Tè/Tea

Sovrane dilatate indolenti
Disponibili candide contenute
Profumate e mute
Impregnate, si schiudono.
Sembrano idiomi, il verde e l’oro
E nel fumo, l’aroma distende le ali.
Quando ogni istante è sempre supremo:
Come scorgere il migliore dal meglio?
Gelsomino, Verde… Bancha fiorito?
Cannella, Zenzero… Imperiale?
Degli Angeli, Agrumi… Yerba Mate?
Infiniti accordi risonanze e chiavi.
Suprema l’anima, garantisce la scelta.
E la casa capovolta che è tazza
ogni predilezione, avanza.

Sfere-4

Sfere IV – 2014 – Maria A. Listur

Roma, porto del mio Oriente.
2014 – Maria A. Listur

 

Tea

Supreme enlarged indolent
Available candid contained
Fragrant and mute
Impregnated, they blossom.
They seem idioms, the green and the golden
And in the smoke, the aroma spreads its wings.
When each moment is always supreme:
How to grasp the better from the best?
Jasmine, Green… Blossomed Bancha?
Cinnamon, Ginger… Imperial?
Of the Angels, Citrus… Yerba Mate?
Infinite accords resonances and keys.
Supreme the soul, guarantees the choice.
And the upside down home that is the cup
each predilection, puts forward.

Rome, harbor of my Orient.
2014 – Maria A. Listur

“L’arte di vivere è l’arte di saper credere alle menzogne.”/“The art of living is the art of being able to believe in falsehoods.”

Cesare Pavese

-Non dovresti spiegare?
-Non posso.
-Stai scherzando?
-Non me l’ha chiesto.
-Ci sono cose che non si possono chiedere ma che meritano una spiegazione.
-Ah sì?
-Si tratta di sincerità.
-Fammi la cortesia! Io me ne frego della sincerità quando è offensiva!
-Sbagli! Alla lunga, ti ringraziano per aver sostenuto la verità.
-Alla lunga? Abbiamo mezzo secolo di vita! Quale lunga? Smetti di parlare come se avessi vent’anni!
-La verità non ha prezzo né età!
-Sì! Raccontarglielo a qualche avvocato!
-La verità ti mantiene sveglia!
-Ma chi se ne frega! Certe verità non sono necessarie!
-Preferisci le menzogne?
-Preferisco tacere.
-Tranne quando ti si fa una domanda diretta!
-L’ho detto io per prima! Ho detto che non glielo spiego perché non me l’ha chiesto.
-Come si fa a chiedere a qualcuno sul rifiuto quando l’unica cosa che hai saputo dire è “No”?
-Che cosa avrei dovuto dire?
-Dare una spiegazione.
-Del “No”?
-Certo.
-Dire le motivazioni del “No”?
-Sì.
-Avrei dovuto dire: “Non accetto l’invito perché quando t’incontro ti vedo come l’ultima volta, con un costumino da bagno ideale per mio figlio quando aveva sette anni”?
-Sì.
-Ma perché?
-Chissà che possa finalmente comprendere che sei una delle donne più frivole e snob di questo mondo e che smetta di andare per la vita pensando di aver incontrato una donna speciale!
-Questo lo pensi tu quindi, diglielo.
-Non mi crederebbe.
-Certo che ti crederà, digli che abbiamo discusso per lui e ti crederà.
-Allora lo trovi anche stupido!
-No, penso gli piacerà sapere che grazie al mio rifiuto lo hai difeso e inoltre che io sono una banalissima fingitrice di riflessioni.
-Non ti piace la difesa dell’uomo! Dillo!
-Tu stai prendendo le difese di un costume! Ed io sto difendendo la mia impossibilità di vederlo diversamente mentre mi serve il vino! Cosa ci posso fare?
-Ti piacerebbe essere giudicata per le mutande?
-Nella vita io ho sbagliato quasi tutto, tranne le mutande.

Rapolano, dove la nudità è anche dichiarazione politica. 2014 – Maria A. Listur

 

“The art of living is the art of being able to believe in falsehoods.”

Cesare Pavese

-Shouldn’t you explain?
-I can’t.
-Are you joking?
-I wasn’t asked.
-There are things that cannot be asked but deserve an explanation.
-Oh yes?
-It’s about sincerity.
-Give me a break! I don’t give a damn about sincerity when it is offensive!
-You are wrong! In the end, they will thank you for having hold up to the truth.
-In the end? We are half century of life! What end? Stop talking as you were twenty!
-Truth has nor price or age!
-Yes! Tell it to some lawyer!
-Truth keeps you awake!
-But who cares! Some truths are not necessary!
-You prefer falsehoods?
-I prefer silence.
-Except when someone asks you a straight question!
-I said earlier! I said that I am not explaining it because I wasn’t asked.
-How can someone ask to someone about the denial when the only thing you could say was “No”?
-What should I have said?
-Give an explanation.
-Of the “No”?
-Sure.
-Say the motivation of the “No”?
-Yes.
-Should I have said: “I don’t accept the invitation because when I meet you I see you like the last time, with a swim brief ideal for my son when he was seven”?
-Yes.
-But why?
-Perhaps he could finally understand that you are one of the most frivolous and snob women of this world and stop going in life thinking of having met a special woman!
-This is what you think so, tell him.
-He wouldn’t believe me.
-Of course he would, tell him that we have discussed over him and he’ll believe you.
-So you think he’s also stupid!
-No, I think he will like to know that thanks to my refuse you have defended him and that I am a very banal faker of reflections.
-You don’t like the defense of the man! Say it!
-You are taking the side of a swim brief! And I am defending my impossibility of seeing him differently while he serves me wine! What can I do about it?
-Would you like to be judged by you underwear?
-In life I got wrong almost everything, but the underwear.

Rapolano, where the nudity is also a political statement. 2014 – Maria A. Listur

Un uomo/A Man

Attraversata da parte a parte
Dall’alto in basso
Contrariamente pure
Senza proroghe
Inumidita nel proprio sangue
Da sponda a sponda
Inversamente persino
Assenti le titubanze
Mi donasti il segreto
Di curare l’inguaribile
Di tornare infante
Di compiere
Per cominciare.

Poiesis-2-VII

Poiesis 2/VII – 2014 – Maria A. Listur

Roma, primavera invernale. 2014 – Maria A. Listur

 

A Man

Passed through from side to side
From top to bottom
Contrarily as well
Without extensions
Moisten in my own blood
From shore to shore
Inversely even
Absent the hesitations
You donated me the secret
Of curing the incurable
Of returning to infancy
Of achieving
to begin.

Rome, wintry spring. 2014 – Maria A. Listur

Miopie e Astigmatismi/Myopias and Astigmatisms

-Stai tranquilla che non mi ha visto!
-Non è possibile! Ti ha visto!
-Ti dico di no!
-Come fai a essere così sicura? Ti vedrebbero anche da Livorno!
-Perché le sarebbe venuto un infarto…
-Non so cosa ti fa tanto ridere!
-La tua preoccupazione.
-Non vorrei che si creassero ulteriori tensioni.
-Ulteriori? In quale senso?
-Noto che tutti sono molto appariscenti e preoccupati per farsi vedere.
-Non frequenti quest’ambiente altrimenti lo troveresti normale.
-Noioso.
-Per quest’ambiente è “normale”… Se vuoi andiamo via.
-No, mi fa piacere imparare.
-Cosa?
-Per esempio quello che stai dicendo o come ti muoverai quando non si potrà evitare che ti veda.
-Non mi vedrà.
-E come farai?
-Non farò niente, piuttosto succederà quello che diceva un mio amico attore che adorava sedurre le donne facendosi passare per uno psichiatra: “Il suo inconscio farà che non la veda perché sta cercando di negarla nel fondo del proprio animo…” Pessimo psichiatra ma le innamorava tutte!
-Ti sei innamorata?
-No quando faceva lo psichiatra.
-Quando?
-Quando scambiò la droga per le mie tette!
-Solo le tette?
-Era un modo di dire per definire il “tipo succhiante”.
-Ora ti ha visto!
-Ti dico di no! Smettila! Poi, se mi vede non si avvicinerà!
-Certo, ti vede e non ti saluta?
-Non mi saluterà per paura del mio effetto “OcchioHulk”… Mi conosce troppo…
-Come hai detto?
-L’OcchioHulk è quello che mi succede quando vedo una cara amica vestita o truccata male… Mi si allungano e diventano più verdi… Non riesco a fingere…
-Ora con lei potresti anche fingere… Soltanto tu puoi chiamarla “amica”…
-Non essere gelosa… Ti amerei nello stesso modo, anche se ti vestissi da figlia di Dracula e non è una festa di Carnevale!
-Anch’io ho notato i capelli… E il fondo tinta… Perché tanto? Ci sono cose che non si possono coprire…
-Speranza di poter truccare l’animo?

Sorrento, il vento porta risate dove tutti sembriamo uguali. 2014 – Maria A. Listur

 

Myopias and Astigmatisms

-Don’t worry she hasn’t seen me!
-It’s not possible! She did!
-I am telling you she didn’t!
-How can you be so sure? Anyone could see you from Livorno!
-Because it would have given her a heart attack…
-I don’t know what makes you laugh so much!
-Your preoccupations.
-I wouldn’t want to create further tensions.
-Further? What do you mean?
-I am noticing that everybody is very ostentatious and worried to show themselves.
-You don’t hang out this milieu otherwise you’d find it natural.
-Boring.
-For this milieu it’s “normal”… We can leave if you want.
-No, I like to learn.
-What?
-For example what you are saying or how will you move when it won’t be possible to avoid that she sees you.
-She won’t.
-And how will you do that?
-I won’t do a thing, instead it will happen what my actor friend that adored to seduce women passing off as a psychiatric used to say: “Her subconscious will work in a way that she won’t see me because it is trying to deny it in the bottom of its own soul…” Bad psychiatric but he would make them all fall in love!
-Did you fall in love?
-Not when he played the psychiatric.
-When?
-When he swapped the drugs with my boobs!
-Only the boobs?
-It was a way to define the “sucking type”.
-She saw you now!
-I am telling you no! Stop it! Also, if she sees me she won’t come closer!
-Sure, she sees you and doesn’t even greet you?
-She won’t greet me fearing my “HulkEye” effect… She knows me too well…
-What did you say?
-The HulkEye is what happens when I see a dear friend badly dressed up or with a bad make up… They get wider and become greener… I can’t fake it…
-Now you could fake it for her… Only you can call her “friend”…
-Don’t be jealous… I’d love you in the same way, even if you’d dressed as Dracula’s daughter and it was not a Carnival party!
-I have also noticed the hair… And the foundation… Why so much? There are things that cannot be concealed…
-Hope of being able to put some make up on the soul?

Sorrento, the wind carries laughs where we all seem the same. 2014 – Maria A. Listur

Dopo/After

E,
per un momento sarò infinita
Più che bella, astratta
Altamente piccola, rinvangata
Inestinguibile e ardua
Moderata esplosiva e vana
Fiduciosa e sfiduciata
Oscura quasi accecata
Modellata rumorosa stanca
Più che gioiosa, contemporanea
Perennemente fine, accompagnata
Provocatrice e tanta
Unica molteplice e pungente
Placida e placcata
Chiara quasi perfezionata
Divina vociatrice ristrutturata

Così sarò,
per un momento e poi,
andrò.

Linea-1

Linea I – 2014 – Maria A. Listur

Parigi, quando il cielo è un fiume in fiamme.
2014 – Maria A. Listur

 

After

And,
for a moment I will be infinite
More than beautiful, abstract
Highly small, dug up
Inextinguishable and arduous
Moderate explosive and vain
Confident and discouraged
Obscure almost blinded
Modeled loud tired
More than joyful, contemporary
Perennially refined, accompanied
Provocative and plenty
Unique multiple and pungent
Placid and plated
Clear almost perfected
Divine restructured vociferator

So will I be,
for a moment and then,
I’ll go.

Paris, when the sky is a river in flames.
2014 – Maria A. Listur

“La liberalità consiste più che nel donare molto, nel donare a proposito.”/“Liberality consists more than in donating a lot, in donating on purpose.”

Jean de La Bruyère

-Perché gliel’hai dato?
-Perché se lo goda…
-Lo dovrebbe comprare!
-Non può…
-Allora regala le tue opere a tutti i poveri!
-Non è soltanto una questione di denaro.
-Hai detto che non può comprarlo…
-Non mi sono espressa così…
-Tacitamente sì!
-Nelle tue elucubrazioni!
-Hai detto che non può comprarlo!
-Ma non è una questione di soldi…
-E quali sarebbero le altre “questioni”?
-Intensità.
-Intensità di spendere!
-Alcune persone pensano che l’opera d’arte sia un bene superfluo.
-E proprio a quelle persone tu glieli regali.
-Proprio a quelle!
-Mi disgusti!
-Cosa ti disgusta?
-La benefattrice!
-Stimolatrice?
-Non riesco a immaginarti come un vibratore…
-Non sono gli unici stimolatori che usi… Spero…
-Quelli che uso me li compro!
-Ti ho capito ma…
-Ripeto: allora regala le tue opere ai poveri!
-Io non ho parlato delle finanze delle persone cui regalo le mie opere…
-Ma hai detto che non può comprarlo!
-Credo che stiamo dicendo lo stesso…
-Questo non lo so ma, se si vuole possedere delle opere d’arte, si devono comprare!
-Sono d’accordo ma non puoi se non sei educato “nell’arte”.
-Si educassero!
-Ecco, appunto!
-Siamo d’accordo? Mi sono persa…
-Provo a farlo…
-Essere d’accordo?
-Nutrire, lì dove non c’è educazione, e non importa se sono ricchi o poveri o mezze misure o mezze fortune…
-Allora pensi che io sia un’ignorante?
-No, a te le ho regalate per il nostro piacere e perché le mie opere valgono di più di una delle tue borse Gucci…
-Nel ruolo della stimolatrice, non saprei definirti.
-Sono un vibratore anatomico.

Milano, quando il gelo diventa fuoco. 2014 – Maria A. Listur

 

“Liberality consists more than in donating a lot, in donating on purpose.”

Jean de La Bruyère

-Why did you give it to him/her?
-So that it can be enjoyed…
-He/she should have bought it!
-He/she can’t…
-Than donate your works to the poor!
-It is not only a matter of money.
-You said that he/she couldn’t buy it…
-I didn’t express myself like that…
-Silently you did!
-In your ponderings!
-You said that he/she couldn’t buy it!
-But it is not a question of money…
-And what would the other “questions” be?
-Intensity.
-Intensity in spending!
-Some people think that the work of art is a superfluous good.
-And to those people you donate them.
-Exactly to them!
-You disgust me!
-What does it disgust you?
-The benefactress!
-Stimulator?
-I can’t imagine you as a vibrator…
-Those are not the only stimulators you use… I hope…
-Those that I use I buy for myself!
-I understand you but…
-I repeat: then donate your works to the poor!
-I didn’t talk about the finances of the people to whom I donate my works…
-But you said that he/she couldn’t buy it!
-I believe we are saying the same…
-I don’t know about that, but if someone wants to have works of art, someone should buy them!
-I agree but you can’t if you are not educated “in art”.
-Well they should get educated!
-That’s it, exactly!
-Do we agree? I got lost…
-I am trying to do it…
-To agree?
-Nourish, there where there is no education, and doesn’t matter if they are rich or poor or half measures or half fortunate…
-So you must think I am an ignorant?
-No, I donate them to you for our pleasure and because my works are worth more than one of your Gucci bag…
-In the role of the stimulator, I wouldn’t know how to define you.
-I am an anatomic vibrator.

Milan, when the chill becomes fire. 2014 – Maria A. Listur

Le piccole morti/The Small Deaths

Uno spazio netto si è demarcato
precisa anche la sua tinta:
da saper di mare anche se assente.
Da ripristinare ali anche nei sogni:
Una rotta ma mai la stessa.
Una memoria assai munifica.
Quella volta che dicesti “mia”.
Quando il tempo era tempesta.
Quando credevi e non sapevi.

Sì, un luogo ben delimitato
affrancato esatto e già concluso:
da ringraziare per benedire.
Da ricordare per non ripetere:
Un fortunato apprendimento.
Un fallimento che è la gloria.
Ciò che eri in questa vita.
Quel vero inganno cui tu credi.
Ciò che prometti e non ricordi.

Certo è nitido questo territorio
dove eravamo soltanto incontro.

Nouvelle-Vie-3

Nouvelle Vie III – 2014 – Maria A. Listur

Roma, quasi orfana.
2014. Maria A. Listur

 

The Small Deaths

A clean space has been demarcated
precise also its own color:
that it tastes like sea even if absent.
That restores wings even in the dreams:
A course but never the same.
A memory very unstinting.
That time you said “mine”.
When the time was storm.
When you believed and didn’t know.

Yes, a well delimited place
liberated exact and yet concluded:
that thanks in order to bless.
That remembers in order to not repeat:
A fortunate lesson.
A failure that is the glory.
What you were in this life.
That real deceit to which you believe.
What you promise and do not remember.

It is surely clear this territory
where we were only encounter.

Rome, almost orphan.
2014. Maria A. Listur

“Sono nato per rimanere giovane, e ho avuto il vantaggio di accorgermene il giorno in cui ho smesso di esserlo.”/“I was born to stay young, and I have had the advantage of realizing it the day I stopped being so.”

Georges Courteline

-Ci ripenserà?
-Ci ho già ripensato.
-Mi è sembrata una risposta passionale…
-Riesco a pensare in modo passionale.
-Ora le serve soltanto la logica.
-Trattandosi del mio corpo mi serve anche la passione.
-Lasci da parte il corpo…
-Secondo Lei io vado al suo bosco ed entro nella sua jacuzzi con la mente e senza il corpo?
-Lei usa il corpo per portare la sua mente! La sto invitando a un Simposio Termale Moderno.
-Socrate lo avrebbe chiamato “dialettica”.
-Questo è un dettaglio…
-Lei mi sta invitando al Suo Bagno Termale…
-Anche questo è un dettaglio… Lei è una salutista ed io ho una piscina in un bosco…
-E le ripeto che non accetto l’invito.
-Se ha paura del freddo sappia che si rientra dalla grotta interna che ci porta direttamente a casa. Tutto è riscaldato…
-Non ho paura del freddo.
-Ma Lei ha paura di qualcosa?
-Perché chiama paura qualcosa che è ben altro e che ha già capito?
-Perché glielo voglio sentir dire!
-Non voglio fare il bagno con Lei!
-Non mi sta dicendo il perché e potrei pensare abbia paura di stare da sola con me… Ci sarà con noi il responsabile della piscina e più tardi il cameriere della casa.
-La prego. Non insista…
-Mi piace vederla così scomoda… Non ho mai avuto il piacere…
-Devo andare. La ringrazio per il pranzo.
-Ringrazi L. che ci ha fatto incontrare.
-Grazie. Buon pomeriggio.
-Domani sera, nell’uscita principale della sua casa, la attenderà una macchina, dalle 19:30 fino alle 20:30. Ci ripensi senza vagina.
-Scusi?
-Lei ha paura di qualcosa d’intimo…
-Buon pomeriggio.
-L’ho offesa?
-Mi avrebbe offesa se Lei non fosse uno psicanalista. Lei dice “vagina” e io penso “pene”…
-E cosa pensa se dico “Lei mi piace molto…”
-Penso “Troppo giovane…”
-Siamo coetanei!
-Soltanto anagraficamente.

In un luogo dove tutto si riscalda velocemente. 2014 – Maria A. Listur

 

“I was born to stay young, and I have had the advantage of realizing it the day I stopped being so.”

Georges Courteline

-Will you think it over?
-I already have.
-It sounded to me as a passionate answer…
-I manage to think in a passionate way.
-Now you just need logics.
-Since it is about my body I also need the passion.
-Let the body aside…
-To you I just get in to your forest and get inside your Jacuzzi with the mind and without the body?
-You use the body to carry your mind! I am inviting you to a Modern Thermal Symposium.
-Socrates would have called it “dialectics”.
-This is a detail…
-You are inviting me to Your Thermal Bath…
-This is also a detail… You are a health fanatic and I have a pool in a forest…
-And I repeat that I don’t accept the invitation.
-If you are afraid of the cold you ought to know that we enter from the internal cave that leads straight to the house. Everything is warmed up…
-I am not afraid of the cold.
-But are you afraid of something?
-Why do you call fear something that is another thing and that you have already understood?
-Because I want to hear you saying it!
-I don’t want to take a bath with you!
-You are not telling me why and I could think that you might be afraid of being alone with me… There will be the manager of the pool and later on the butler of the house.
-I beg you do not insist…
-I like to see you so uncomfortable… I have never had the pleasure…
-I have to go. I thank you for the lunch.
-Do thank L. that made us meet.
-Thanks. Good afternoon.
-Tomorrow evening, at the main entrance of your house, there is going to be a car, from 19:30 until 20:30. Think it over without vagina.
-Excuse me?
-You are afraid of something intimate…
-Good afternoon.
-Have I offended you?
-You would have offended me if you weren’t a psychoanalyst. You say “vagina” and I think “penis”…
-And what do you think if I say, “I like you a lot…”
-I think “Too young…”
-We are contemporary!
-Only according to public records.

In a place where everything heats up rapidly. 2014 – Maria A. Listur