Miracoli/Miracles

Come fossimo:
Labirinto e Minotauro
Deserto e rugiada
Afrodite e luna
Obelisco e memoria
Biblioteca e Alessandria
Patria e bandiera
Utamaro ed Eros;
Il Sogno dell’Uno,
In due
– qualche volta –
Si consegue.

Nouvelle-Vie-5

Nouvelle Vie V – 2014 – Maria A. Listur

Parigi, avvolta e condotta.
2014 – Maria A. Listur

 

Miracles

As we were:
Labyrinth and Minotaur
Desert and dew
Aphrodite and moon
Obelisk and memory
Bibliotheca and Alessandria
Homeland and flag
Utamaro and Eros;
The Dream of the One
In two – sometimes –
It can be achieved.

Paris, wrapped and conducted.
2014 – Maria A. Listur

“Scrivere è un modo di parlare senza essere interrotti.”/“Writing is a way of talking without being interrupted.”

Jules Renard

-Che privilegio!
-L’interesse sembra l’infrastruttura intrappolata e incolume dell’ignoranza.
-Mi stavo riferendo alla bellezza del panorama…
-Impossibile instabilità dell’inferno.
-Allenamento delle “i”?
-Intollerabile inutilità!
-Per favore, vuoi parlare normalmente?
-Irreprobabile implorazione.
-Smettila.
-Inquietudine incerta…
-Dovrei ridere?
-Inadeguata imposizione!
-Ti piace giocare da solo?
-Irritato imploro inerenza.
-Ti annoia questa passeggiata?
-Indocile indulgo.
-Ti prego di spiegarti perché non ti seguo.
-Individualista indisposta!
-Continuiamo la passeggiata separatamente?
-Indeiscente!
-Ah sì? Ti sembro immatura?
-Inumana.
-Potrebbe essere un complimento…
-Ingenua.
-Mmm.
-Intiepidisco intemperanze.
-Sollevata semplifico spirito sprovvisto!
-Impressionato inganno!
-Un tè, un bicchiere di champagne? Quello che vuoi pur di smetterla!
-Invocatrice incontentabile!
-Tutto questo circo per dirmi questa frase.
-Sì.
-Sarcastico…
-Innamorato.
-Imprevisto impensato inatteso…
-Incantato imploro.
-Cosa?
-L’indicibile.

Assisi, dove le pietre ricordano stelle. 2014 – Maria A. Listur

 

“Writing is a way of talking without being interrupted.”

Jules Renard

-What a privilege!
-Interest seems the infrastructure imprisoned and intact of the ignorance.
-I was referring to the beauty of the landscape…
-Impossible instability of the inferno.
-Training with your “i’s”?
-Intolerable inutility!
-Please, could you talk normally?
-Intolerable inanity.
-Stop it.
-Indeterminate Inquietude…
-Should I laugh?
-Inadequate imposition!
-You like to play alone?
-Irritate I implore inherence.
-Does this walk bore you?
-Indocile I indulge.
-I beg you to explain yourself cause I can’t follow you.
-Individualist indisposed!
-Shall we continue the stroll separately?
-Indehiscent!
-Oh yes? Do I sound immature?
-Inhumane.
-It could be a compliment…
-Inexperienced.
-Umm.
-I let intemperance to cool.
-Lifted I simplify the unprovided spirit!
-Impressed deceit!
-A tea, a glass of champagne? Whatever you want as long as you stop!
– Incontestable invocator!
-All this mess to tell me this sentence.
-Yes.
-Sarcastic…
-In love
-Improvised incidental unexpected…
-Incanted I implore.
-What?
-The indescribable.

Assisi, where the stones remember stars. 2014 – Maria A. Listur

Divezzamento/Unweaning

Passata da mondo a mondo
Rimangono costanti:
Frasi pendolari
Parole incerte
Futuri da seminare
Tutti i giorni e ogni nottata
Calore di sperma nuovo
Lettere, galatei, cifre
Sobbalzi del cuore
Segni, altre lingue
Fallimenti e bagliori
Spazi, ali nello stomaco
Congratulazioni
Territori, sbornie, confidenze
Ringraziamenti
Suoni, sapori incerti
Ignoranza, salvaguardia
Nuove fragranze
Ancora nessun pentimento.
E Tu che dietro quel seno
mi concedesti il primo banchetto.

Rete-I

Rete 1 – 2014 – Maria A. Listur

Roma, da dove è arduo
fuorviare prospettive.
2014 – Maria A. Listur

 

Unweaning

Switched from world to world
They remain constant:
Pendular sentences
Uncertain words
Futures to seed
Everyday and each night
Warmness of new sperm
Letters, etiquettes, numbers
Pitching of the heart
Signs, other languages
Failures and glares
Spaces, wings in the stomach
Congratulations
Lands, drunks, confidences
Acknowledgements
Sounds, uncertain favors
Ignorance, protection
New fragrances
Still no remorse.
And you that behind that breast
granted me the first banquette.

Rome, from where it is arduous
to mislead perspectives.
2014 – Maria A. Listur

“Si deve solo ciò che si può, ma ciò che si può lo si deve.”/“We owe what we can, but what we can we owe.”

Henri-Frédéric Amiel

-Hai mentito?
-Sì.
-Non ti vergogni?
-No.
-E glielo hai mai detto.
-No.
-E non ti pesa?
-No.
-Io non ci riuscirei.
-Perché per te è più importante avere la coscienza pulita piuttosto che evitare le offese…
-Dire la verità può sembrare all’inizio un’offesa ma poi fa bene!
-Oh Dio! Verità! Bene! Sono parole che non so dove collocare!
-Nel comportamento!
-Un comportamento fondato da chi?
-Non cominciare con quella stronzata dei generi perché in quanto uomo non potrei continuare a parlare!
-Lo stai dicendo tu…
-Ma, in quanto uomo che ha vissuto più di mezzo secolo, ti dico che mentire non è cosa buona…
-Sembri un parroco sbrigativo!
-E tu sembri…
-Non lo dire! Lo so!
-Non c’è etica che tenga alla tua bugia!
-Non posso cambiare il passato nelle azioni e se potessi, non lo farei…
-Non le dichiarerai mai la verità?
-E secondo te, qual è la verità?
-Che non le hai detto che tutto quello che t’insegnava lo avevi già studiato! Che hai fatto la scema, la finta ignorante!
-Ti sbagli, non ho finto, mi sento un’ignorante… Ha voluto offrimi qualcosa in cambio di alcune cose che le avevo dato. Non aveva altro.
-Non mi sbaglio! Hai finto, hai finto! E sono sicuro che ora lo scriverai per far vedere quanto siamo tarati gli uomini!
-Ti sbagli.
-Non lo scriverai?
-Sì, lo scriverò ma per capire il dialogo.
-Quale dialogo? Litigio! Io sto litigando con te! Lo devi capire! Sono arrabbiato! Non mi piace quello che hai fatto!
-Neanche a me…
-E meno male! Pentiti almeno!
-So di darti un dispiacere ma, se mi trovassi nella stessa situazione mi comporterei ugualmente.
-Tu mi vuoi far incazzare di brutto!
-No. Tu non hai ascoltato la cosa fondamentale…
-Per favore! “Illuminami d’immenso”!
-Non – aveva – altro – da – dare – e – aveva – bisogno – di – scambiare – qualcosa!
-E questo giustifica l’inganno?
-Questo non giustifica niente. Questo è quello che posso.

Rive Gauche, che non si stanca di scorrere, da sempre. 2014 – Maria A. Listur

 

“We owe what we can, but what we can we owe.”

Henri-Frédéric Amiel

-Did you lie?
-Yes.
-Aren’t you ashamed?
-No.
-And have you ever told her?
-No.
-And doesn’t it make you feel guilty?
-No.
-I couldn’t do it.
-Because in your case it is more important to have a clean conscience rather than avoiding offenses…
-Telling the truth might sound in the beginning an offense but than it is good!
-Oh God! Really! Good! Those are words that I can’t place anywhere!
-In the behavior!
-A behavior created by whom?
-Don’t start that bullshit of the genders because as a man I couldn’t continue this conversation!
-You are saying so…
-But, as a man who has lived more than half a century, I am telling you that lying it’s not a good thing…
-You sound like a hasty priest!
-And you seem …
-Don’t say it! I know!
-There is no ethics strong enough to win over a lie!
-I can’t change the past in the actions and if I could, I wouldn’t…
-You won’t ever tell her the truth?
-And according to you, which truth is it?
-That you haven’t told her that all she has taught you had already studied it! That you have pretended to be a fool, a false ignorant!
-You are mistaken, I haven’t pretend, I feel an ignorant… She wanted to offer me something in exchange of some things that I gave her. She had nothing else.
-I am not mistaken! You pretended, you did! And I am sure you are going to write about it to show how stingy we men are!
-You are mistaken.
-You won’t write about it?
-Yes, I will write about it but in order to understand the dialogue.
-What dialogue? Fight! I am fighting with you! You have to understand it! I am furious! I don’t like what you did!
-Neither do I…
-Well look there! Regret it at least!
-I know I am displeasing you but, if I would be in the same situation I would do the same.
-You really want to piss me off!
-No. You haven’t heard the most important part…
-Please! “Shine your mighty light on me”!
-She – didn’t – have – anything – else – to – give – and – needed – to – exchange – something!
-And this justifies the scam?
-This doesn’t justify anything. This is what I can.

Rive Gauche, that never runs tired of flowing, since ever. 2014 – Maria A. Listur

Adeus

Gli addii, tutti nella voce
E l’orizzonte pronto, dall’altro ieri
Le valigie in anticipo
E le morti per ancelle
Quanto è agevole assentarsi!
Dalla casa
Dalla mente
Dal paese
Dai sentimenti
Dal giardino
Dalle cose
Dalla gretta idea del perdurabile
Dall’immutabilità dell’orizzonte!

Liviandades-II

Liviandades II – 2014 – Maria A. Listur

Roma, nei suoi passaggi segreti.
2014 – Maria A. Listur

 

Adeus

The farewells, all in the voice
And the horizon ready, since the day before
The suitcases in advance
And deaths as maidservants
How simple is to be absent!
From the house
From the mind
From the country
From the feelings
From the garden
From things
From the petty idea of the persistable
From the immutability of the horizon!

Rome, in its secret passages.
2014 – Maria A. Listur

“E se la terra avesse solo una vaga idea della paura che ha la cometa di toccarla!”/“And if the earth had only a vague idea of the fear that the comet has of touching it!”

Karl Kraus

Arriva molto presto: durante quel breve e infinito momento che è alba.
Porta sempre lo stesso dono: leccornie che hanno patito un viaggio.
Con gli anni la sua bellezza si espande verso dentro.
Fuori sempre più chiarore. Anche durante le aurore buie.
I dialoghi sono silenzi smarriti nel segreto:

-Come stai?
-Ora molto bene. Qui, molto bene.
-In quale “modalità” di bene?
-In espansione.
-In espansione?
-La nostra relazione è in espansione.
-Mm…
-Dubiti?
-No. Confermo con una consapevolezza inaspettata.
-Inaspettata?
-Dici espansione e penso a cosa stia a significare per me.
-Per me, significa movimento.
-Per me, anche cambiamento.
-In espansione tutto tende a levigarsi.
-O come dice il padre Lamaître: “a esplodere”…
-Esplodere?
-Sì, lui sostiene che “Un universo, per essere in espansione, suppone un passato più denso – così denso da esplodere.”
-Avrà voluto anche dire che certe intensità sono insopportabili?
-Ipotizza: “Se quest’esplosione ha avuto luogo, essa suppone allo stesso tempo un calore così straordinario da emettere radiosità fossile.”
-Quindi possiamo contare sulle rimanenze!
-Se li considereremo scampoli.
-Hai paura della confusione di significati eh?
-No. Ho bisogno di riscattare ciò che scivola sotto ogni significato.
-Qualche volta sono relitti.
-La luce anche quando diviene fossile, illumina sempre.
-Abbiamo speranze…
-Quelle mai.
-Allora perché riscatti?
-Per il gusto delle eccedenze.
-Noi saremo un’eccedenza?
-Ancora non siamo esplosi…

Un raggio di luce interrompe quest’alba, un raggio di solitudine rassicura l’incontro.

Parigi, dove il buio irradia chiarore. 2014 – Maria A. Listur

 

“And if the earth had only a vague idea of the fear that the comet has of touching it!”

Karl Kraus

It arrives very early: during that short and infinite time that is sunrise.
It always carries the same gift: delicacies that have suffered a journey.
In the years its beauty expands towards inside.
Outside always more gleam. Even during the dark auroras.
The dialogues are lost silences in the secret:

-How are you?
-Now very well. Here, very well.
-In which “mode” of well?
-In expansion.
-In expansion?
-Our relation is in expansion.
-Mm…
-You doubt?
-No. I confirm with an unexpected awareness.
-Unexpected?
-You say expansion and I am thinking of what it means for me.
-For me, it means movement.
-For me, it means transformation.
-In expansion everything tends to smooth itself.
-Or as the father Lamaître says: “to explode”…
-Explode?
-Yes, he affirms “A universe, to be in expansion, presumes a more dense past – so dense that it explodes.”
-He might have wanted to say that some intensities are unbearable?
-He hypothesizes: “If this explosion has taken place, it presumes at the same time a heat so extraordinary of emitting fossil radiance.”
-Therefore we can count on remaining!
-If we consider them remnants.
-You are afraid of the confusion of meanings uh?
-No. I need to redeem what it slides under each meaning.
-Sometimes they are wrecks.
-The light when it becomes fossil, illuminates anyway.
-We have hopes…
-Those never.
-So why do you ransom?
-For the taste of the surplus.
-Would we be surplus?
-We haven’t exploded yet…

A ray of light interrupts this sunrise, a ray of solitude reassures the encounter.

Paris, where the dark irradiates glimmer. 2014 – Maria A. Listur

Alchimia/Alchemy

Quelle lande dentro il petto
Gli itinerari che sono palmo
I fari dietro l’iride!
Una prateria a forma di cuore
Orchestre nei polmoni
Diamanti che sono vertebre!

Se potessimo trasformare
i privilegi in fondamento
Ora. Adesso. In continuazione
L’angoscia muterebbe in vapore
Pioggia tiepida, tenera grandine
Sfolgorante sole e nuvola. Tuttora!

Fleur-I

Fleur I – 2014 – Maria A. Listur

Nel paese della seduzione.
2014 – Maria A. Listur

 

Alchemy

Those moors in the chest
The itineraries that are palm
The beacons behind the iris!
A prairie heart shaped
Orchestras in the lungs
Diamonds that are vertebrae!

If we could transform
the privileges in foundations
Now. This moment. In continuation
The distress would turn in to vapor
Tepid rain, tender hail
Blazing sun and cloud. Still now!

In the country of seduction.
2014 – Maria A. Listur

“La META non è che un PRETESTO.”/ “The GOAL is nothing but an EXCUSE.”

Natalie Clifford Barney

-Fuori dalla gravidanza, il parto e l’allattamento, esiste qualcosa di non “androcentrico”?
-Me lo dica lei… Io sono donna.
-Possiamo riflettere in compagnia.
-Sono talmente emozionata d’incontrarla da non poter riflettere.
-Potrebbe sembrare seducente.
-No! Io sono innamorata di lei!
-Sta riuscendo a farmi ridere.
-Le giuro che non è quello che voglio! Mi sto dichiarando sinceramente.
-Non nutro nessun interesse verso le relazioni interpersonali.
-Lo so.
-E come lo sa?
-Non sarebbe stato così facile dirle che sono innamorata di lei!
-Sta riportando il dialogo a se stessa?
-Lei no?
-Ho accettato d’incontrarla perché…
-Non mi menta per favore… So che mi sta facendo una cortesia.
-Ho accettato d’incontrarla perché la casa editrice ha travisato quello che volevo fare con il racconto di cui lei ha tratto il suo spettacolo. Così le sembra giusto?
-Giusto? No. Corretto.
-Stiamo avendo problemi di traduzione?
-No, cerco di non farmi tradire dall’emozione. Credo che conoscere più lingue ci permetta di trovare più significati ai nostri modi di sentire, lavorare, desiderare e mi stanno uscendo dalla bocca tutti insieme. L’ammirazione mi sta facendo diventare perfezionista!
-Se vuole il mio testo, non le costerà niente ma, dobbiamo rivedere insieme la traduzione in italiano. Ha del tempo…
-Tutta la vita!
-Ha del tempo per venire nella mia casa in campagna?
-Tutta la vita!
-Sono vegano, non amo gli aggeggi elettronici quindi lavoreremo a mano e poi lei farà la versione elettronica, una volta a settimana, a casa sua. Lavoriamo dalle 5 del mattino fino alle 11, poi dalle 15 alle 18. Spero lei ami i gatti, sono i veri padroni di casa. Faremo soltanto un pasto insieme, la cena. Ha bisogno di qualcosa in particolare?
-Due cose: i luoghi freddi mi spaventano e io non ceno.
-La villa ha riscaldamento a legna ed è caldissima. Se non cena non avrà occasione di parlare d’altro.
-Intuisco che questo la renda felice.
-Intuisce bene.
-Si potrebbe dire che abbiamo creato un incontro perfetto?
-Il vuoto che mi regala rischia di farla diventare simpatica.
-Una semplice abitudine.
-Per favore, non chiami “abitudine” quello che è “dolore del mondo”.
-Non mi sarei mai regalata quelle parole.
-Non ha bisogno di quelle parole. Le appartengono.

Bordeaux, dove il vino è una sfumatura del profondo. 2014 – Maria A. Listur

 

“The GOAL is nothing but an EXCUSE.”

Natalie Clifford Barney

-Beside pregnancy, childbirth and breast-feeding, is there anything not “androcentric”?
-You tell me… I am a woman.
-We could think in company.
-I am so excited to meet you that I can’t think.
-It could sound seductive.
-No! I am in love with you!
-You are managing to make me laugh.
-I swear that is not what I want! I am declaring my love sincerely.
-I have no interest in the interpersonal relations.
-I know.
-How do you know?
-It wouldn’t have been so easy to tell you that I was in love with you!
-Are you taking back this dialogue to yourself?
-Aren’t you?
-I have accepted to meet you because…
-Don’t lie to me please… I know you are being polite.
-I have accepted to meet you because the publisher has misinterpreted what I want to do with the story from which you have based your show. Does it sound right?
-Right? No. Correct.
-Are we having a problem of translation?
-No, I am trying not be betrayed by emotion. I believe that knowing many languages allows us to find more meanings to our ways of feeling, working, desiring and they all are coming out from my mouth at the same time. Admiration is making me become a perfectionist!
-If you want my text, it won’t cost you anything but, we have to go over together to the Italian translation. Do you have time…
-All my life!
-Do you have time to come over my house in the countryside?
-All my life!
-I am vegan, I don’t like electronic devices therefore we will work by hand and then you will make an electronic version, once a week, at your place. We’ll work from 5 in the morning until 11, then from 15 to 18. I hope you love cats, they are the real owners of the house. We will have just one meal together, dinner. Do you need anything in particular?
-Two things: cold places frighten me and I done dine.
-The villa has a wood heating system and it is very warm. If you don’t dine you want have occasion to talk about anything else.
-I feel that this makes you happy.
-You are feeling well.
-Could we say that we have created the perfect encounter?
-The emptiness you are giving me is risking making you become likeable.
-A simple habit.
-Please, don’t call “habit” what it is “the pain of the world”.
-I would have never given myself those words.
-You don’t need those words. They belong to you.

Bordeaux, where the wine is a nuance of the deepness. 2014 – Maria A. Listur

CANTOMBRA/SHADOWSONG

Io ti canto mia cara!
Fatta negli spigoli di lacrime
Riverita dalla luce
Mutamente urlante
Quieta e sicura.

Tu sai che ti appartengo
Ogni risata è tuo fuoco
Apocalisse del tuo pianto
Redenzione d’ogni buio
Tenebra e satori.

Reputarsi perdonante
È insulto di superbia
Ignoranza del tuo raggio
Un buonismo devastante
Solitudine e protervia.

Bella pianta impalpabile
Ti stringo mentre scompari
Penetrando mi seduci
E d’ombra e vento
ancora, mi fecondi.

Ombra-I

Ombra I – 2014 – Maria A. Listur

Sotto l’unica nuvola che regna.
2014 – Maria A. Listur

 

SHADOWSONG

I sing to you my dear!
Made in the edges of tears
Revered by light
Mutantly screaming
Quiet and secure.

You know I belong to you
Each laugh is your fire
Apocalypse of your crying
Redemption of every darkness
Obscurity and satori.

Judging oneself forgiving
Is insult of arrogance
Ignorance of your ray
A devastating overly sympathetic
Solitude and haughtiness.

Beautiful impalpable plant
I hold you while you disappear
Penetrating you seduce me
and of shadows and wind
again, you fecundate me.

Under the only cloud that reigns.
2014 – Maria A. Listur