“E se la terra avesse solo una vaga idea della paura che ha la cometa di toccarla!”/“And if the earth had only a vague idea of the fear that the comet has of touching it!”

Karl Kraus

Arriva molto presto: durante quel breve e infinito momento che è alba.
Porta sempre lo stesso dono: leccornie che hanno patito un viaggio.
Con gli anni la sua bellezza si espande verso dentro.
Fuori sempre più chiarore. Anche durante le aurore buie.
I dialoghi sono silenzi smarriti nel segreto:

-Come stai?
-Ora molto bene. Qui, molto bene.
-In quale “modalità” di bene?
-In espansione.
-In espansione?
-La nostra relazione è in espansione.
-Mm…
-Dubiti?
-No. Confermo con una consapevolezza inaspettata.
-Inaspettata?
-Dici espansione e penso a cosa stia a significare per me.
-Per me, significa movimento.
-Per me, anche cambiamento.
-In espansione tutto tende a levigarsi.
-O come dice il padre Lamaître: “a esplodere”…
-Esplodere?
-Sì, lui sostiene che “Un universo, per essere in espansione, suppone un passato più denso – così denso da esplodere.”
-Avrà voluto anche dire che certe intensità sono insopportabili?
-Ipotizza: “Se quest’esplosione ha avuto luogo, essa suppone allo stesso tempo un calore così straordinario da emettere radiosità fossile.”
-Quindi possiamo contare sulle rimanenze!
-Se li considereremo scampoli.
-Hai paura della confusione di significati eh?
-No. Ho bisogno di riscattare ciò che scivola sotto ogni significato.
-Qualche volta sono relitti.
-La luce anche quando diviene fossile, illumina sempre.
-Abbiamo speranze…
-Quelle mai.
-Allora perché riscatti?
-Per il gusto delle eccedenze.
-Noi saremo un’eccedenza?
-Ancora non siamo esplosi…

Un raggio di luce interrompe quest’alba, un raggio di solitudine rassicura l’incontro.

Parigi, dove il buio irradia chiarore. 2014 – Maria A. Listur

 

“And if the earth had only a vague idea of the fear that the comet has of touching it!”

Karl Kraus

It arrives very early: during that short and infinite time that is sunrise.
It always carries the same gift: delicacies that have suffered a journey.
In the years its beauty expands towards inside.
Outside always more gleam. Even during the dark auroras.
The dialogues are lost silences in the secret:

-How are you?
-Now very well. Here, very well.
-In which “mode” of well?
-In expansion.
-In expansion?
-Our relation is in expansion.
-Mm…
-You doubt?
-No. I confirm with an unexpected awareness.
-Unexpected?
-You say expansion and I am thinking of what it means for me.
-For me, it means movement.
-For me, it means transformation.
-In expansion everything tends to smooth itself.
-Or as the father Lamaître says: “to explode”…
-Explode?
-Yes, he affirms “A universe, to be in expansion, presumes a more dense past – so dense that it explodes.”
-He might have wanted to say that some intensities are unbearable?
-He hypothesizes: “If this explosion has taken place, it presumes at the same time a heat so extraordinary of emitting fossil radiance.”
-Therefore we can count on remaining!
-If we consider them remnants.
-You are afraid of the confusion of meanings uh?
-No. I need to redeem what it slides under each meaning.
-Sometimes they are wrecks.
-The light when it becomes fossil, illuminates anyway.
-We have hopes…
-Those never.
-So why do you ransom?
-For the taste of the surplus.
-Would we be surplus?
-We haven’t exploded yet…

A ray of light interrupts this sunrise, a ray of solitude reassures the encounter.

Paris, where the dark irradiates glimmer. 2014 – Maria A. Listur

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...