Solitudine/Solitude

Ormeggio innamorata ai suoi piedi
alle sue mani
ai madidi baci
a quel ricordare che io,
dimentico.

Disfo conquistata la decenza
la timidezza
la ridicola virtù
le comuni posizioni che io,
detesto.

Invento persuasa due cieli
cento piogge
quattro primavere
un tiepido inverno che io,
rammento.

Sorseggio mortale il suo sangue
ogni secrezione
il guscio notturno
i grumi mattinali che io,
possiedo.

Innalzo intimamente il suo amore
la sua flessuosità
l’elevata quiete
l’imprescindibile spazio che io,
vivo.

Rivolgo accesa a te illuminata da me
in direzione anche inversa
in resa fedele
il solitario io che io,
sono.

MUSIQUE: Precipitando – China 1/4 – MARIA A. LISTUR

Roma, dove nessun vento ha potuto cancellare
i segni che l’umano rende. 2012 – Maria A. Listur

 

Solitude

I dock in love at his feet
at his hands
at the wet kisses
at the remembering that I,
forget.

I unfold conquered the decency
the shyness
the ridiculous virtue
the common positions that I,
hate.

I imagine persuaded two skies
hundreds of rains
four springs
a tepid winter that I,
recall.

I drink mortal his blood
each secretion
the night shell
the morning’s lumps that I,
posses.

I elevate intimately my love
her flexibility
the elevated quietness
the inescapable space that I,
inhabit.

I turned to you illuminated by me
in an also opposite direction
in truthful render
the solitary me that I,
am.

Rome, where no wind has been able to cancel
the signs that the human renders. 2012 – Maria A. Listur

“ (…) ciò che in noi è ‘figlio’ non ha bisogno di sapere ma solamente di vivere.”/“ (…) what in us is ‘son/daughter’ doesn’t need to know but only to live.”

Igor Sibaldi

-Tu sei sicura?
-Beh… Sì…
-Io ti guardo, ti guardo e dubito…
-Lo capisco ma non lo condivido!
-Per capriccio!
-Per colori!
-Non è sufficiente avere un occhio e mezzo uguale… mia cara.
-Senza contare il colore dei capelli e della pelle? L’altezza, il colore della voce?
-Non è sufficiente.
-Tu non senti di somigliarmi?
-No.
-Allora, chi dei due è l’adottato?
-Adottata.
-Ah! Sarei io!
-Non somigli a nessuno! Accettalo!
-Potresti causarmi un trauma fatale!
-Alla tua età i traumi si superano facilmente.
-Che stai dicendo? Sei diventato crudele e ignorante?
-No… Non pensi che più vicini alla morte si è, più facile è fregarsene delle nostalgie familiari?
-No. Tanta gente soffre per le angherie familiari come fossero bambini.
-Poveracci!
-Poveracci un corno! Sono livelli diversi di sensibilità. Non sono poveracci, sono diversi da te! Soffrono ma non per questo sono deboli!
-Ma tu non lo sei!
-Mi stai dicendo che ti sembra che io non sia tua sorella! Lo trovi normale?
-Normale… Normale… Normale può essere l’amministrazione… Nient’altro!
-Stai dicendo che io sarei adottata!
-Beh! Io somiglio tanto a mamma e a papà… Tu no!
-E a chi somiglierei?
-E che ne so! Io non ho conosciuto i tuoi genitori!
-Tu sei… Tu sei… Una Merda!
-Vedi Signorina Perfettina perché non puoi essere mia sorella?
-Smettila! Immediatamente!
-Lei non puzza… La Signorina Perfettina ma Adottatina non puzza… Lalalero lalalà!
-Basta!
-Ma che te ne frega! Meglio che non siamo della stessa famiglia! Non mi dovrai dare il midollo se ne avrò bisogno! Lalalero lalalà!
-Cosa ti sei fumato!? Non mi piace quello che dici!
-E a me non piace come sei ma lo stesso ti adoro!
-Mi stai dicendo delle cose che non sono belle e che mi creano dei dubbi…
-E’ che non ti ho mai voluto dire perché eravamo giovani ma, ora te le dico perché le ho sempre pensate e sentite.
-Ti senti liberato?
-No, sento che non cambia niente. Pensavo che dicendotele mi sarei liberato da un sentimento strano tra ammirazione, odio e compassione che ho sempre provato per te.
-Mmm…
-Non so chi sei. Mia sorella? Una pianta con forma umana? Ma, per te, provo qualcosa che non so definire.
-Amore fraterno?
-Sì, ma un amore fraterno per scelta, ho scelto di volerti bene, e anche di odiarti ma non ho scelto né l’ammirazione né la compassione… Accade.

Roma, quando si riesce a ridere anche di ciò per cui si sarebbe pianto. 2012 – Maria A. Listur

 

“ (…) what in us is ‘son/daughter’ doesn’t need to know but only to live.”

Igor Sibaldi

-Are you sure?
-Well… Yes…
-I look at you, look and have doubts…
-I understand but I don’t agree!
-It’s just a caprice!
-For of the colors!
-It’s not enough to have an eye and a half equal… my dear.
-Without considering the color of the hairs and the skin? The height, the color of the voice?
-It’s not enough.
-You don’t feel that we look alike?
-No.
-Then, who is of the two the adopted one?
-Adopted girl.
-Ah! So it would be me!
-You don’t look alike anyone! Face it!
-You could cause me a fatal trauma!
-At your age traumas are overcome easily.
-What are you talking about? Have you become cruel and ignorant?
-No… Don’t you think that the more we are close to death, the easiest is to care less about the familiar nostalgia?
-No. Many people suffer from the family feuds as if they were kids.
-Poor things!
-Poor things my ass! These are different levels of sensibility. They are not miserable, they are just different from you! They suffer but they are not weak!
-But neither are you!
-Are you telling me that you think that I am not your sister! Do you find it normal?
-Normal… Normal… Normal could be the administration… Nothing else!
-You are saying that I am adopted!
-Well! I do look like mom and dad… You don’t!
-And whom would I look like?
-How do I know! I haven’t met your parents!
-You are… You are… Such an Asshole!
-See Miss Perfection why you can’t be my sister?
-Stop it! Immediately!
-She doesn’t even stink… The Adopted Miss Perfection doesn’t stink… Lalalero lalalà!
-Stop it!
-What do you care! It’s better not being from the same family! You won’t have to give me your spinal chord if I might need it! Lalalero lalalà!
-What have you been smoking!? I don’t like what you are saying!
-And I don’t like you as you are but I adore you all the same!
-You are telling me things that are not nice and are making me doubt…
-It’s that I didn’t want to tell you since we were young but, I’m telling you now because I have always thought and felt these things.
-Are you feeling relieved?
-No, I feel that nothing has changed. I thought that telling you this I would have felt relieved from a strange feeling between admiration, hate and compassion that I have always felt for you.
-Mmmh…
-I don’t know who you are. My sister? A plant with a human form? But, for you, I feel something that I can’t define.
-Fraternal love?
-Yes, but a fraternal love by choice, I have chosen to love you, and also to hate you but I have chosen neither admiration nor compassion… It just happens.

Rome, when it is possible to laugh about things for which we would have cried. 2012 – Maria A. Listur

“Non si vede mai abbastanza quale fondo sadico abbia la tenerezza”/”It’s never seen sufficiently what sadistic depth the tenderness has”

Pascal Quignard

Dal giovedì notte
al venerdì
impossibile fermare
la caduta
abissale.

Inutili l’impegno
la vocazione
il cambiare
il costume
temporali.

Mordo un po’
dell’acqua
ancor di prima
dell’insonne
giovedì.

Castamente
incongrua
nell’intento resto
di ogni ora
catturare.

Il venerdì
precipita
come le pere
verso l’alto
cade.

Taciturna
cospiro
ingenua
a Giove
avvinghiata.

Tuttavia
vinta
dalla Venere
che è in me
dormo.

Roma, graziosamente sveglia quando la si crede dormente.
2012 – Maria A. Listur

 

“It’s never seen sufficiently what sadistic depth the tenderness has”

Pascal Quignard

From Thursday night
to Friday
impossible to stop
the abyssal
falling.

Useless are the temporaries
effort
the vocation
the changing
the costume.

I am biting a bit
of water
even before
of the sleepless
Thursday.

Chastely
incongruous
I remain in the intent
of each hour
capture.

Friday
precipitates
like pears
to the top
falls.

Silently
I conspire
simply
to Jupiter
clutched.

nevertheless
defeated
by Venus
that is in me
I sleep.

Rome, graciously awake when it’s thought to be sleeping.
2012 – Maria A. Listur

Pressione atmosferica/Atmospheric Pressure

-Regole?
-Etiche?
-Estetiche.
-Per me sono lo stesso.
-Sta scappando.
-Sto rispondendo.
-Sembra un uomo.
-Per l’altezza?
-Per la durezza.
-Non ho incontrato uomini duri, donne sì.
-Chi?
-Mia madre.
-Lo dice compiaciuta.
-L’ammiro.
-In che senso?
-Una madre tartaruga.
-Cosa vuol dire?
-Le tartarughe controllano il luogo dove deporre le uova, si assicurano il nutrimento per la prole, poi partono.
-Quello che dice mi suona poco gradevole.
-Lei è un uomo.

Silenzio lungo una pennellata di cemento e sabbia.
Riparte.

-Sia gentile. Mi dica una sua regola.
-Scelgo una citazione.
-Le ama?
-Perché non dire quello che penso citando il sapere di persone che lo sanno dire meglio di me…?
-Citi.
-La mia regola in ogni aspetto della mia esistenza me l’ha insegnata Balthus:
“Bisogna resistere alle mode, rispettare a ogni costo ciò che si crede valido per sé, e persino coltivare quello che ho sempre definito come i dandy del XIX secolo: il gusto aristocratico di non piacere.”
-Ecco da dove viene il suo sdegno!
-Sdegno? E’ tutta una questione d’altezza!

Parigi, oh! Piove! Esce il sole! Ripiove! Ora nuvolo! Toh! Esce il sole! Maria A. Listur… La tour? Les tours? 2012

 

Atmospheric Pressure

-Rules?
-Ethics?
-Aesthetic.
-To me they are same.
-You are slipping away.
-I am answering.
-You seem like a man.
-For the height?
-For the toughness.
-I have never met though men, only women.
-Who?
-My mother.
-You are saying it pleased.
-I admire her.
-In which sense?
-A turtle mother.
-What are you saying?
-Turtles check the place where to lay their eggs, they assure the nourishment for the offspring,
then they leave.
-What you are saying sounds not very pleasant to me.
-You are a man.

Silence as long as a brush stroke of cement and sand.
He starts again.

-Be kind. Tell me one of your rules.
-I prefer a quote.
-You love them?
-Why not saying what I think quoting somebody’s knowledge who can say it better than me…?
-Do quote.
-My rule in every aspect of my existence as been taught to me by Balthus:
We have to resist to trends, respect by any means what we think valid for ourselves, and even cultivate what I have always defined as the dandy of the XIX century: the aristocratic taste of not being liked.”
-That’s where your disdain comes from!
-Disdain? It’s just a matter of height!

Paris, oh! It rains! The sun comes out! It rains again! Now cloudy! Look! The sun is out! Maria A. Listur… La tour? Les tours? 2012

Niña

Ti salvaguardo
nel vento sospeso che è canto
nel clamore concluso che è segno
nell’inizio zoppicante che è addio

Ti tutelo
dal canto senza chimera
dal segno spoglio di curva
dall’addio privo di gaudio

Ti riparo
dalla chimera qualche volta impossibile
dalla curva a volte ingiusta
dal gaudio talvolta interrotto

Ti preservo
dall’impossibile sospensione del vento
dall’ingiusta conclusione del clamore
dall’interrotto zoppicare dell’inizio

Ti proteggo
Ti difendo
Ti aiuto
Ti salvo

Incommensurabile tesoro
dalla mia pelle in dentro
sempre pronta a svegliarmi
ogni mattina e ovunque.

In un luogo del mondo, assente alle mappe. 2012 – Maria A. Listur

 

Niña

I protect you
in the suspended wind that is chant
in the concluded clamor that is sign
in the unsteady beginning that is farewell

I guard you
from the chant with no chimera
from the stripped sign of curve
from the farewell deprived of bliss

I shelter you
from the sometimes impossible chimera
from the curve sometimes unjust
from the bliss sometimes interrupted

I preserve you
from the impossible suspension of the wind
from the unjust conclusion of the clamor
from the interrupted limping of the beginning

I protect you
I defend you
I help you
I save you

Immeasurable treasure
from my skin to inside
always ready to wake
each morning and everywhere.

In a place of the world, absent in the maps. 2012 – Maria A. Listur

Elargire/Bestowing

Non si accorge quanto sia indispensabile per me.
Saldo, fatto su misura, imponente.
Regge il mio sguardo quotidiano e non sempre solare
di chi nutre una relazione costante con il prossimo
e spesso trova difficoltà nel sostenerla.
Lui sostiene, abbraccia senza violenza, nutre il limite.
Amico? Qualcosa d’indecifrabile. Un’essenza.
Sorrido. Lui tace.
Lo guardo, mi commuovo. Lui si gira verso la sua sinistra.
Inconsapevole.
Penso a quanto non sia merito suo tanta plasticità.
Non che si alleni in qualche modo speciale ma,
si lascia attraversare dallo spirito delle cose,
dalla mia ammirazione.
Robusto quanto elastico, longilineo quanto succoso.
Fresco quanto maturo, gioioso quanto imponente.
Amore? Qualcosa di innominabile. Un gesto.
Canto. Lui profuma l’aria con il suo leggero dondolio
in armonia con il mio ritmo.
Mi chiedo perché non lo abbraccio più spesso.
Come se non avessi bisogno! Come se fosse tacito averlo.
Non trovo risposte al mio distacco,
il quotidiano prende il posto dell’abbraccio troppo facilmente.
Dimentico o non ho bisogno…
Mentre scrivo, il suo intervento sonoro non m’interrompe,
m’accompagna. Lui suona.
L’osservo senza perdere la concentrazione.
Risorge dalle mie braccia un pensiero di Antonio Porchia:
“Non hai nulla e mi daresti il mondo. Ti devo un mondo!”
Taccio impotente.
Tace naturalmente.
Quanto vorrei conoscere l’idioma degli alberi.

Roma, quando tutte le albe si somigliano. 2012 – Maria A. Listur

 

Bestowing

He doesn’t realize how much he is essential for me.
Solid, custom made, imposing.
He bears my daily glance and it is not always solar
of who nourishes a constant relationship with the other
and often finds difficult to sustain it.
He sustains, embraces with no violence, nourishes the limit.
A friend? Something indefinite. An essence.
I smile. He is silent.
I look at him, I am moved. He turns towards his left.
Unaware.
I think how much of his flexibility is not due to him.
It is not that he trains himself in a special way but,
he lets himself be passed trough by the essence of things,
by my admiration.
Robust as much as elastic, long lined as much as juicy.
Fresh as much as mature, joyful as much as imposing.
Love? Something unnamable. A gesture.
A chant. He scents the air with his light rocking
in harmony with my rhythm.
I ask my self why I don’t hug him more often.
As I didn’t need to! As if it was normal to have him.
I can’t find answer to my detachment,
The daily life takes place of the embrace too easily.
I forget or I don’t need to…
While writing, his sonorous intervention doesn’t interrupt me,
it accompanies me. He sounds.
I observe him without loosing my concentration.
A thought of Antonio Porchia resurrects from my arms:
“You have nothing and you would give me the world. I owe you a whole!”
I impotently quite down.
He naturally quiets.
How much I’d like to know the idiom of the trees

Rome, when all the dawns look alike. 2012 – Maria A. Listur

Esperienza/Experience

I

Cadenzato piomba il livore
degli alleati all’innocenza
dei cuori ai propositi
delle mani all’armonia
della pelle all’essenza
dell’orologio alla linearità
della linea alla pienezza.

II

Scandito precipita il furto
degli occhi all’opera
dei sentimenti al dono
del tocco alla clemenza
del limite all’oltraggio
del tempo alla vastità
della linea alla pienezza
della curva al cerchio.

Completezza – L. F. 6 – Maria A. Listur

Roma:
ancora complice poetica
di titanici propositi.
Come dice Umberto Eco:
“Solo gli stronzi usano parole volgari”.

2012 – Maria A. Listur

 

Experience

I

Rhythmical precipitates the acrimony
of the allies to the innocence
of the hearts to the intentions
of the hands to the harmony
of the skin to the essence
of the clock to the linearity
of the line to the fullness.

II

Articulated falls the theft
of the eyes to the work of art
of the feelings to the gift
of the touch to the mercy
of the limit to the outrage
of the time to the vastness
of the line to the wholeness
of the curve to the circle.

Rome:
poetic accomplice anchor
of titanic purposes.
Like Umberto Eco says:
“Only assholes use vulgar words”.

2012 – Maria A. Listur

“In piena luce non siamo neppure un’ombra”/”In full light we are not even a shadow”

Antonio Porchia

Non ricorda di essere mai arrivata in ritardo a un appuntamento.
Non ricorda ma neanche sa.
Potrebbe giurare di essere stata sempre puntuale.
Potrebbe giurare ma il suo eterno interrogarsi la farebbe sentire spergiura.
Come la notte che non sa di essere la morte del giorno
e anche il suo grembo; arriva in ritardo.
Gli stessi occhi marroneblu del tempo la guardano dal tavolo in fondo.
Attraversa metri di sala sotto un marroneblu indiscreto.
Lui sorride, lei pensa:
“Starà cercando quella ragazza che si nasconde sotto la pelle di una donna
di mezz’età”. Ride, dentro, grazie alle domande che si regala in risposta:
“Quale mezz’età? E se dovessi morire domani?
Sarei una donna di tutta l’età.
E se vivrò centoventi anni, sarei a un quarto dell’età?”
Siede accanto al tavolo degli occhi marroneblu.
Lui domanda scherzoso:

-Non vuoi sederti con me?
-Sì ma, mi blocca l’orgoglio.
-Orgoglio di cosa?
-Avrei voluto essere puntuale.
-Ancora non sopporti le slabbrature del tempo?
-Ancora.
-Vuoi che esca? Faccio finta di arrivare…
-No! Scusami. Sono dispiaciuta…
-Oggi non ti era dato di essere puntuale.
-Perché?
-Sono venuto un’ora prima…
-Perché?
-Volevo questo tavolo.
-Perché?
-Si vede ogni cosa, e ti volevo vedere entrare.
-Per…
-Perché non avrei il coraggio di cambiare tavolo per reggere l’emozione, ho preferito godermi la distanza dell’arrivo!
-Stai dicendo che mi sono seduta lontano perché non reggo l’emozione di vederti?
-Esattamente.

Trema. Tace. E non sa se si tratti della commozione di quella voce nella lingua che più ama o di quella capacità, che lui ha sempre avuto, di rivoltarla dalle profondità dell’eloquio interno. E come l’alba germogliata nella notte, è già giorno; si alza, lui anche, si abbracciano, si risiedono.
Lei conferma:

-Vanità e paura.

Lui gli sfila i guanti dalle mani gelide, le stringe tra le sue sculture di violoncello; dice:

-Ho letto che fanno la stessa Torta di Mele.
-Non è la stessa, è migliore.

E fuori, la notte invade un crepuscolo mai orfano.

Roma, precipita la grazia dei suoni tra i coppi, sembra pioggia. 2012 – Maria A. Listur

 

 

“In full light we are not even a shadow”

Antonio Porchia

She doesn’t recall to have ever been late to an appointment.
She doesn’t remember but doesn’t know either.
She could swear of being always on time.
She could swear but her eternal questioning herself would make her feel perjurer.
Like the night that doesn’t know of being the death of the day
and her womb too; she arrives late.
The same brownblue eyes of time watch her from the table from the back.
She crosses meters of hall under an indiscreet brownblue.
He smiles, she thinks:
“He must be looking for that young woman who hides under the skin of a middle age woman”. She laughs, inside, thanks to the questions she offers herself in reply:
“What middle age? And if I should die tomorrow?
I’d be a whole age woman.
And if I’d live one hundred twenty years, would I be a quarter of age?”
She sits next to the brownblue’ eyes table.
He asks playful:

-Don’t you want to sit with me?
-Yes but pride is blocking me.
-Pride of what?
-I wanted to be punctual.
-You still can’t stand delays of time?
-Still.
-Do you want me to leave? I pretend as if I am arriviving…
-No! Excuse me. I am sorry…
-Today you weren’t supposed to be punctual.
-Why?
-I came an hour earlier…
-Why?
-I wanted this table.
-Why?
-You can see everything, and I wanted to see you coming in.
-For…
-Because I wouldn’t have had the courage to change table to bear the emotion, I have preferred to enjoy the distance of the arrival!
-Are you saying that I have sit far because I can’t bear the emotion of seeing you?
Exactly.

She is shacking, She hushes. She doesn’t know if it’s about the commotion of that voice in the language she loves the most or that ability, he has always had, to turn her inside out from the deepness of her inner speech. And as the sunrise blossomed in the night, it’s already dawn; he stands, he as well, they hug, they sit back.
She confirms:

-Vanity and fear.

He takes off the gloves from her icy hands, he holds them among the violoncello’s sculptures; he says:

-I read the make the same Apple Pie.
-It’s not the same is much better.

And outside the night invades a never alone twilight.

Rome, the grace of sound precipitates between the tiles, seems like rain. 2012 – Maria A. Listur

Referenti/Referents

-Lui?
-Lui.
-È una brutta foto?
-No.
-Stai scherzando.
-No.
-Deve essere un genio altrimenti non si capisce come ti possa piacere?
-Si tratta di un artista.
-Un artista?
-Sì.
-Ti è sufficiente? Non può essere!
-Non lo so. Ora mi piace, lo trovo affascinante, raffinato.
-Tanti altri sono stati così ma tu…
-Questa persona ha qualcosa di particolare.
-Ah! C’era un segreto!
-Guarda bene…
-Si vede?
-Certo!

Colei che incarna il dubbio guarda, attentamente, la fotografia. Poi dice:

-Lo guardo lo guardo ma non vedo niente!
-Niente?
-Si tratta di una somiglianza?
-Non ti voglio aiutare.
-Ti prego… Dimmelo.
-No. Guarda. Dedicagli del tempo.

Ancora tempo per lo sguardo.

-Ecco, somiglia a tuo padre!
-Ma che dici! Tu non conosci mio padre!
-Allora mi arrendo!
-Va bene.
-E dimmelo!
-Somiglia a…
-Ho capito! A tuo ex marito!
-Ma no!
-Scusa. Parla.
-Somiglia a Wilhelm Reich.
-No! No! No!
-Era un uomo illuminato, un ricercatore ritenuto pericoloso.
-Uno che aveva problemi con la morale sessuale!
-Ah! Sei crollata!
-Che vuol dire?
-Basterebbe una frase di Reich per risponderti.
-Dilla!
“Ci vuole una buona dose di esperienza per poter riconoscere se le divergenze scientifiche sono dovute a mancanza di conoscenza pratica o a motivi filosofici.”
-Stavamo parlando d’altro…
-Sì… Di quanto somiglia a Reich un uomo che mi piace.
-Io non ricordo Reich fisicamente.
-Ti posso assicurare che lo evoca molto bene, anche nel pensiero.
-Quello non si può vedere.
-Sei tu che non lo puoi vedere…

Roma, sottile e gioiosa, leggiadra e rinverdita. Autunnale. 2012 – Maria A. Listur

 

 

Referents

-Him?
-Him.
-Is it a bad picture?
-No.
-You are joking.
-No.
-I must be a genius otherwise I don’t understand how can you like him?
-He is an artist.
-An artist?
-Yes.
-Is that enough? It can be!
-I don’t know. Now I like him, I find him fascinating, refined.
-Many others have been like that but you…
-There is something particular about this person.
-Ah! There was a secret then!
-Look well…
-Can it be seen?
-Of course!

She who incarnates the doubt looks, attentively, the picture. Then she says:

-I look and look but I can’t see anything!
-Nothing?
-Is it about a resembling?
-I don’t want to help you.
-Please… Tell me.
-No. Look. Take some time.

Some more time to look.

-There, he looks like your father!
-What are you talking about! You don’t know my father!
-Then I give up!
-Al right.
-Tell me!
-He looks like…
-I got it! Like your ex husband!
-But no!
-Come on, talk.
-He looks like Wilhelm Reich.
-No! No! No!
-He was an enlightened man, a researcher considered dangerous.
-A man who had issues with sex morals!
-Ah! You lost it!
-What do you mean?
-I’d need just a sentence of Reich to reply to you.
-Say it!
“It is necessary a great deal of experience to be able to recognize if scientific divergences are due to a lack of practical knowledge or philosophical motives.”
-We were talking about something else…
-Yes… about how much I like a man who resembles Reich.
-I don’t remember Reich physically.
-I can assure you that he evokes him very well, even in thought.
-That can’t be seen.
-You are the one who can’t…

Rome, subtle and joyful, graceful and revived. Autumnal. 2012 – Maria A. Listur