“Parla con una parola propria solo la ferita.”/“Only the wound speaks in its own words.”

Antonio Porchia

Un’arca di lacrime
Un passo ineluttabile
Una certezza scarnata
Un disamore aitante
Una pelle perpetua
Un sogno realizzabile
Una potenza sovrumana
Un perdono irreversibile
Una malattia salubre
Un orgasmo divino
Una vocazione solerte
Un gesto sanguinolento
Una tenacia accogliente
Un domani impareggiabile
Un’esistenza intatta

Un corpo, a me, somigliante

Mi donasti.

Precipitazione

Precipitazione – 2004 – Maria A. Listur

Roma, durante un’alba che non disconosce crepuscoli.

2013 – Maria A. Listur

 

“Only the wound speaks in its own words.”

Antonio Porchia

An ark of tears
An inevitable step
A rawboned certainty
A robust indifference
A perpetual skin
A feasible dream
A superhuman power
An irreversible forgiveness
A salubrious illness
A divine orgasm
A diligent vocation
A bloody gesture
A cozy tenacity
An incomparable tomorrow
An intact existence

A body, to me, alike

You gave me.

Rome, during a dawn that doesn’t refute the twilight. 2013 – Maria A. Listur

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...