Buone parole verso me/Good words to me

Ogni scapola rammenta quando era ala,
le dita carezzavano le nuvole.
Ogni gamba poggiava sulla pioggia,
il petto aveva sette cuori.
Allora, la luce era costante,
il buio serviva per accenderla.
Gli occhi erano tutto l’essere,
la voce rispecchiava tutti i cori.
Il mio corpo sa di essere quel tempo,
ritorna in creazione:
quel che del cielo è carne
quanto del mio sangue sono le stelle!

Fenomeni-Hill-10

Fenomeni non Indirizzati – X – 2009 / 2014 – Maria A. Listur

Roma, primo giovedì del 2014. Con gratitudine. Maria A. Listur

 

Good words to me

Each scapula reminds when it was wing,
the fingers would caress the clouds.
Each leg would rest on the rain,
the chest would have seven hearts.
Then the light was constant,
the darkness was used to turn it on.
The eyes were the whole being,
the voice reflected all the choirs.
My body knows to be that time,
returns into creation:
that that of the sky is flesh
as well as of my blood are the stars!

Rome, first Thursday of 2014. With gratitude. Maria A. Listur

2 thoughts on “Buone parole verso me/Good words to me

  1. Pavolo ha detto:

    Wow,
    bellissimo!
    Grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...