INCARNAZIONE/INCARNATION

È nello sguardo che ora vi porto
Milioni di duemila cento anni.
Di me!
Divina Era! Iris! Calliope!
Sapienti, levatemi!
Alzatemi!
Dalla risposta barbarica
Dal fantasioso odierno
Da ciò che non è più la luce,
Attorcigliata alla fonte.
Incitate ogni compassione
Nelle apparenti durezze,
Per me, in me, da me!

Percorso-III

Percorso III – 2015 – Maria A. Listur

Roma, nel giardino interiore di Rea.
2015 – Maria A. Listur

 

INCARNATION

It’s in the glance that now I give you
Millions of two thousand hundred years.
Of me!
Divine Era! Iris! Calliope!
Wise men, lift me!
Raise me!
From the barbaric answer
From the imaginative of today
From what is not light anymore,
Twisted at the source.
Cheer each compassion
In the apparent hardness,
For me, in me, from me!

Rome, in the interior garden of Rea.
2015 – Maria A. Listur

“Madame Key diceva che la fedeltà si conquista giorno per giorno. Come l’infedeltà.”/“Madame Key used to say that faithfulness has to be conquered day by day. As unfaithfulness.”

Roberto Gervaso

-Ti regalerò un amante.
-Credi mi serva?
-Serve a me farti un regalo.
-Che cosa fa?
-Sa curare.
-Vuoi dire che cura i dettagli? Non mi sento malata…
-Dettagli e bellezza.
-Anni.
-Nella maturità.
-La maturità può avere qualsiasi età, quindi dimmi l’età.
-Non saprei… Atemporale!
-Non reggerei una persona giovane!
-Tranquilla che ho dato con chi è per te!
-Nazionalità?
-Italianissima!
-Mm…
-Ti piacerà.
-Romano?
-Di Roma.
-Io ti ringrazio per il gesto ma credo tu lo faccia perché non mi conosci… È uno scherzo…?
-No! Si tratta del più costoso sul mercato e tu rifiuti? L’ho già pagato!
-Sei folle! Ora stai proprio scherzando!
-Dicono uno dei migliori di Europa!
-Basta!
-Non è uno scherzo e ho già pagato!
-Chi è?
-È…
-Cognome e nome.
-Spa… “…” Hai cinque tipi di trattamenti oltre al miglior bagno turco, piscina personale e sauna che tu abbia mai fatto!
-Mi hai spaventato veramente!
-Visto che ti conosco!
-Non lo so…
-Ti ho regalato l’unico amante che sopporteresti!
-Ma… lo chiami amante…

Roma, dove le terme erano dedizione. 2015 – Maria A. Listur

 

“Madame Key used to say that faithfulness has to be conquered day by day. As unfaithfulness.”

Roberto Gervaso

-I’ll get you a lover.
-Do you think I need one?
-I need to get you a present.
-What does he do?
-He can cure.
-Do you mean that he cures the details? I don’t feel sick…
-Details and beauty.
-Years.
-In the maturity.
-Maturity could have any age, so tell me his age.
-I don’t know… Atemporal!
-I wouldn’t stand a young person!
-Relax I have already chosen who is perfect for you!
-Nationality?
-Very Italian!
-Mm…
-You’ll like it.
-Roman?
-From Rome.
-I am grateful for the gesture but I think you did it because you don’t know me… Is it a joke…?
-No! I am talking about the most expensive on the market and you refuse? I paid already!
-You are crazy! Now I know you are joking!
-People say it’s the best in Europe!
-Cut it out!
-It’s not a joke and it’s already paid for!
-Who is he?
-He is…
-Last name and name.
-Spa… “…” You have five kinds of treatments beside the best steam bath, personal pool and sauna that you have ever done!
-You really startled me!
-See, I know you well!
-I don’t know…
-I have given you the only lover that you would stand!
-But… you call him lover…

Rome, where the spa where commitment.

RINGRAZIAMENTI MIRATI/FOCUSED THANKS

Trattengo,
come la terra,
unicamente bellezza
pur quando horror vacui,
diventa. Oppure,
passionale impotenza.
Quella della nocciolina finale,
nel vuoto del vetro.
La notte lontana del ridere,
che non sa tacere un addio.
Ciò che davanti alla morte,
storce carezze.
Quella perplessità
abituata ai silenzi,
saldo pellegrinaggio
tra fuochi privi di fiamma.
Trattengo…
Soltanto ciò che non resta.

TIERRAS

TIERRAS – 2015 – Maria A. Listur

Roma, solida bambina di vento.
2015 – Maria A. Listur

 

Focused Thanks

I hold,
like the soil,
only beauty
even when horror vacui,
becomes. Or,
passionate impotence.
That one of the final peanuts,
in the emptiness of the glass jar.
The faraway night of the laughing,
that can not hold back a farewell.
What in front of death,
twists caresses.
That perplexity
accustomed to silences,
steady pilgrimage
among fires without flame.
I hold…
only what it doesn’t remain.

Rome, solid child of wind.
2015 – Maria A. Listur

PREGUNTAS/QUESTIONS

Si potrà svelare il proprio cammino nella cadenza:
Dell’agonia notturna nella luce dell’alba?
Dello sloggiare dell’anima prima di ora?
Del precipitare del giorno nei toni rossastri?
Del donare al mondo la pelle fatta da dentro?
Della primavera che fugge in estate?
Del tradimento devotamente saputo?
Delle foglie fresche che esalano autunno?
Dei debitori creati nell’illimitata fiducia?
Dell’arte di morire secondo a secondo?
Di vivere nelle domande, ascoltando?

Question-I

Question I – Gres Sabbia Fiori – 2015 – Maria A. Listur

Roma, quando le nuvole disegnano percorsi.
2015 – Maria A. Listur

 

Questions

Our own path will be unveiled in the cadence:
Of the nocturnal agony in the light of the dawn?
Of the dislodge of the soul before now?
Of the precipitation of the day into the reddish tones?
Of donating to the world the skin made from inside?
Of the spring that escapes in to summer?
Of the betrayal devotedly known?
Of the fresh leaves that emanate of autumn?
Of the debtors created in the limitless trust?
Of the art of dying moment after moment?
Of living in the questions, listening?

Rome, when clouds draw paths.
2015 – Maria A. Listur

RIFLESSO/REFLECTION

Un temporale in due parole
– sintassi d’inconsapevolezza –
scalfisce del tempo, il suo muro
rende lacrima il falso oblio
riporta a ora un universo, quando
– con simpatia e lontanamente –
una persona dice, e risuona:
“Ciao, Desaparecida!”

marcelo hopp.jpg

Marcelo Hopp – Spazi Intangibili
Centro Recoleta – Buenos Aires, Argentina

A Roma, hors du temps
2015 – Maria A. Listur

 

Reflection

A thunderstorm in two words
– syntax of unawareness –
of the time notches, its wall
it turns into tear the false oblivion
it brings back a universe, when,
– likeably and remotely –
a person says, and resounds:
“Ciao, Desaparecida!”

In Rome, hors du temps
2015 – Maria A. Listur

“Ogni novità, anche la felicità, spaventa.”/”Every news, even happiness, frights.”

Friedrich Schiller

-Questo qui mi sta innervosendo!
-Guarda che ti sente!
-Non me ne frega niente!
-Allora diglielo direttamente! Sembra che ti fa paura!
-Non mi fa paura ma non ho voglia di discutere!
-Con lui?
-Che vuoi dire?
-Stai discutendo tra te e te…
-Glielo dico dopo.
-Cosa?
-Che il suo insegnamento mi rende nervoso.
-Educazione! Ha detto prima che lui non insegna niente, lui educa.
-Lo stai difendendo?
-No, difendo te. Che senso ha investire tante risorse se non diciamo quello che pensiamo durante un lavoro di ricerca? Soprattutto alla nostra età.
-Ti sta condizionando…
-In quale senso?
-Lo stile.
-Ho immaginato mi avresti detto altro?
-Anche lo sguardo, la prospettiva.
-Ah…
-Sì, sì… Ti condiziona e come!
-Beh… Lo spero.
-Ma che dici?
-Tutto condiziona!
-Per favore! Qui si tratta di estetica! Non puoi essere contenta di essere condizionata!
-L’arte è condizionamento, quanto lo è la vita!
-E la purezza?
-La cenere dopo i fuochi vuoi dire? Esiste altra sintesi di purezza?
-Ti sei innamorata! Tu ti sei innamorata!
-Ti è più comodo pensare che sia innamorata da un artista e anche maestro che mi piace, piuttosto che accettare quanto ti renda vulnerabile la sua bravura?
-Mi innervosisce che tu non ti accorga quanto è condizionante!
-Ti sbagli!
-E lo neghi?
-Ti sbagli se credi che non me ne accorga! Io mi lascio condizionare perché il suo condizionamento è migliore del condizionamento da cui vengo! E sicuramente il mio prossimo insegnante mi condizionerà ancora meglio di lui!
-Io non voglio essere condizionato!
-D’altro.
-Non voglio essere condizionato!
-No… Tu vorresti soltanto non accorgertene!

Roma, tiepida dimora anche marmorea. 2015 – Maria A. Listur

 

“Every news, even happiness, frights.”


Friedrich Schiller

-This guy is making me nervous!
-He can hear you!
-I don’t give a damn!
-Then tell him straight! Looks like he scares you!
-He doesn’t scare me but I don’t want to discuss!
-With him?
-What do you mean?
-You are arguing with yourself…
-I’ll tell him later.
-What?
-That his teachings are making me nervous.
-Education! He said it before he doesn’t teach anything, he educates.
-Are you defending him?
-No, I am defending you. What meaning has it to invest many resources if we don’t say what we think during a work of research? Especially at our age.
-He is influencing you…
-In what way?
-The style.
-I imagined that you would say something different?
-Even the glance, the perspective.
-Ah…
-Yes, yes… He is influencing you a lot!
-Well… I hope.
-What are you talking about?
-Everything influences!
-Please! Here we are dealing with esthetics! You can’t be happy of being influenced!
-Art is conditioning, as much as life is!
-And purity?
-You mean the ashes after the fire? Is there another synthesis for purity?
-You are in love! You are in love!
-Is it more comfortable to think that I am in love with an artist and also a master that I like, rather than accepting how vulnerable his skill makes you?
-It makes me nervous how much you don’t realize how influencing he is!
-You are wrong!
-And you deny it?
-You are wrong if you think that I don’t realize it! I let myself being influenced because his conditioning is better than the conditioning I came from! And surely my next teacher will influence me even better than him.
-I don’t want to be influenced!
-By something else.
-I don’t want to be influenced!
-No… You just want to not realize it!

Rome, tepid abode marmoreal as well. 2015 – Maria A. Listur

COMMIATO I/FAREWELL I

Se non è rogo,
Che cosa è la preghiera?
Nella richiesta, venduta.
Nella mancanza, negata.
Tutta povertà proiettata?
Litanie di superfluo tempo,
Inutili bagliori per l’anima?
Se non è devozione,
Che cosa è invocare?
Rammentare la piccolezza
Degli isolotti che siamo?
Fusi e ricongiunti
Da un fosforico mare,
Di abili scintille in attesa
Pronto ad ardere,
Quindi,
Pregare?

Esempio-1

Esempio I – 2015 – Maria A. Listur

Roma, nella gratitudine che prega.
2015 – Maria A. Listur

 

Farewell I

If it is not stake,
What is the prayer?
In the request, corrupt.
In the scarcity, denied.
All projected poverty?
Litanies of superfluous time,
Useless glazes for the soul?
If it is not devotion,
What is invoking?
Reminding the smallness
Of the little island that we are?
Fused and rejoined
By a phosphorous sea,
Of expert sparks in await
Ready to burn,
Therefore,
Pray?

Rome, in the gratitude that prays.
2015 – Maria A. Listur

“Due modi di brillare: riflettere la luce o riprodurla.”/“Two ways of shining: reflect the light or reproduce it.”

Paul Claudel

-Piacere, G.
-Piacere, Maria.
-Le piace il luogo?
-Sì, conoscevo. E a lei?
-Bello. Preferisco però il loro centro di Amburgo.
-Mm…
-Non l’ho mai vista…
-Partecipo soltanto agli incontri di primavera.
-Paura del freddo?
-Questioni di disponibilità piuttosto che di temperatura.
-Sempre sola?
-Non sono sola.
-Sposata?
-No, ma non sono sola.
-Ha dei figli?
-Sì.
-Si occupa di moda?
-C’è qualcosa che non lo sia?
-Io mi occupo di legge.
-Come mai qui?
-Volevo addentrarmi in un argomento che interessa a mia figlia.
-E sua figlia?
-Non condividiamo mai gli stessi seminari.
-Igienico.
-Anche io sono solo e con una figlia…
-Evito l’ironia soltanto perché non so chi sia lei.
-Evita perché crede che la potrei invadere ma allo stesso tempo non può evitare di parlare con qualcuno così simile a Jim Carrey…
-Verissimo.
-Siamo uomini belli noi… Perché negarlo?
-Non l’ho negato, il suo fascino mi ha fatto risponderle…
-E il suo mi ha fatto presentarmi. Pranziamo insieme?
-Certo! Non vedevo l’ora di mangiare con Jim Carrey.
-Lo so, lo so, immagino che se rinascesse uomo vorrebbe rinascere come noi.
-Vorrei rinascere Jim Carrey ma già a cinquant’anni!
-Io ho degli occhi più belli quindi, potrebbe pensare anche a me…
-Prima mi faccia vedere il salto mortale da fermo e poi le dico se mi fa lo stesso rinascere Jim o lei.

Dove si ride mentre si incontra. 2015 – Maria A. Listur

 

“Two ways of shining: reflect the light or reproduce it.”

Paul Claudel

-Pleasure, G.
-Pleasure, Maria.
-Do you like the place?
-Yes, I’ve been here. And do you?
-Nice. Though I prefer their center in Hamburg.
-Mm…
-I have never seen you…
-I only attend the spring’s gatherings.
-Fear of the cold?
-A question of availability more than temperature.
-Always alone?
-I am not alone.
-Married?
-No, but I am not alone.
-Any children?
-Yes.
-Is your work involved in fashion?
-Is there anything that isn’t?
-I am interested in law.
-What are you doing here?
-I wanted to explore an argument that my daughter likes.
-And your daughter?
-We never attend the same seminars.
-Hygienical.
-I am also alone and with a daughter…
-I’ll avoid irony just because I don’t know who you are.
-You avoid it because you believe that I could invade but at the same time you can’t avoid talking to someone so similar to Jim Carrey…
-Absolutely true.
-We are handsome men… Why denying it?
-I haven’t deny it, your charm has made me reply to you…
-And yours has made me introduce myself. Shall we have lunch together?
-Sure! I am looking forward to eat with Jim Carrey.
-I know, I know, I imagine that if you would be born again you would want to be like us.
-I would love to be born again as Jim Carrey but already at fifty!
-I have much nicer eyes so, you could even think about me…
-First show me a somersault from standing and then I’ll tell you if it is the same for me to be born again as Jim or you.

Where we laugh where we meet. 2015 – Maria A. Listur

TRA PARENTESI/IN BRACKETS

Musicalmente o in salvaguardia
è perizia saggia della Fuga, l’arte,
deità compiuta per salvare:
Dalla contrapposizione di forze (o confronto d’uguaglianze!)
Dall’ammirazione adulante (che mille sconfitte anticipa)
Dalla crudeltà del bisogno (del malcostume, vizio)
Dall’attacco che scusa paura (rancore per l’accoglienza)
Dai rovesciamenti speculari (pericolosa assenza di specchi)
Dai sequestri dei “Frammenti… (… di un discorso amoroso”)
Dal trionfo eclettico – dialettico (miserabile narratore di mode).
Da quel io che la vita dimentica (e di non morire, vaneggia!)

Contrapunctus_1_BWV_1080

Contrapunctus – J. S. Bach . “L’Arte della Fuga

Roma, che resiste alla luce legale!
2015 – Maria A. Listur

 

In Brackets

Musically or in protection
it is wise competence of the Fugue, the art,
accomplished deity to save:
From the comparison of forces (or confrontation of equalities!)
From flattering admiration (that thousands defeats anticipates)
From the cruelty of the need (of malpractice, vice)
From the attack that justifies fear (resentment for receiving)
From specular over turnings (dangerous absence of mirrors)
From the sequestration of the “Fragments… (… of a lover’s discourse”)
From the eclectic – dialectical triumph (miserable narrator of trends).
From that self that forgets life (and raves of being immortal!)

Rome, resisting to daylight saving!
2015 – Maria A. Listur