“Nel momento di assenza di consapevolezza, si produce il condizionamento.”/“In the moment of absence of consciousness, the conditioning is produced.”

R. P. Kauschik

-Dammi la parola “chiave”.
-Per cosa?
-Se tu dovessi definire in una parola quello che interrompe o frena la gioia, quale parola sceglieresti?
-Perché lo chiedi proprio a me?
-Perché ti piacciono i significati, perché stai sempre lì a trovare il pelo all’uovo!
-Allora comprenderai che non mi è facile trovare soltanto una parola!
-Menti.
-Quale menti?
-Menti! Dal verbo “mentire”!
-Ah! Sì, mento.
-Dimmela.
-M’imbarazza…
-Come mai?
-Credo sia perché è estrema.
-Non mi sorprenderai.
-Comunque credo sia riferita a qualcosa che ho vissuto e che non sia applicabile totalmente a tutti…
-Ecco che la applichi! Tu la applichi!
-Sì… Vero…
-Quando?
-Quando cosa?
-Basta! Quando la applichi?
-Sai… Nel dire la parolina, risuona tutto, come fosse nuova… Come un concerto che, anche quando lo hai ascoltato cento volte, hai sempre qualcosa da scoprire o… da scoperchiare…
-Dimmi quando la applichi!
-Quando sento l’infelicità…
-Anche quando vedi la mia?
-Quando sei infelice, la tua tristezza, è parte della mia… Quindi, non sento, so.
-Non mi piaci quando fai la sostenuta!
-Sostenuta? Delicata vorrai dire…
-Chiamati come vuoi ma, dimmi la parolina!
-Appartenenza.
-No!
-L’hai chiesto tu.
-Mi hai colpito dall’alto ma, nel basso.
-Veramente?
-Mi hai buttato giù dalla culla!

Parigi, quando si prova a tradurre non soltanto parole.
2015 – Maria A. Listur

 

“In the moment of absence of consciousness, the conditioning is produced.”

R. P. Kaushik

-Give me the “key” word.
-For what?
-Should you have to define in a word what interrupts or stops joy, what word would you choose?
-And why do you ask me?
-Because you love the significances, because you are always so picky!
-Therefore you know that it isn’t easy for me to find just a word!
-Lie.
-Lay? what?
-Lie! from the verb “lying”!
-Ah! Yes, I will.
-Tell me.
-It’s embarrassing…
-How come?
-I think because it’s extreme.
-You won’t surprise me.
– Anyhow it is referred to something I have lived and that I don’t think it is totally pertinent to everyone…
-Here you go doing it! Come on!
-Yes… True…
-When?
-When what?
-Enough! When do you use it?
-You know… In saying the word, everything resounds, as if it was new… Like a concert that, even if you have listened to it hundreds of times, you always have something to discover or… uncover…
-Tell me when do you use it!
-When I feel unhappy…
-Even when you see mine as well?
-When you are unhappy, your sadness, is part of mine….
-I don’t like you when you act so aloof!
-Aloof? Delicate you mean…
-Call yourself as you wish, tell me word!
-Allegiance.
-No!
-You did ask.
-You have stricken me from above but in the guts.
-Really?
-You just threw me off the cradle!

Paris, when we try to translate not the words only.
2015 – Maria A. Listur

OMAGGIO ALL’INATTESO/HOMAGE TO THE UNEXPECTED

Grazie per aver concesso un tenero spazio
al rinnovato coraggio.
Grazie per celebrare dell’incompiutezza la brama,
i ritmi. Ridendo.
Grazie per dare al nulla uno spaventato rifugio,
e poi, illuminata preghiera.
Grazie per le lacrime che non impiegano occhi,
ma le striature dell’alba.
Grazie per ogni vino, quelli passati, l’aceto,
quelli che ancora pendono nei filari degli inermi vigneti.
Grazie per saper chiedere offrendo, per il dare dell’anima,
per spartire le assenze.
Grazie per rimettere a posto la falsa saggezza,
l’ipocrisia del bene.
Grazie per fare dello sconcerto una lirica,
inventare le note, ogni pausa.
Grazie per non avere soltanto i tuoi anni, la tua di storia:
essere chiave eterna per antenati.
Grazie per prendere ciò che tu credi, ognuna delle tue certezze
e lanciarle dalla finestra delle mie mancanze…

Parigi, quando risuonano le parole di Christian Bobin:

“Quelli cui hanno rasato la testa
e quelle cui hanno bruciato il cuore,

hanno in comune il non avere più una lingua.”

2015 – Maria A. Listur

 

HOMAGE TO THE UNEXPECTED

Thanks to allow a tender space
to the renewed courage.
Thanks for celebrating of the incomplete yearning,
the rhythms. Laughing.
Thanks for giving to nothingness a scared refuge,
and then, illuminated pray.
Thanks for the tears that do not involve the eyes,
but the striations of the dawn.
Thanks for every wine, those from the past, the vinegar,
those that still hang from the lines of the defenseless vineyards.
Thanks for knowing how to ask offering, for the giving of the soul,
for sharing the essences.
Thanks for putting to its place the false wisdom,
the hypocrisy of well being
Thanks for giving to the disconcert a lyric
for inventing notes, each pause.
Thanks for not having just your age, your story:
for being the key to eternity, re illuminate.
Thanks for taking what you believe in, each one of your certainties
and throw them out of the window of my shortcomings…

Paris, when the words of Christian Bobin resound:

“Those men who have had their heads shaved and those women who have had their heart burnt, have in common the lost of their language.”

2015 – Maria A. Listur

SORPRESE/SURPRISES

La mia nostalgia abitava:
nella maternità di ogni aeroporto
nella città degli argentei cieli,
nella solitudine a prescindere,
nel fiume che ospita un isola,
nelle voci strascicate nella gola,
nell’innocenza di credersi senza casa,
in un acre aroma quasi perenne,
nel cuore di chi dice “Ti amo”…
Finché,
dopo una spolverata di ogni piuma
– quelle per scrivere quindi di ogni ala –
le case della nostalgia si sono avverate.
E perfino le minime distanze:
sfumate!

Percorso-iV

Percorso IV – 2015 – Maria A. Listur

Parigi, mentre si ringrazia.
2015 – Maria A. Listur

 

SURPRISES

My nostalgia lived:
in the maternity of each airport
in the city of the silver sky,
in the solitude no matter what,
in the river that hosts an island,
in the slurred voices in the throat,
in the innocence of believing of being with no home,
in a pungent aroma almost perennial,
in the heart of who says “I love you”…
Until,
after dusting off each feather
– those for writing therefore of each wing –
the houses of nostalgia have become real.
And even the smallest distances:
gone!

Paris, while thanking.
2015 – Maria A. Listur

“Dagli altrui vizi impara quanto i tuoi detestabili siano.”/“From other’s bad habits learn how dreadful yours are.”

Proverbio

-Avresti dovuto mandarla a quel paese!
-Non avevo tempo.
-Per dire “Va a quel paese!”?
-Per il dopo.
-Dopo cosa?
-Dopo l’insulto.
-Non è un insulto!
-Sappiamo che significa tante altre cose…
-Sì, ma vuoi negare il piacere dello sfogo?
-Io preferisco tacere.
-E non soffri?
-Soffrirei di più insultando.
-Dai! Ti ho sentito dire tante parolacce!
-Sì, ma per ridere! O indirizzate a me! Quando ho insultato, direttamente, ho visto del terrore negli occhi degli altri.
-E ti fanno paura?
-No, mi fa pena… E mi preoccupa ciò che viene dopo…
-Che vuoi dire col dopo? Che c’entra! Stiamo parlando di sfoghi!
-Tu parli di sfoghi, io parlo della difficoltà di recuperare sé stessi dopo un improperio.
-Lo sfogo implicherebbe che non hai bisogno di recuperare niente… Liberi energia!
-Energia?
-Sì, energia.
-E non ci si libera tacendo?
-No. Si può anche implodere.
-O trasformare il silenzio in splendore!
-Certo! Trasforma anche ogni bassezza in silenzi brillanti o in taciti diamanti oppure in muti smeraldi! Ma va!
-Cerco di non sprecare energia. Mi sono spiegata meglio?
-Sì, meglio; tuttavia non condivido, trovo che stai negando degli aspetti dell’umano… Con una sorta di superbia!
-Ora sono io a non condividere, tuttavia accetto.
-Quale dei due?
-Non sto negando nessun aspetto. Sto semplicemente provando ad accettare che non riesco a insultare senza pagare un prezzo altissimo, dopo. Sono superba? Accetto di essere, per alcune persone e anche in senso positivo, superba.
-Di che prezzo parli?
-La traduzione!
-Di cosa?
-Dell’insulto! Se io dovessi attendere di sfogarmi attraverso un insulto, dovrei dirlo in almeno quattro lingue, tre sono di cuore e una di testa! Preferisco il silenzio interlinguistico.

Parigi, quando si ride dei propri “pre-giudizi di valore” e anche altrui.
2015 – Maria A. Listur

 

“From other’s bad habits learn how dreadful yours are.”

Proverb

-You should have told her to go to hell!
-I didn’t have time.
-To say “Go to hell!”?
-For afterwards.
-For after what?
-After the insult.
-It is not an insult!
-We know that mean many other things…
-Yes, but do you want to deny the pleasure of an outburst?
-I’d rather say nothing.
-And don’t you suffer?
-I’d suffer more insulting.
-Come one! I heard you say bad words!
-Yes, but for laughing! Or addressed to myself! When I have insulted, directly, I have seen terror in other’s people eyes.
-And do they scare you?
-No, it makes me feel sorry… And I worry for what it comes afterwards…
-What do you mean for after? What has it got to do with anything! We are talking about an outburst
-You talk about outburst, I am talking about the difficulty of recover oneself after an insult.
-The outburst would imply that you don’t have the necessity to recover anything… You free energy!
-Energy?
-Yes, energy.
-And don’t we free ourselves staying quiet?
-No. You could also implode.
-Or transforming silence in splendor!
-Sure! Transform every meanness in brilliant silences or in quiet diamonds or in mute emeralds! Come on!
-I am trying not to waste energy. Did I make myself clear?
-Yes, better; however, I don’t agree, I think that you are denying some aspects of the human… With a sort of arrogance!
-Now it’s me who doesn’t agree, however I accept.
-Which one of the two?
-I am not denying any aspect. I am simply trying to accept that I can’t manage to insult without paying a very high price, afterwards. Am I arrogant? I accept to be, for some people and also in a positive way, arrogant.
-What price are you talking about?
-The translation!
-Of what?
-Of the insult! Should I wait to have an outburst through an insult, I should say at least in four languages, three are by heart and one by head! I’d rather like the inter linguistic silence.

Paris, when we laugh of our own “pre-judice of valor” and also other’s.
2015 – Maria A. Listur

AMORE/LOVE

Tutte le volte che ti perdo:
– nei surrogati della grazia,
nel futuro del passato,
nei trucchi del piacere,
nelle croste del non-detto,
nelle istituzioni amorose,
nella servitù del corpo,
nei gusti socio-imposti,
nei desideri inscatolati,
nel passato del presente –
all’eternità mi affido
che, compassionevole
in noi,
ti riporta.

False-Inclinazioni-I

False Inclinazioni I – 2015 – Maria A. Listur

Parigi, quando è notte ma, il cielo dice giorno.
2015 – Maria A. Listur

 

LOVE

Every time I lose you:
– in the surrogates of the grace,
in the future of the past,
in the tricks of the pleasure,
in the scabs of the un-said,
in the love intuitions,
in the servitude of the body,
in the tastes socially-imposed,
in the boxed up desires,
in the past of the present –
to the eternity I rely on
that, merciful
to us,
it brings you back.

Paris, when it is night but, the sky says day.
2015 – Maria A. Listur

“Parlare del proprio libro è una delle cose più sexy al mondo!”/“Talking about your own book is one of the sexiest thing in the world!”

(Richiesta di Anonimato)

-Lo crede veramente?
-Cosa?
-Che parlare del proprio libro sia sexy.
-Lo credo.
-Marilyn Monroe diceva: “Avere successo è la cosa che ci rende più sexy.”
-Io sono un uomo… Chissà cosa si potrebbe sentire con il seno che aveva la Signora Monroe…
-Lei ha altro.
-Lo dovrebbe chiedere a mia moglie.
-Mi riferivo alla letteratura.
-Lei quanti anni ha?
-Quasi cinquantuno.
-Troppo giovane per comprendere quello che ho voluto dire…
-Lei quanti ne ha?
-Settantotto.
-Sembra meno.
-Anche mia moglie sembra meno e ne ha ottantatré. Trentadue più di lei! Si rende conto?
-Di cosa?
-Che lei dice “quasi cinquantuno” con un’aria di maturità che non è vera… Guardi mia moglie. La vede? Quella donna elegantissima in piedi vicino ai cataloghi di fotografia. Quella è la maturità!
-Siamo due tipi diversi di maturità…
-Non mi faccia ridere!
-Mi può dire cosa intende?
-Non intendo niente! Io so! La maturità è quello stato dove le risorse conosciute sono crollate e rimane soltanto la luce.
-E secondo lei, esiste un tempo per quello stato?
-Il corpo deve andare oltre il concetto del bello che la società impone…
-Simile all’anonimato ma, interiore… Che ne pensa?
-Sì… Una specie di anonimato della carne.
-Vuol dire che la maturità sarebbe una conseguenza temporale?
-Una parte è conseguenza temporale di un cambiamento inimmaginabile, e un’altra parte è conseguenza del lavoro quotidiano nell’accoglienza.
-Accoglienza?
-Di ciò che non sapevamo saremo diventati.
-Perché ha usato la parola sexy?
-Perché nessuno l’associa alla maturità o all’anzianità.
-Infatti, lei l’ha associata alla letteratura…
-Da qualche parte si deve incominciare.
-Accoglieremo con grazia la vecchiaia?
-Non lo so. Io ho potuto farlo grazie a mia moglie. In termini più generali so che non avrò il tempo di vederlo nella società… E se succederà, e lei sarà ancora viva – soltanto in quel momento – sveli il mio nome.

Parigi, quando un grande scrittore mi fa dono di un sentiero anonimo. 2015 – Maria A. Listur

 

“Talking about your own book is one of the sexiest thing in the world!”

(Request of Anonymity)

-Do you really believe it?
-What?
-That talking about your own book is sexy.
-I do.
-Marilyn Monroe used to say: “Having success is the thing that makes us the sexiest.”
-I am a man… Who knows how could us feel with Mrs. Monroe’s breasts…
-You have something else.
-You should ask my wife.
-I was referring to literature.
-How old are you?
-Almost fifty-one.
-Too young to understand what I meant to say…
-How old are you sir?
-Seventy-eight.
-You seem less.
-My wife as well seems younger she is eighty-three. Thirty-two more than you! Can you believe it?
-What?
-That you said “almost fifty-one” with a tone of maturity that is not real… Look at my wife. You see her? That very elegant woman standing next to the catalogs of photography. That’s maturity!
-We are two different types of maturity…
-Don’t make me laugh!
-Can you tell me what do you mean?
-I meant nothing! I just know! Maturity is that state where the known resources just collapsed and there is only light left.
-And according to you, is there a time for that state?
-The body has to go beyond the concept of beauty that society imposes…
-Similar to the anonymity but, interior…Don’t you think?
-Yes… A sort of anonymity of the flesh.
-Do you mean to say that maturity is a temporal consequence?
-A part is temporal consequence of an unimaginable change, and another part is the consequence of the daily work of the acceptance.
-Acceptance?
-Of what we didn’t know we would become.
-Why did you use the word sexy?
-Because no one associates it with maturity and age.
-In fact you have associated it to literature…
-We have to start from somewhere.
-Will we accept with grace the old age?
-I don’t know. I was able to do it thanks to my wife. In more general terms I know that I won’t have time to see it in society… And if it will happen, and you will still be alive – only in that moment – you can reveal my name.

Paris, when a great writer donates me an anonymous path. 2015 – Maria A. Listur

CASA II/HOME II

E si piegano o dispiegano tutte le strade verso casa.
Cambiano i rientri, le dimore, del nulla ogni grazia.
I frammenti fanno percorso, rigo del pentagramma.
E nel firmamento un punto, un sole dentro: ordina,
predispone, osa, costruisce, risana, assesta, riguarda;
nel vuoto dei silenzi, si riconosce unica casa.

TaSho-I

TaSho 2013 – Maria A. Listur

Roma, quando il riposo è movimento.
2015 – Maria A. Listur

 
HOME II

And they bend and open out all the roads towards home.
The reentries change, the abodes, of nothing each grace.
The fragments make path, stroke of the pentagram.
And in the firmament a point, a sun inside: it orders,
prepares, dares, constructs, restores, delivers, relates;
in the emptiness of the silences, it recognizes itself as the unique home.

Rome, when resting is movement.
2015 – Maria A. Listur

“I limiti del mio linguaggio costituiscono i limiti del mio mondo.”/“The limits of my language constitute the limits of my world.”

Ludwig Wittgenstein

-Senti di avere tempo?
-Chissà…
-Come senti l’aria?
-Sempre quella, tu sai…
-E il bambino?
-Sempre lui, meditativo, lieve.
-E gli amici?
-Dolci, ci conosciamo tanto…
-E l’amore?
-In tutto, anche nelle lacrime.
-Ti diverti?
-Sai… So ridere da sola.
-Mi piacerebbe sapere che ridi accompagnata…
-Anche, soprattutto dentro il letto.
-Non volevo sapere tanto.
-Te lo dico perché non è da tutti avere con chi ridere di sé stessi!
-Touché!
-E tu?
-Qui. Ti ho sentito quando hai detto di voler raccontarmi di questo tempo…
-Sì.
-Dimmi.
-Molte grazie.
-Mi ringrazi sempre… Dimmi altro.
-Da un po’ di tempo sento che nella mia vita non ci sono più le frontiere delle tue prospettive. E qualche volta mi spavento… E faccio i conti con il falso tradimento…
-Veramente?
-Ti sorprende?
-Sì… Perché, per te, le frontiere di ogni cosa non sono mai state un limite…
-Lo credi seriamente?
-Hija mía, estás hablando con un muerto… (Figlia mia, stai parlando con un morto)

Parigi, dove un desiderio diventa sogno, realtà. 2015 – Maria A. Listur

 

“The limits of my language constitute the limits of my world.”

Ludwig Wittgenstein

-You feel that you have time?
-Who knows…
-How do you feel the air?
-Always the same, you know…
-And the child?
-Always him, meditative, light.
-And friends?
-Sweet, we know each other well…
-And love?
-In everything, even in the tears.
-Are you enjoying?
-You know… I can laugh by myself.
-I’d like to know that you laugh with someone…
-As well, above all in bed.
-I didn’t want to know that much.
-I am telling you because not everyone has someone to laugh with about ourselves!
-Touché!
-And you?
-Here. I heard you when you said you wanted to tell me about this time…
-Yes.
-Tell me.
-Many thanks.
-You always thank me… Tell me more.
-Since a while back I feel that in my life there are no boundaries of your perspectives. And sometime I get scared… And I have to deal with the false betrayal…
-Really?
-Does it surprise you?
-Yes… Because, to you, the boundaries of anything have never been a limit…
-You really believe so?
-Hija mía, estás hablando con un muerto… (My baby, you are talking to a dead man)

Paris, where a desire becomes dream, reality. 2015 – Maria A. Listur