“Un fondoschiena veramente ben fatto è l’unico legame tra Arte e Natura.”/“A truly well made bottom hole is the only link between Art and Nature.”

Oscar Wilde

-E com’è chiamata?
-Gluteus Therapy
-Non immaginavo fosse considerata una terapia…
-Non c’è bisogno di essere ironici. Si tratta di un trattamento serio.
-Non sono ironica. Ma…
-Ha dei pregiudizi.
-No.
-Come tutte le persone che devono esporre quella parte del corpo.
-Allora non mi ha guardato con attenzione!
-Non faccia la disinvolta che si vede benissimo che ha dei pregiudizi!
-Può darsi… Anzi, alcune volte ho dei problemi con la pubblicità…
-Io mi riferivo soltanto alla gente comune non alle persone che si guadagnano da mangiare esponendosi!
-Guardi che tra la gente comune, come dice lei, ci sono tanti che hanno un sereno rapporto con i gluteus.
-Vede che ironizza!
-La prego di considerare la possibilità di stare usando un linguaggio ambiguo…
-Quando si tratta di quelle parti, si pensa sia tutto ambiguo!
-Per favore, può spiegarmi la prima visita?
-Osservo le natiche.
-Soltanto le natiche.
-Guardi che le natiche sono una mappa!
-Tutto è una mappa!
-Osservo le natiche, le palpo, se è necessario le massaggio.
-E da cosa dipende che le massaggi o no?
-Dall’emotività che trasmettono.
-Ah… Chi è il suo maestro?
-Non glielo posso dire.
-Come mai?
-In questo mondo pieno di gente che fa il maestro o la maestra, è meglio mantenere nascoste sia le tecniche sia i maestri.
-Come nascoste? Lei me ne sta parlando…
-Perché lei potrebbe essere una futura paziente.
-E da cosa lo deduce?
-Dal fatto che è interessata all’argomento e dalla forza emotiva delle sue…
-Il mio interesse non prevede l’usufrutto!
-Può tenere il segreto?
-No. Anzi, scriverò sull’argomento. Me lo doveva dire prima che si trattava di un segreto.
-Va bene. Scriva quello che vuole! Non mi sembrava così dispettosa!
-Dispettosa?
-Sì! Dispettosa… Tutto perché non le rivelo il nome del mio maestro!
-No! Voglio scrivere perché se non rileggo, non ci credo!
-Ho ragione nel pensare che mi prende in giro!
-No! Io credo che nella vita si possa leggere tutto, fare una mappa di tutto, quello che non voglio dimenticare è che esiste qualcuno nel mondo che si è occupato di farne una dei glutei… A proposito… Soltanto le natiche?
-No, ma, il seguito non glielo racconto perché non se lo merita!

Roma, dove insisto nel conoscere l’inconoscibile. 2014 – Maria A. Listur

 

“A truly well made bottom hole is the only link between Art and Nature.”

Oscar Wilde

-And how is it called?
-Gluteus Therapy
-I didn’t imagined it was considered a therapy…
-No need to be ironical. It’s a serious treatment.
-I am not being ironical. But…
-You have some prejudices.
-No.
-As all the people who have to expose that part of the body.
-Then you haven’t looked at me properly!
-Don’t play the relaxed, it’s clear that you do have some prejudices!
-It might be… In fact, sometime I have some problems with publicity…
-I was just talking about ordinary people not people who earn a living by exposing themselves!
-Look, among the ordinary people, as you say, there are many who have a serene relation with their gluteus.
-See, this is irony!
-I beg you to consider the possibility that you are using an ambiguous language…
-When it’s about those parts, everything is thought to be ambiguous!
-Please, can you explain the first visit?
-I observe the buttocks.
-Only the buttocks.
-Look, the buttocks are a map!
-Everything is a map!
-I observe the buttocks, I touch them, if it’s necessary I massage them.
-And from what does it depends that you massage them or not?
-By the emotion that they transmit.
-Ah… Who is your master?
-I can’t tell you.
-How come?
-In this world full of people who pretend to be the male or female master, it is better to maintain secret either the techniques or the masters.
-Why secret? You are telling me…
-Because you could be a future patient.
-And from what do you deduce it?
-From the fact that you are interested in the argument and by the emotional strength of your…
-My interest doesn’t imply the usufruct!
-Can you keep a secret?
-No. As a matter of fact I am writing about this. You should have told me before it was a secret.
-Alright. Write what you want! You didn’t seem such a nuisance!
-Nuisance?
-Yes! Nuisance… All because I am not telling you the name of my master!
-No! I want to write because if I don’t read it again I won’t believe it!
-I was right thinking you were making fun of me!
-No! I believe that in life everything can be read, make a map of everything, what I don’t want to forget is that there is someone in the world who got busy in making one of the gluteus… By the way… Only buttocks?
-No, but, I am not telling you the rest because you don’t deserve it!

Rome, where I insist in knowing the unknowable. 2014 – Maria A. Listur

Benedizioni/Blessings

Ogni bellezza lodo anche il suo contrario in direzioni simultanee
in costante sovrapposizione chinata ringrazio anche quel bene
che chiamiamo male da significato equivoco quanto costante.

Ringraziamento-I

Ringraziamento I – 2014 – Maria A. Listur

Roma, quando le ombre si scaldano nella luce. 2014 – Maria A. Listur

 

Blessings

Each beauty I praise even its opposite in simultaneous directions
in constant overlap bended over I thank even that good
that we call evil from a distorted meaning as well as constant.

Rome, when shadows get warm in the light.

“Non si può avere una civiltà durevole senza una buona quantità di vizi amabili.”/“You can’t have a long lasting civilization without a good amount of lovely flaws.”

Aldous Huxley

-Non mi dire che hai visto uno più grande?
-Beh… Non saprei…
-Non fare la timida.
-Beh… M’imbarazza…
-Hai viaggiato molto?
-Un po’.
-Allora confermami la grandezza… Anche le proporzioni…
-Mmm…
-Non mi dire che in Argentina…
-Che cosa c’entra l’Argentina!
-Dicono che voi tutti vi sentite Borges o Maradona!
-Dicono anche che gli argentini sono italiani che si sentono inglesi ma io non ho antenati italiani…
-E allora?
-No, per dire che non c’entra l’Argentina.
-Siccome dicono che quando un argentino si vuole suicidare sale sul suo ego… Ho pensato che mi avresti parlato di misure prendendo come referente il tuo paese…
-Quindi la misurazione è soltanto di ordine maschile?
-E che altro vuoi misurare?
-Ho capito.
-Ripeto: dimmi se hai visto uno più grande.
-L’imbarazzo di prima è dovuto a mio padre…
-Tuo padre? Ah no eh! Cosa c’entra? È pure morto!
-Volevo dire che mio padre aveva un…
-Non importa come era quello di tuo padre! Non puoi usarlo in questa competizione!
-Si tratta di una competizione?
-Sì.
-Ma… Io credevo…
-Accetta che non immaginavi di trovarti questa meraviglia!
-Ok. Il tuo è il più grande! Contento?
-Ora lo devi provare!
-No no no no! Io il panettone lo mangio soltanto a Natale.
-Allora non ti deluderò! Non soltanto mangerai il panettone più grande della tua vita ma vedrai quale meraviglia di leggerezza, delicatezza e sensualità…
-Ti sembra natalizio?
-Mi sembra l’incanto della grandezza!
-Guarda che io potevo apprezzare, anche se era un bocconcino di panettone!
-Sbagli mia cara… Le dimensioni fanno anche la bella figura!

Roma, irreverente quanto inaudita. 2014 – Maria

 

“You can’t have a long lasting civilization without a good amount of lovely flaws.”

Aldous Huxley

-Don’t tell me you have seen a bigger one?
-Well… I wouldn’t know…
-Don’t play the timid.
-Well… It embarrasses me…
-Have you travelled a lot?
-A little bit.
-So tell me the size… And the proportions too…
-Mmmh…
-Don’t tell me that in Argentina…
-What does Argentina has got to do with this!
-They say that you guys feel like you were Borges or Maradona!
-They say that the Argentineans are Italians who feel as they were English but, I don’t have Italian relatives…
-So what?
-No, it was just to say that Argentina has nothing to do with this.
-Since many say that when an Argentinean wants to commit suicide he steps on his ego… I thought that you would tell me about measures taking as reference your country…
-Does it mean that measures are just a male thing?
-What else do you want measure?
-I got it.
-I repeat: tell me if you have seen a bigger one.
-The embarrassment of before was due to my father…
-Your father? Hey come on! What is this? Besides, he is dead!
-I meant that my father had a…
-It doesn’t matter how your father’s was! You can’t use it in this competition!
-Is it a competition?
-Yes.
-But… I thought…
-You’ve got to accept that you didn’t imagine you’d find this wonderful thing!
-Ok. Yours is bigger! Happy?
-Now you’ve got to try it!
-No no no no! I eat panettone only at Christmas.
-Then I won’t delude you! You just won’t eat the biggest panettone of your life but you will see the lightness, delicateness and sensuality…
-Does it seems to you very Christmas like?
-It seems to me the enchantment of the size!
-Look I would have enjoyed it even if it were a nibble of it!
-You are wrong my dear… Dimensions do make nice impressions!

Rome, irreverent as well as unheard of. 2014 – Maria

Rosso Natale/Christmas Red

Donna Femmina Ragazza
Sangue, sudore – non sempre – lacrime.
Doglie, orgasmo – tuttavia – parto.
Da acque insaporite e tiepide.
Da cordoni d’aria e battito.
Dal rosso untuoso e vivo.
Da carne e ossa, salpo.

FleurIV

Fleur IV – 2014 – Maria A. Listur

Roma, costellando ancestri.
2014 – Maria A. Listur

 

Christmas Red

Woman Female Girl
Blood, sweat – not always – tears.
Labor pains, orgasm – however – childbirth.
From seasoned and lukewarm waters.
From air cords and beat.
From the unctuous and live red.
From flesh and bones, I set sail.

Rome, constellating ancestors.
2014 – Maria A. Listur

“Nell’infanzia, il paradiso è in noi.”/“During childhood, paradise is in us.”

William Wordsworth

Un fiume celeste attraversa l’erba soffice e fresca del mattino. Divani e letti, foderati di grezza seta bianca, posati – come sospesi – su tutto il giardino. Gli ospiti, alcuni seduti altri sdraiati, parlano della bontà del luogo. Noto che non usano mai la parola “bellezza” per descrivere il posto. Noto i pesci nel fiume, sono celesti e svaniscono nel riflesso dell’acqua. Le foglie dell’albero – al centro di quest’Assoluto – cadono ritmate da un vento sconosciuto: arrotola delicatamente tutto quello che possiede vocazione di volo. Naturalmente, mi solleva. Mi porta sull’albero/casa. Entro. La casa si sviluppa in piccole stanze bianche con le pareti adornate da dipinti su carta, noto che alcuni sono acquerelli; tutti rappresentano l’acqua. Nell’ultima stanza, in fondo, delle ragazze molto giovani giocano insieme a bambine e bambini. Una bambina sui quattro anni mi chiama, utilizza un linguaggio privo delle nostre regole sonore, luminoso, proprio. Dice:

-“Ti apetavo” (Ti aspettavo)
-“Sì?” Domando sorpresa.
-“Tì.” (Sì)
-“Per cosa?”
-“Pe diti che ta vetità ti etende a t’inteno…” (Per dirti che la verità si estende all’interno.)
-“Grazie… Interno di cosa?” Domando con provocatoria consapevolezza.
-“Inteno.” (Interno)

Poggia le sue dita cicciottelle sul centro della fronte, un po’ più in alto delle sopracciglia, si dà dei colpetti e aggiunge:

-“Api la pota.” (Apri la porta)
Arriva una delle ragazze e dice:
-“Ha visto che bambina speciale?”
-“Visto.” Rispondo.
-“Ora però dobbiamo andare a giocare…” Limita.
-“Certo.” Accetto.

Spariscono tutte e due, le pareti, i dipinti, l’albero e sono nuovamente a terra nel giardino, tra divani, letti, gente, pesci, fiume, vento… No. Il vento non c’è più.

Roma, in un’alba dove gli angeli ti svegliano ridendo. 2014 – Maria A. Listur

 

“During childhood, paradise is in us.”

William Wordsworth

A sky blue river crosses the soft and fresh grass of the morning. Sofas and beds, lined with raw white silk, placed – as if were hanged – around the whole garden. I notice that they never use the word “beautiful” to describe the space. I notice the fishes in the river, they are blue and disappear in the water reflection. The tree leaves – in the center of this Absolute – fall rhythmically by an unknown wind: it wraps delicately all that possesses the vocation of flight. It naturally lifts me up. It carries me to the tree/house. I enter. The house develops in little white rooms with the walls adorned with paintings on paper, I notice that some are watercolors; all of them represent water. In the last room, in the far side, some very young girls are playing together with girls and boys. A girl of about four calls me, she uses a language lacking of our sonorous rules, luminous, own. She says:

-“I waitin you” (I was waiting for you)
-“Yes?” I ask surprised.
-“Ye.” (Yes)
-“For what?”
-“To tell yo tha truth exten insid…” (To tell you that the truth extends in the inside.)
-“Thank you… Inside of what?” I ask with provocative awareness.
-“Insid.” (Inside)

She puts her chubby little fingers in the middle of the forehead, a little bit higher than the eyebrows, gives herself little taps and adds:

-“Ope doo.” (Open the door)
One of the young women arrives and says:
-“Have you seen what a special girl?”
-“I saw.” I reply.
-“Now we have to go to play though…” She limits.
-“Sure.” I accept.

They both disappear, the walls, the paintings, the tree and I am already on the ground of the garden, between the sofas, the beds, the people, the fishes, the river, the wind… No. The wind isn’t there anymore.

Rome, in a sunset where the angels wake you up laughing. 2014 – Maria A. Listur

Esercitazioni/Excercises

Un’esistenza loquace di ogni bene.
Anni di sguardi liberi di ogni male.
In infinito accordo, canti e parole.
Gesto, umidità e tocco, senza passati.
Tavole imbandite per un chicco di grano.
Rimembranze e gioia di presenti salvi.
Unità soddisfatta, in ogni frammento.
Solitudine corale, in sintonia con l’altro.

Costruzione-I

Costruzione I – 2014 – Maria A. Listur

Roma, quando il freddo scolpisce l’aria.
2014 – Maria A. Listur

 

Excercises

A loquacious existence of every good deed.
Years of glances free of every evil.
In infinite accord, chants and words.
Gesture, humidity and touch, without pasts.
Tables abundantly set for a grain of rice.
Remembrances and joy of preserved presents.
Satisfied unity, in each fragment.
Choral solitude, in harmony with the other.

Rome, when the cold chisels the air.
2014 – Maria A. Listur

“Tutto si separa, tutto torna a salutarsi; eternamente rimane a sé fedele l’anello dell’essere.”/“Everything parts, everything greets every other thing again; eternally the ring of being remains faithful to itself.”

Friedrich Nietzsche

Da un bel po’ di tempo, un giorno a settimana, in un angolo del mondo, si ripete questa situazione:

-Andiamo al negozio del riso?
-Sì, certo! Devo comprare qualcosa.
-Le marmellate te le ho portate io…
-Grazie!
-Quella di macedonia per tuo figlio e quella alla pesca per te.
-Molte grazie.
-Mangi i pomidoro ciliegina?
-Sì.
-Te li ho portati dal nostro orto.
-Non so come ringraziarti!
-Ma che dici! Aspetta ad assaggiare le crostatine con la nostra marmellata di more…
-Anche quelle?
-Sì! Le ho fatte per voi e per le figlie…
-Scusa ma non so come dirti grazie… Non è soltanto per il cibo, la qualità, le tue mani…

M’interrompo per abbracciarla.
Da un sorriso sereno che lascia intravvedere la quiete di chi sa dove collocare le proprie passioni, dice:

-Mi fa piacere.

Dopo i doni di squisitezze, parliamo delle nostre vite, ridiamo, ci confidiamo, infine ci salutiamo e contiamo di vederci la settimana successiva.

Lei torna a casa, dopo avermi regalato del tempo circolare e argentino: le sue marmellate mi riportano a una casa a San Rafael, Mendoza, dove mi lasciavano durante le assenze di mia madre e dove usavo la dispensa per nascondermi a leggere, a stare in silenzio in compagnia dei riflessi dorati di ogni tipo di marmellata. Invece, le crostatine hanno il profumo della casa di calle Marcos Paz a Buenos Aires, dove abitava la mia nonna paterna tra uccellini esotici e non, una tartaruga che amava travestirsi di roccia e un patio che sembrava un cuore monacale.
Ogni mela, susina, kiwi, uva, peperone, patata, sono perfetti, sani e curati come quelli della mia infanzia; idealizzati insieme ad alcune persone che incontrai per quell’eternità che è il crescere. E rimaste in me a mo’ di profumo, senza corpo.

La signora dei doni non sa che ogni suo gesto mi solleva dalla loro assenza, non sa di porgermi una nuova infanzia, ora scelta. Lei non sa di essere un ponte tra continenti, tra ciò che è stato e ciò che sarebbe potuto essere. Ignora totalmente che mentre mio figlio mangia i suoi frutti, riceve reminiscenze di quello che l’ha preceduto.

Io non riesco a dire altro che “grazie molte grazie non so come ringraziarti…” quindi, scrivo.
Scrivo nel silenzio della voce, grazie a quel confidarsi che agiscono, da dentro, gli assenti. Sono loro che hanno avuto bisogno d’incontrarla, portarla verso me e farle riempire la mia casa di marmellate: vogliono risanarmi di tutto il tempo che ci è mancato per dirci Addio.

Roma, quella di Laura-Paola. 2014 – Maria A. Listur
“Everything parts, everything greets every other thing again; eternally the ring of being remains faithful to itself.”

Friedrich Nietzsche

Since quite sometime, one day per week, in a corner of the world, this situation repeats:

-Shall we go to the rice shop?
-Yes, of course! I have to buy something.
-I brought you the marmalades…
-Thank you!
-The mixed fruits one is for your son and the peach one is for you.
-Many thanks.
-Do you eat cherry tomatoes?
-Yes.
-I got them for you in our vegetable garden.
-I don’t know how to thank you!
-Nonsense! Wait until you try the little tart with our blackberry marmalade…
-Those too?
-Yes! I made them for you and my daughters…
-I am sorry I don’t know how to thank you… It’s not just for the food, the quality, your hands…

I stop myself to hug her.
From a serene smile that let me glimpse the calm of who knows where to place her own passions, she says:

-It’s my pleasure.

After the presents of deliciousness, we talk about our lives, we laugh, we open up to each other, in the end we say goodbye and count on seeing each other next week.

She goes home, after giving me some circular and Argentinean time: her marmalades bring me back to a house in San Rafael, Mendoza, where they used to leave me during my mother’s absences and where I used the pantry to hide to read, to remain quiet in company of the golden glares of every kind of marmalade. On the other hand, the tarts have the scent of the house of calle Marco Paz in Buenos Aires, where my paternal grand mother lived among exotic birds and others, a turtle that loved to disguise itself as a rock and a patio that seemed a monastic heart.
Each apple, prune, kiwi, grape, pepper, potato, are perfect, healthy and cared as those of my childhood; idealized together with some people that I met in that eternity that is growing up.
And remained on me as an essence, with no form.

The lady of the presents doesn’t know that each gesture of hers lifts me up from their absence, she doesn’t know that she is giving me a new childhood, now chosen. She doesn’t know of being a bridge between continents, between what it has been and what it could have been. She completely ignores that while my son eats her fruits, he receives the reminiscences of what came before him.

I cannot say other that “I don’t know how to thank you…” therefore, I write.
I write in the silence of the voice, thanks to that entrusting that the absentees, from inside, act.
They are the ones that had the need to meet her, bring her to me and made her fill my house of marmalades: They want to heal me of all that time we didn’t have to say Good Bye.

Rome, that of Laura-Paola. 2014 – Maria A. Listur

VITA/LIFE

Sfuggi tra le mie dita da dentro lambite.
Ti ripresenti nell’austerità di ogni assoluto.
Il tepore dal basso riaccendi, dall’alto,
in direzioni sconosciute, ravvivi. Fomenti.
Assorta ti lascio, quando il nulla incupisco.
Ti perdo ogni volta in cui non benedico.

Amante, Cara Madre, Tu, Intera Fonte,
alla Gratitudine consacrami, perenne.

Nouvelle-Vie-7

Nouvelle Vie VII – 2014 – Maria A. Listur

Roma, quella che non si poteva misurare.
2014 – Maria A. Listur

 

LIFE

You slip away among my fingers stroke from inside.
You show yourself again in the austerity of each absolute.
The warmth from below you turn on again, from above,
in unknown directions, you revive. You instigate.
Absorbed I leave you, when the nothing I cloud.
I lose you every time I don’t bless.

Lover, Dear Mother, You, Whole Source,
to Gratitude consecrate me, perennial.

Rome, that one that could not be measured.
2014 – Maria A. Listur