“La bellezza della necessità è materia di scandalo per il pubblico abituato alla necessità della bellezza.”/“The beauty of necessity it is a matter of scandal for the public accustomed to the necessity of beauty.”

Carlo Belli

-Destra.
-Sinistra!
-Destra! Lo ricordo perfettamente.
-Sono io quella che ti ha indicato la direzione!
-Tre anni fa!
-Per favore, vai a sinistra e lo troverai.
-Ma se non lo trovo, mi offri dello champagne?
-Lo avrei fatto a prescindere…

Colei che indicava la sinistra apre una porta a sinistra e lo trova ma, non è quello di tre anni fa…

-Visto? Non è quello!
-Perché? Com’è?
-Impossibile e turco.
-E se è turco, la signora non gradisce…
-Vai verso il razzismo per evitare di riconoscere che ti sei sbagliata. Andiamo a destra.

Percorrono gallerie piene di porte che portano verso palchi memori di suoni e che nei secoli si sono rinnovati a prescindere dalle guerre, dai terremoti, dalle mode, dai governi. Si guardano, perse e in ricerca di qualcosa che non è il contingente, che non si trova dietro nessuna porta. Tacciono. Cambiano direzione, continuando a cercare. A destra trovano un’altra porta. L’aprono, entrano. Quella della sinistra controlla, dice:

-Non sarà di tuo gradimento!
-Cosa ha?
-Guarda…
-Oh mio Dio! Mi sembra terribile…
-Non hai alternative. Non abbiamo più tempo per cercare.
-Ma qui non posso. Quello di tre anni fa lo avevi trovato un po’ nascosto…
-Sembra un dettaglio della tua personalità ma, non trovo tanto sano che tu abbia questo problema con…
-Hai ragione ma penso sia peggiore quando si tratta di uomini…
-E cosa c’entrano gli uomini?
-Provo lo stesso che per i bagni.
-Cioè?
-Mi fa senso trovare traccia di chi li ha usati prima.

Reggio nell’Emilia, quando i quartetti d’archi guidano le stagioni. 2014 – Maria Listur

 

“The beauty of necessity it is a matter of scandal for the public accustomed to the necessity of beauty.”

Carlo Belli

-Right.
-Left!
-Right! I remember perfectly.
-It is me who has shown you the direction!
-Three years ago!
-Please, go to the left and you’ll find it.
-But if I don’t will you offer me some champagne?
-I would have done it anyway…

The woman who was indicating the left opens a door on the left and she finds it but, it is not the same of three years ago…

-See? It is not it!
-Why? How is it?
-Impossible it is Turkish style.
-And if it is Turkish, the lady doesn’t like…
-You are going towards racism to avoid recognizing that you were wrong. Let’s go right.

They go over galleries full of doors that lead to boxes mindful of sounds and that in centuries have been renovated regardless the wars, the earthquakes, the fashions, the governments. They look at each other, lost and in search of something that is not the contingent, that is not behind any door. They hush. Change direction, continuing the search. In the right they find another door. They open it, enter. The woman of the left controls, says:

-It is not going to be to your liking!
-What is it?
-Look…
-Oh my God! It looks terrible…
-You have no alternatives. We have no time to search.
-But I can’t here. The one of three years ago you found it a little bit hidden…
-It seems a detail of your personality but, I don’t find it very healthy that you have this problem with…
-You are right but I think it is worst when it is about men…
-And what men have got to do with this?
-I feel the same as for the toilets.
-That is?
-It disgusts me to find traces of those whom have used them before.

Reggio nell’Emilia, when the string quartets lead the seasons. 2014 – Maria Listur

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...