiata soltanto sui punti di forza?
-Su quello che credevo fossero le loro massime potenzialità.
-Allora tu ami il divenire?
-Io amo la prospettiva.
-Un progetto?
-Una gravidanza artistica.
-Allora anche in questi casi hai compiuto l’amore…
-No, non sono mai state compiute le prospettive. Ho rinunciato anche ai figli.
-Abortiti.
-Aborti.
-Vorrei vederti innamorata… Insiste.
-Non sarà che vuoi vedere te, innamorata?
Mi allontano, attratta dagli spazi che lei traveste da sculture, anche richiamata “in me” dai suoni che le parole creano quando l’aria colpisce il metallo.
Altr’aria, da dentro, mi riporta altre parole, quelle di G.W.Hegel: “Tutto quello che di personale c’è nella mia opera deve essere considerato falso”.

Roma, che sei capace anche di sembrare Londra. 2011 – Maria A. Listur

“Every dream has its own uneasiness”
Alda Merini

To my friend Delphine V., to her work, to her possible lines.

Observing her I realize that she does not only build sculptures, She traverses the air with some metals that seem the extensions of her hands. She places limitations to emptiness, as her words, she creates new balances. She gently says:
-I would like to see you in love…
-I never fall in love. I have never fallen in love.
-What are you saying?
-I never get enchanted.
-That is terrible.
-I don’t need that form of unbalance.
-Don’t you miss love?
-That is something different.
-Tell me the difference.
-It’s like describing the air to define your sculptures.
-And what about your husband?
-The father of my son. The unfinished love.
-Why?
-If I would have had other children I would have had other finished loves.
-Then, for you, love depends on being parent.
-Yes, in this case.
-And in other ones?
-It depended on art, philosophy, beauty.
-And you have never been enchanted?
-No.
-And did you love them?
-Sure I did.
-Leaning only on strong points?
-Leaning on what I thought it was their maximum potentials.
-Then you love the evolution?
-I love the perspective.
-A project?
-An artistic pregnancy.
-Then in these cases you have accomplished love…
-No, the perspectives have never been accomplished. I have also renounced to the children.
-Aborted?
-Abortions.
-I would like to see you in love…She insists.
-Can it be that you want to see yourself in love?
I take same steps back, attracted by those spaces that she disguises as sculptures, also recalled in myself by sounds that words create when the air hits the metals.
Other air, from inside, resembles me other words, those of G.W.Hegel: “All that there is of personal in my work has to be considered false”.

Rome, you are also able to look like London. 2011 – Maria A. Listur

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...