Muscoli/Muscles

Le mani camminano il piano
I suoni riportano infanzie
Rimembrano:
Il danno e la forza
Il salto e la grazia
Gli idiomi, ogni codice
I viaggi, i morti
La morte.

Più tardi,
I piedi scivoleranno per Roma.
La sera,
Parigi inumidirà questa pelle.
Domani,
Un bacio scapperà dentro casa.
A Luglio,
Si danzerà sui colori…

Cuore mio! Più che muscolo!
Cosa saresti senza questo astuccio
Immenso e bianco
Alto ed elastico
Modulato e ferito?

Fen-VI

Fenomeni non Indirizzati VI – 2009/2014 – Maria A. Listur

Parigi, nel chiaro di luna che è alba. 2014 – Maria A. Listur

 

Muscles

The hands walk the piano
The sounds bring back the childhoods
Remember:
The damage and the strength
The jump and the grace
The idioms, each code
The journeys, the deaths
The death.

Later on,
The feet will grace through Rome.
The evening,
Paris will moist this skin.
Tomorrow,
A kiss will escape inside the house.
In July,
It will be danced over the colors…

Heart of mine! More that a muscle!
What would you be without this case
Immense and white
Tall and flexible
Modulated and wounded?

Paris, in the clair de lune that is dawn. 2014 – Maria A. Listur

“Quasi tutti gli uomini muoiono dei loro rimedi, non delle loro malattie.”/“Almost everyman dies of their own remedies, not of their illnesses.”

Molière

-Tutti d’accordo?
-Sì, tutti concordano.
-Si conoscono?
-No.
-Lo stai dicendo per contrariarmi?
-No.
-Omeopata, Digitopunturista, Nuova Medicina, Nutripuntore… Tutti d’accordo!
-Tutti gli stregoni!
-Tutti i medici che hanno deciso di continuare a dubitare.
-I tuoi stregoni.
-I miei medici.
-Inutile invitarti a riflettere.
-Sono proprio loro la fonte della mia riflessione…
-Non che io voglia fare una critica ma…
-… ma la stai già facendo…
-Sì… Faresti così anche se si trattasse del corpo di un’altra persona?
-Si tratta del mio di corpo.
-Appunto.
-Appunto.
-Visto? Inutile invitarti a cambiare idea!
-Sei preoccupata?
-Sì.
-Di cosa?
-Non accetto che tu non abbia un’assistenza tradizionale.
-Come mai pensi che farsi trattare da qualcuno privatamente non sia tradizionale?
-Sono le discipline che non sono tradizionali!
-La digitopressione, l’omeopatia, la psicosomatica, lo studio degli elementi che compongono il corpo, ecc., sono – anche con altri nomi – discipline anteriori al concetto di medicina o medicamenti! Sono parte della comunicazione!
-Ceeeertooooo… Alzati e cammina!
-Prima ancora del linguaggio!
-Nooooo… Meglioooooo… Ti curo con le mani!
-Non sei simpatica… Comunque apprezzo la preoccupazione!
-Sarò preoccupata! Non sono preoccupata!
-Quando?
-Quando ti ammalerai!
-Molte grazie per pensare che mi ammalerò!
-Non ho voluto dire quello… Voglio dire…
-Una risposta di protezione è sempre prodotto della fantasia di attacco!
-Non starai pensando che io ti auguro…
-Non penso niente… Sento che vorresti controllare anche il tempo della mia vita…
-Tu non mi vorresti con te per sempre?
-No. Soltanto quanto basta…

Roma. Ad alcuni sembra che maturare sia invecchiare quindi si compra dal chirurgo plastico un’impossibile freschezza… 2014 – Maria A. Listur

 

“Almost everyman dies of their own remedies, not of their illnesses.”

Molière

-Every one agrees?
-Yes, everyone does.
-Do they know each other?
-No.
-Are you saying this to annoy me?
-No.
-Homeopath, Digital puncturist, New Medicine, Nutri puncturist… Everyone agrees!
-All wizards!
-All the doctors have decided to continue to doubt.
-Your wizards.
-My doctors.
-Futile to invite you to think it over.
-Actually it is they who are the source of my reflection…
-It’s not that I want to criticize but…
-… but you are already doing it…
-Yes… Would you do the same if it was the body of another person?
-It’s about my body.
-Exactly.
-Exactly.
-See? It’s futile to invite you to change your mind!
-Are you worried?
-Yes.
-About what?
-I do not accept that you don’t have the traditional assistance.
-How come that you think that having yourself cured privately it is not traditional?
-Those disciplines are not traditional!
-The digital pressure, the homeopathy, the psychosomatic, the study of the element that compose the body, etc., are – even with other names – disciplines anterior to the concept of medicine and medicament! They are part of the communication!
-Suuuuure… Rise and walk!
-Even before the language!
-Nooooo… Betteeeeer… I cure you with my hands!
-You are not funny… Although I appreciate the concern!
-I will be concerned! I am not concerned!
-When?
-When you will get sick!
-Many thanks for thinking that I am going to be sick!
-I didn’t want to say that… I mean…
-A reply for protection it is always the product of a fantasy of an attack!
-You are not thinking that I am whishing you to…
-I think nothing… I think that you would like to control the time of my life as well…
-Wouldn’t you want me with you forever?
-No. Only just enough…

Rome. To some it seems that maturing is to grow old therefore it is bought an impossible freshness from the plastic surgeon… 2014 – Maria A. Listur

Incontro/Encounter

Da quanto hai deciso
di forgiare l’Olimpo
nelle mie labbra?

Chi ti ha svelato
la perfetta distanza
tra le ossa
e il corpo dell’anima?

Chi mi ha cucito alla pelle
la luna le stelle
ogni galassia?

Sei prudente nel trovare risposta
Sono temprata dall’ignoranza
Tu rispetti il mistero,
Signore.

Io mi arrendo impregnata
lambita, immersa.
Iniziata.

Sfere-3

Sfere III – 2014 – Maria A. Listur

Dove non ci sono frontiere. 2014 – Maria A. Listur

 

Encounter

Since when have you decided
to forge the Olympus
in my lips?

Who has revealed to you
the perfect distance
between the bones
and the body of the soul?

Who has sewed to the skin
the moon the stars
each galaxy?

You are careful to find the answer
I am toughened by ignorance
You respect the mystery,
Master.

I surrender impregnated
brushed, immersed.
Initiated.

Where there are no frontiers. 2014 – Maria A. Listur

“Nell’erotismo c’è questa gerarchia: chi fa; chi osserva; chi sa.”/“In Eroticism there is this hierarchy: who does; who watches; who knows.”

Karl Kraus

-Ti dispiace se uso il vivavoce?
-Se sei occupata ti chiamo più tardi.
-Posso parlare e continuare con quello che sto facendo.
-Che cosa fai?
-Mi do la crema.
-Non sembri tu?
-Perché? Adoro le creme.
-Dici di non fare due cose simultaneamente…
-Hai ragione.
-Ti chiamo più tardi?
-Più tardi sarò occupata.
-Come occupata? Sono le undici di sera…
-Appunto.
-Non sarai sola?
-Per te occupata significa accompagnata?
-Intuizione.
-Mmm…
-Ad essere sincera…
-Non esserlo!
-Ti prego lasciami dire…
-Dimmi.
-Vorrei immaginarti con qualcuno.
-Come mai?
-Non amo la solitudine.
-La tua.
-Neanche la tua.
-E perché?
-Perché non è naturale.
-Conosco tanta gente che per essere naturale, dorme con degli sconosciuti.
-Beh! Io non parlo di una storia tipo sbornia!
-Io parlo di gente che da decadi vive ubriaca di compagnia!
-Esiste però qualcosa di piacevole e naturale…
-Il tuo paradigma di piacevole e naturale deve essere anche il mio?
-Ancora ti stai dando la crema?
-Ora sono passata agli oli lubrificanti.
-Oli lubrificanti? Cosa ti devi lubrificare?
-Gli occhi e le orecchie.
-E perché?
-Per vederti e ascoltarti meglio mia cara Cappuccettina! Rispondi… I tuoi paradigmi sono validi anche per me?
-Ora capisco di no… Tu già dormi, naturalmente, con il tuo più grande amore… (Suona il citofono) Chi ti suona a quest’ora?
-Il produttore d’olio. Buonanotte…
-Digli che tu già dormi con te stessa! Buonanotte!

Orvieto, scoppiano sorprese nei calici sempre pieni. 2014 – Maria A. Listur

 

“In Eroticism there is this hierarchy:
who does; who watches; who knows.”

Karl Kraus

-Do you mind if I use the speakerphone?
-If you are busy I can call you later.
-I can talk and keep doing what I am doing.
-What are you doing?
-I am putting on some cream.
-It doesn’t sound like you?
-Why? I love creams.
-You say you don’t do two things simultaneously…
-You are right.
-Shall I call you later?
-Later I will be busy.
-What do you mean busy? It’s eleven o’clock at night…
-Exactly.
-You won’t be alone?
-To you being busy means to be with someone?
-Intuition.
-Mmm…
-To be honest…
-Don’t be!
-Please let me say it…
-Go on.
-I’d like to imagine you with someone.
-How come?
-I don’t like loneliness.
-Yours.
-Neither yours.
-And why?
-Because it’s not natural.
-I know many that to be natural, sleep with strangers.
-Well! I am not talking about a story like when one is drunk!
-I am talking about people that since decades lives drunk by company!
-There is though something enjoyable and natural…
-Your paradigm of enjoyable and natural has to be mine as well?
-Are you still putting on some cream?
-Now I switch to the lubricant oils.
-Lubricant oils? What do you have to lubricate?
-The eyes and the ears.
-And why?
-To see you and listen to you better my sweet Red Riding Hood! Tell me… Are you paradigms also for me as well?
-Now I understand that no… You already sleep, naturally, with your biggest love…
(The door phone buzzes) Who is it at this time?
-The oil maker. Goodnight…
-Tell him that you already sleep with yourself! Goodnight!

Orvieto, surprises burst in the ever full chalices. 2014 – Maria A. Listur

Notturno/Nocturne

Non ci tenta della luce la finzione
neppure Psiche e la sua curiosità.
Lasciamo pulita la via d’accesso
a chi sa d’essere ognuno
e ogni dove,
a chi sa.
Mille vite per nascondere il lume!
Quanti corpi per esaurire gli oli?
Quanti amanti di luce epidermica!
Quante lampade a sporcare ogni buio!
Tutto è tranne che inabile.
Tutto sono tranne che semplice.
E sapere chi dei due è Cupido
non è parte del vivere, aldilà.

Nocturnos 1
Nocturno I – 2014 – Maria A. Listur

Roma, nelle notti che sembrano giorno.
2014 – Maria A. Listur

 

Nocturne

It doesn’t tempt us of the light the fiction
neither Psyche and her curiosity.
Let’s leave cleaned the access point
to who knows of being anyone
and every where,
to who knows.
Thousand lives to hide a lamp!
How may bodies to consume the oils?
So many lovers of the epidermis light!
So many lamps to dirty each darkness!
All it is but disable.
All they are but simple.
And to know who of the two is Cupid
it’s not part of living, beyond.

Rome, in the nights that seem day.
2014 – Maria A. Listur

“Povertà senza debiti sarebbe una troppo grande solitudine, dice il povero nella sua saggezza.”/“Poverty with no debts would be a way too big loneliness, says the poor in his wisdom.”

Henri Michaux

-Non voglio stare nel tuo Libro d’Oro dei Debitori…
-Ahhhahhha!
-Non c’è niente da ridere… Lo dico sul serio.
-Ho riso perché nessuno mi ha mai dato un’immagine tanto spirituale dei debitori…
-Spirituale?
-Sì. Uno dei libri cardini del pensiero di Saint Germain si chiama “Il Libro d’Oro di Saint Germain”.
-Purtroppo non volevo essere spirituale. Hai capito male.
-Non cercavo di capire, ho associato senza volontà…
-Le associazioni ti avvengono? Senza volontà?
-Vuoi entrare nel fumoso mondo dell’origine del pensiero?
-M’interessa sapere se sei vittima delle associazioni.
-Vittima? Associo senza fatica e qualche volta senza volontà.
-Scappi dall’argomento?
-Posso tornare quando voglio. Il mio albero delle tangenti è fatto da pezzettini di pane.
-Hansel e Gretel?
-Sì, entrambi; mi perdo ma sicura di aver lasciato traccia di pane… Quindi, cosa ti pesa di essere parte del mio Libro d’Oro…
-Vorrei non odiarti.
-Hai detto di volerlo e di non potertelo permettere. Adesso.
-Ti odierò.
-Divino Merlino… Dimmi quando?
-Quando non potrò ricambiarti.
-Non mi pagherai mai?
-Ho paura che se ti pagherò, la povertà non sarà più parte della mia vita quindi… Credo che tra sanare l’aspetto fallimentare della mia famiglia e indebitarmi a vita, sceglierò il debito.
-Bert Hellinger e la fedeltà alla famiglia?
-Sì.
-Ma.. stai parlando d’odio… Questa aggiunta è tua. Cosa c’entra?
-Che se la follia non s’impossesserà di me, ricorderò questo dialogo, la mia gratitudine irretita e il tuo amore…
-Amore? Tu chiami amore la disponibilità?
-Perché secondo te la disponibilità non è una forma d’amore?
-Io non so cosa sia l’amore.
-Unione, legame, reciprocità…
-Dicono che l’odio unisca molto di più dell’amore…

Roma, magnifica e fertile signora che senza misure sa della luce del buio.
2014 – Maria A. Listur

 

“Poverty with no debts would be a way too big loneliness,
says the poor in his wisdom.”

Henri Michaux

-I don’t want to be in your Golden Book of the Debtor…
-Ahhhahhha!
-It’s not funny at all… I am serious.
-I laughed because no one has ever given me such a spiritual image of a debtor…
-Spiritual?
-Yes. One of the pivotal books of the Saint Germain’s thought it is called “The Golden Book of Saint Germain”.
-Unfortunately I didn’t want to be spiritual. You got it wrong.
-I didn’t try to get it, I just connected with no will…
-Connections just happens? Without will?
-Do you want to get in to the smoky world of the origin of the thought?
-I am interested to know if you are a victim of the connections.
-Victim? I connect with no fatigue and sometimes with no will.
-Are you changing subject?
-I can get back at it whenever I want. My tangential tree is made of breadcrumbs.
-Hansel e Gretel?
-Yes, both; I get lost but sure of having left a breadcrumb… So, what is that burdens you of being part of my Golden book…
-I wish I would not hate you.
-You said that you wanted it and that you can’t afford it. For now
-I’ll hate you.
-Holy Merlin… Tell me when?
-When I won’t be able to reciprocate.
-You’ll never pay me back?
-I am afraid that if I pay you back, poverty will never be a part of my life so…
I think that between curing the bankruptcy aspect of my family and falling in to debt for life, I’ll choose the debt.
-Bert Hellinger and being loyal to the family?
-Yes.
-But…You are talking about hate… This adding is yours. What has got to do with it?
-If folly won’t posses me, I will remember this conversation, my enmeshed gratitude and your love…
-Love? Are you calling love being helpful?
-Why, don’t you think that being helpful is a form of love?
-I don’t know what love is.
-Union, connection, reciprocity…
-They say that hate unites much more than love…

Rome, magnificent and fertile lady that with no measures knows about the light of the darkness. 2014 – Maria A. Listur

Variazioni/Variations

Se l’unità si ritrova all’interno
E l’interno è una forma di fuga
E se la fuga è altra armonia
E l’armonia imita Xerse
E Xerse è anche il poeta
E il poeta raccorda i suoi tempi

Il tempo all’interno si coordina
Il poeta fugge comunque in grazia
Xerse è armonia dell’aria
L’armonia è unità ritrovata
La fuga è l‘interno del verso
ove de-crea la mia anima.

Sfere-2

Sfere II – 2014 – Maria A. Listur

Roma, che salvaguardi i sospiri.
2014 – Maria A. Listur

 

Variations

If unity is located inside
And the inside is a form escaping
And if escaping is another form of harmony
And Harmony imitates Xerxses
And Xerxses it is also the poet
And the poet tunes his own times

The time inside coordinates itself
The poet escapes anyhow the grace
Xerxses is harmony of the air
Harmony is recovered unity
The escape is the inside of the verse
where de-creates my soul.

Rome, that safeguards the whispers.
2014 – Maria A. Listur

I pittori e la loro epoca/The Painters and Their Time

-Si può dipingere un quadro con qualsiasi cosa?
-Non lo so…
-Dipingiamo con il pancino?
-Provi a dirmi come?
-Dipingiamo con quello che mi si muove dentro il pancino quando vedo alcune cose…
-Quali cose?
-Il mare… Il buco delle scale…
-Cosa si muove?
-La cacca.
-Ah…
-Si può dipingere con la cacca?
-Ti piacerebbe?
-Non lo so ma l’ho pensato quando la maestra ha detto che dobbiamo cercare di riciclare tutto…
-Per quel tipo di riciclo abbiamo il bagno.
-Io potrei usare la cacca per dipingere il tubo da dove va giù… Noi stiamo al quarto piano… La nostra cacca passa per tutte le case ed io potrei disegnarla…
-Quello non è però riciclarla…
-Se dipingo con la cacca raccolta posso fare tante opere… Non sai! Mio fratello sta delle ore in bagno… T’immagini la quantità di cacca che fa! Potremo riempire un museo come quello di vetro di Parigi!
-Il Louvre è pieno…
-Di opere di cacca no!
-Alcuni pensano diversamente…
-Lo sapevo lo sapevo!
-Cosa?
-Che qualcun altro l’aveva fatto prima di me!
-No tesoro, scherzavo. Non so chi ha usato o non ha usato la cacca per dipingere!
-Ci proviamo?
-Preferirei usare gli acquarelli o i gessetti.
-Ma così si inquina! Dobbiamo usare cose naturali!
-Usiamo delle terre?
-E pensi che nella terra non c’è la cacca? Allora meglio la mia no?
-Sono terre speciali che unite all’acqua diventano pittura.
-Noooo! Non possiamo sprecare l’acqua!
-Io trovo che possiamo usare tante altre cose prima di pensare alla cacca… E poi, io non saprei come fare…
-Ma la mamma ha detto che tu sai fare queste cose…
-Sicuramente la mamma pensa che io so fare delle cose che non so fare…
-Io ho sentito mia mamma che diceva “Maria Listur vede cose buone anche nella cacca!”
-Ahhh… E la mamma ha ragione… Io le vedo ma non le dipingo…
-Allora prendo i pastelli?

Roma. “Nel mondo dei bambini tutti i quadri sono appesi troppo in alto.”
Stig Dagerman
2014 – Maria A. Listur

 

The Painters and Their Time

-Is it possible to paint with any thing?
-I don’t know…
-Can we paint with the belly?
-Can you tell me how?
-Let’s paint with what moves inside my belly when I see some things…
-What things?
-The sea… The hole of the stairs…
-What does it move?
-The poo.
-Ah…
-Is it possible to paint with poo?
-Would you like to?
-I don’t know but I thought about it when the teacher said that we have to try to recycle everything…
-For that kind of recycle we have the toilet.
-I could use the poo to paint the drain from where it goes down… We are on the fourth floor… Our poo goes through every house and I could paint it…
-That it is not recycling it though…
-If I paint with collected poo I could do many paintings… You have no idea! My brother stays in the toilet for hours… Can you imagine the amount of poo that he does! We could fill up a museum like the one in Paris!
-The Louvre is full…
-Not of paintings made of poo!
-Some thinks otherwise…
-I knew it I knew it!
-What?
-That someone else had already done it before me!
-No honey, I was joking. I don’t know who has use or has not use poo to paint!
-Shall we try it?
-I’d rather use watercolors or chalks.
-But that’s polluting! We have to use natural things!
-Shall we use some dirt?
-And you think that there is no poo in dirt? Wouldn’t it be better mine?
-Those are special dirt that combined with water become paint.
-Noooo! We can’t waist water!
-I think we could use many other things before thinking about the poo… Besides, I wouldn’t know how to do it…
-But mommy told me that you could do these things…
-Probably your mom thinks that I can do things that I can’t…
-I heard my mommy saying “Maria Listur sees good even in poo!”
-Ahhh… And your mom is right… I do but I don’t paint it…
-So shall I take the pastels?

Rome. “In children’s world all the paintings are hanged too high.”
Stig Dagerman
2014 – Maria A. Listur

Buone parole verso me/Good words to me

Ogni scapola rammenta quando era ala,
le dita carezzavano le nuvole.
Ogni gamba poggiava sulla pioggia,
il petto aveva sette cuori.
Allora, la luce era costante,
il buio serviva per accenderla.
Gli occhi erano tutto l’essere,
la voce rispecchiava tutti i cori.
Il mio corpo sa di essere quel tempo,
ritorna in creazione:
quel che del cielo è carne
quanto del mio sangue sono le stelle!

Fenomeni-Hill-10

Fenomeni non Indirizzati – X – 2009 / 2014 – Maria A. Listur

Roma, primo giovedì del 2014. Con gratitudine. Maria A. Listur

 

Good words to me

Each scapula reminds when it was wing,
the fingers would caress the clouds.
Each leg would rest on the rain,
the chest would have seven hearts.
Then the light was constant,
the darkness was used to turn it on.
The eyes were the whole being,
the voice reflected all the choirs.
My body knows to be that time,
returns into creation:
that that of the sky is flesh
as well as of my blood are the stars!

Rome, first Thursday of 2014. With gratitude. Maria A. Listur