Istinto/Instinct

Come chi nella fame le mani distende
verso un po’ di pane. Miraggio.
Come ogni donna che spalanca le gambe
nel passare vita, lingua, viale. Confida.
Come chi danza per sopravvivere
non guarda dietro, non guarda ai lati. Ammira.

Così prendemmo il cibo, il tempo, il gioco.
Così pronunciammo: “Dobbiamo andare”.

Ignoravamo ogni scaltrezza
e “Dare tutto” era cibaria.
Una e solo una tra le sicurezze:
il nostro esilio era già eterno
era slancio, salto, applauso
altra danza.

Fenomeni-Hill-2Fenomeni Non Indirizzati II – 2009/2014 – Maria A. Listur

Roma, barca e mare di ogni navigatore.
2014 – Maria A. Listur

 

Instinct

As those who live in hunger the hands stretches out
towards a piece of bread. Mirage.
Like each woman who spreads the legs
in passing on life, tongue, life. Confides.
As those who dance to survive
don’t look back, don’t look aside. Admires.

So we took the food, the time, the game.
So we pronounced: “We have to go”.

We ignored every craftiness
and “Giving all” was food.
One and only one among our self confidence:
our exile was already eternal
it was outburst, leap, applause
other dance.

Rome, boat and sea of every seaman.
2014 – Maria A. Listur

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...