“Tutto ciò che esalta la vita, ne accresce al tempo stesso l’assurdità.”/“Everything that exalts life, enhances at the same time its absurdity.”

Albert Camus

Grazie Dott. Giovanni Beretta

-Secondo me è l’età!
-Quanti anni hai?
-L’età di mia moglie non la mia!
-Quanti anni hai?
-Mia moglie ne ha quarantotto…
-Quanti anni hai tu?
-Che c’entra!
-Stai parlando di menopausa come fosse un problema, e soprattutto un problema femminile!
-Guarda che la menopausa è femminile!
-Non mi dire? Leggi… Leggi!
-Lasciami stare che non ho voglia di ammalarmi!
-Ti leggo io: “La menopausa esiste ed anche l’andropausa ma, sono fenomeni fisiologici che hanno modalità diverse nel loro modo di manifestarsi. Infatti negli uomini non abbiamo la caratteristica caduta improvvisa dell’ormone sessuale più importante, come succede invece nelle donne, ma una lenta e parziale diminuzione dei livelli di testosterone nel sangue, la curva gaussiana. Nell’andropausa o “menopausa maschile”, alla diminuzione del testosterone, strettamente collegato a questo evento ormonale, abbiamo generalmente un progressivo aumento della massa grassa e una conseguente riduzione della componente muscolare. Oltre a questi processi “morfologici” vengono spesso riferiti anche l’insorgenza di un più facile affaticamento, una diminuzione della densità ossea, un calo del desiderio sessuale, depressione, disturbi della memoria e della concentrazione, ed anche turbe del sonno.” Ecco!
-Certo! Dovevi deprimermi… Non sopporti che vinca!
-Che stai dicendo? Abbiamo giocato due ore fa! Ti sto informando!
-Tu vuoi che vada dal medico!
-No… Non lo so… Ho pensato a tua moglie e mi sono dispiaciuto!
-E come mai ti preoccupi per mia moglie?
-Non mi preoccupa tua moglie! Mi sono dispiaciuto della situazione!
-Guarda che faccio in modo che non se ne accorga!
-Scusa.
-E come mai mi chiedi scusa?
-Credo di aver oltrepassato il limite…
-Ora mi stai trattando da debole! Credi che non possa sopportare che la tua situazione è completamente differente e che tu possa…
-Stop! Basta! Ti – stavo – informando – perché – mi – sembri – un – ignorante! E perché sono stufo!
-Stufo?
-Sì, stufo di che non esista -anche per noi- un tempo degno di decadenza! Una maturità che non può e non deve essere al passo con le ragazzine! Stufo! Stufo!
-La tua si che è menoandro!
-Andropausa! Andropausa!

Parigi, in una sala d’attesa, dietro una colonna, voyeur acustica, rido e poi, quasi piango. 2016 – Maria A. Listur

 

“All that exalts life, enhances at the same time its absurdity.”

Albert Camus 

Thank you Doc. Giovanni Beretta

-I think it’s the age!
-How old are you?
-Not mine but my wife’s age!
-How old is she?
-My wife is forty-eight…
-How old are you?
-What’s that got to do with it!
-You are talking about menopause as if it was a problem, and especially a female problem!
-Look, menopause is feminine!
-Really? Read… Read!
-Leave me alone I don’t feel like getting sick!
-I’ll read it to you: “Menopause exists and andropause as well but, those are physiologic phenomena that have different ways to manifest. As a fact in men we don’t have the typical sudden loss of the most important sexual hormone, as it happens for women, but a slow and partial decrease of the testosterone levels in the blood, the Gauss curve.
In the andropause or “male menopause”, besides the decrease of testosterone, strictly connected to this hormonal event, we generally have a progressive increase of the body fat and a consequent decrease of the muscular component. Besides this “morphologic” processes often it is reported the insurgency of a much easy tiredness, a diminution of the bone density, a decrease of the sexual desire, depression, memory and concentration disturbs, and also sleep disorders.” Here it is!
-Sure! Now you had to go on and depress me… You can’t bear that I win!
-What are you talking about? We played just two hours ago! I am informing you!
-You want me to go to a doctor!
-No… I don’t know… I thought about your wife and I felt sorry!
-And how come you worry about my wife?
-I am not worried about your wife! I felt sorry for the situation!
-Look I do whatever it is possible for her not to notice anything!
-Sorry.
-And why are you apologizing?
-I think I have crossed the line…
-Now you are treating me like a weak! Do you think that I can’t bear that your situation is completely different and that you could…
-Stop! Enough! I – was – informing – you – because – you – seem – to – me – an – ignorant! And because I am fed up!
-Fed up?
-Yes, fed up that there isn’t – for us as well – a decent time of decadence! A maturity that can’t and shouldn’t keep up with young girls! I am fed up! Fed up!
-I can tell that yours is menoandro!
-Andropause! Andropause!

Paris, in a waiting room, behind a column, acoustic voyeur, I smile and then, almost cry. 2016 – Maria A. Listur

FOGLIE/LEAVES

Disgiunte, staccate, slegate…
Ritmiche e puntuali, vanno via
per predire la nuova stagione;
per essere, senza indulgenza,
spazzate;
cancellate a forza di fuoco,
gelate.
Scomposte per comporre calore,
si sciolgono – come me –
caduta nel mondo,
arrendevole all’invisibile sguardo.

A la main-IIA-la-main-IA-la-main-III

A misura di palmi, 2016 – Grès Noir Cru

Parigi, quando gli anni hanno il tempo di tutta la storia.
2016 – Maria A. Listur

 

LEAVES

Disjointed, detached, untied…
Rhythmical and punctual, they leave
to predict the new season;
to be, with no indulgence,
wiped out;
cancelled by the force of fire,
frozen.
Decomposed to compose warmness,
they melt – like me –
fallen in the world,
yielding to the invisible glance.

Paris, when the years have the time of the whole history.
2016 – Maria A. Listur

“L’arte è sempre il risultato di una costrizione. Credere che si levi tanto più alta quanto più è libera equivale a credere che ciò che trattiene l’aquilone dal salire, sia la corda.”/“Art is always the result of constraint. Believing that the more it elevates the more is free is equivalent to believe that what holds back the kite from going up, is the thread.”

André Gide

-Madame X mi ha consigliato di leggere il suo blog.
-Onorata.
-Le confesso che mi sono divertito nel leggere delle cose che sono pura fantasia raccontate a mo’ di biografia.
-Fantasia?
-Sì… Non mi riferisco ai testi poetici. Mi riferisco a quei testi che sono composti da dialoghi o che sono semplici dialoghi.
-Non sono prodotto della fantasia. Possono essere composti da più circostanze tuttavia sono stati vissuti da persone che sono entrate direttamente o indirettamente in contatto con me.
-Credo che la sua inventiva le sta tendendo una trappola…
-Trappola?
-Sì. Non ho letto tutto ma ricordo che usa delle figure psicanalitiche per raccontare dell’infanzia… La sua?
-Può essere più preciso?
-Il racconto della bambina nel parco. La bambina è lei!
-Io?
-Certo! È evidente!
-La bambina del parco esiste, non sono io.
-Ora sta inventando per non darmela vinta!
-Stiamo lottando?
-Ora mi dirà che siete diventate amiche!
-Amiche no, non posso essere “amica” di una bambina. Ci riconosciamo. Tutto qui.
-Me la farebbe vedere?
-No.
-Vede? Non esiste!
-Accetto che non mi creda.
-Avrei giurato che fosse lei.
-Io avrei giurato che fosse interessato alla lettura.

Parigi, durante un vernissage che ricorda i film dove si rappresenta la compra di schiavi, non vendita, non tratta. 2016 – Maria A. Listur

 

“Art is always the result of constraint. Believing that the more it elevates the more is free is equivalent to believe that what holds back the kite from going up, is the thread.”

André Gide

-Madame X has suggested me to read your blog.
-Honored.
-I confess that I had fun reading some things that are pure fantasies conveyed as a biography.
-Fantasy?
-Yes…I am not referring to the poetic texts. I am referring to those text that are made of dialogs or are just simple dialogs.
-They are not a product of my fantasy. They could be made by several circumstances however they have been experienced by people that have come in contact directly or indirectly with me.
-I think your inventiveness is deceiving you…
-Deceiving?
-Yes. I haven’t read it all but I remember that you use some psychoanalytic figures to talk about childhood… Is it yours?
-Can you be more precise?
-The story about the girl in the park. The girl is you!
-Me?
-Sure! It’s obvious!
-The girl in the park does exist, is not me.
-Now you are just making that up just not to give in!
-Are we fighting?
-Now you are going to tell me that the two of you became friends!
-Friends no, I can’t be “friend” with a girl. We do acknowledge each other. That’s all.
-Would you show her to me?
-No.
-See? She doesn’t exist!
-I accept that you won’t believe me.
-I would have sworn that it was you.
-I would have sworn that you were interested in reading.

Paris, during a vernissage that reminds those films where it is represented the buying of slaves, not the selling, not the trade. 2016 – Maria A. Listur

RELATIVA/RELATIVE

Amo quella solitudine che non si ritiene verità,
quella che sa stare con gli altri, che non si vanta;
quella che sembra accompagnata, informale,
spettinata…
Quella solitudine che sei tu, quella!
Sì! Tu.

Flessione-IFlessione-II

FlessionE I-II, 2016 Parigi – Grès Noir Cru – Maria A. Listur

Parigi, quasi estate. 2016 – Maria A. Listur

 

RELATIVE

I love that solitude that it is not considered truth,
that one that is able to be with others, that doesn’t show off;
that one that seems accompanied, informal,
scruffy…
That solitude that is you, that one!
Yes! You.

Paris, almost summer. 2016 – Maria A. Listur

“La violenza è un metodo di lotta inferiore, brutale, illusorio soprattutto, figlio di debolezza, fonte di debolezza, malgrado, anzi in ragione dei suoi effimeri trionfi.”/“Violence is a method of fight inferior, brutal, unrealistic and above all, it is son of weakness, source of weakness, despite, actually on account of its ephemeral triumphs.”

Filippo Turati

-Domanda.
-Credo sia sempre la stessa.
-La ripeta.
-Da dove costruire il perdono?
-Bella domanda! Perlomeno lei non fa la differenza.
-Differenza?
-Sì, alcuni credono che il perdono sia diverso secondo la situazione, le persone, le emozioni; credono che perdonare se stessi sia diverso da perdonare la moglie o il marito che ha tradito, il ladro piuttosto che l’assassino!
-Quindi…
-Guardi la storia, guardi i sacrifici anteriori a questi d’ora. Chissà che potrà perdonare il non aver  imparato nulla.
-Non pensa che il perdono implichi una sudditanza?
-E lei crede che siamo in grado di pensare a un mondo assente di sudditanza?
-Vorrei tentare.
-Tenti e si permetta di avere il trucco del perdono a portata di mano.

MT

Isola I, prove – 2004 Roma – Michele Truglio ph

Parigi, mentre si spezzano ali nella ricerca delle radici del coraggio.

 

“Violence is a method of fight inferior, brutal, unrealistic and above all, it is son of weakness, source of weakness, despite, actually on account of its ephemeral triumphs.”

Filippo Turati

-The Question.
-I believe it is always the same.
-Ask it again.
-From where do we build forgiveness?
-Good question! At least you are not making difference.
-Difference?
-Yes, some believe that forgiveness is different according to the situation, the people, the emotions;
they believe that forgive oneself is different from forgiving the wife or the husband that has cheated, the thief rather than the assassin!
-Therefore…
-Take a look at history, look at the big sacrifices prior to those of nowadays. I wonder if you can forgive for not having learn anything.
-Don’t you think that forgiveness implies subjection?
-And do you think we are able to think of a world without subjection?
-I’d like to try.
-Try and allow yourself to have the trick of forgiveness at hand.

Paris, while wings break in the search of the roots of courage.

SATORI

A me piaceva la tua mancanza:
misurare la tua onirica sagoma accanto a me,
amavo contare il tempo – prima del tuo arrivo –
con la metrica dei passi da percorrere fino a noi.
E via tutta quest’aria che nessuno vede!
Via ogni limite!
Tutto sfuma per diventare
quel che voglio immaginare!
A me piaceva che mancasse qualcosa:
un teatro del vivere che si vuole incompiuto,
un canto che non richiama nessun uccello,
come se, anche il canto delle allodole, fosse il nostro
umano, spiumato, imperfetto, esiliato, torvo;
appunto, nostro.

IMG_6347.jpg

UNION – 2016, Paris – Porcellaine

Parigi, quando l’amore è genesi, anche roccia.
2016 – Maria A. Listur

 

SATORI

I did like missing you:
measuring your oneiric silhouette next to me,
I used to love to count time – before your arrival –
with the metrics of the steps to cover to reach us.
And off it goes all this air that no one sees!
Off it goes every limit!
Everything disperses to become
what I want to imagine!
I did like that something was missing:
a theatre of living that it is needed incomplete,
a chant that doesn’t call any bird,
as if, even the larks’ singing, was ours:
human, plucked, imperfect, exiled, surly;
ours, precisely.

Paris, when love is genesis, even rock.
2016 – Maria A. Listur

“… la paura e la speranza, tutto quanto rende l’uomo confuso.”“… fear and hope, that is all that makes a man confused.”

Stefan Zweig, Gli occhi dell’eterno fratello

-Delusa?
-Da troppo tempo non mi sono consentite le illusioni…
-Colpita?
-Colpita.
-Mi dispiace tanto…
-Sei accanto a me quindi posso permettermi un colpo di maggiore volume.
-Mi dispiace tanto ma credo di essermi quasi addormentata… Come fosse un colpo di sonno!
-Io mi sono addormentata… Non ti sentire in colpa…
-Ma… stiamo parlando del tuo referente, del tuo paradig…
-Che non avevo mai visto a teatro!
-Capisco…
-Lo so.
-Ti posso offrire dello champagne? E non per affogare le pene!
-Lo so. Champagne!
-Sai che mi sono sentita un po’ intimidita di venire qui, di vedere lo spettacolo… Non avrei mai immaginato che fosse così… Come dire?
-Brutto!
-Sì… Brutto. Quel che si dice un lavoro…
-Inutile!
-Sì… No…
-Puoi dirmi ogni cosa! Dopo questo mi sono tolta da ogni vertebra ogni tipo di peso estetico!
-Sicura?
-Sicura.
-E che hai messo tanto…
-Probabilmente l’ammirazione mi ha confuso!
-Allora… Io direi che questo spettacolo è fatto da persone che non sanno camminare!

Avignone, mentre il sole cade verso la mezzanotte e preannuncia uno nuovo, sconosciuto.

 
“… fear and hope, that is all that makes a man confused.”

Stefan Zweig, The Eyes of the Eternal Brother

-Disappointed?
-From far too long I wasn’t allowed to have illusions…
-Moved?
-Moved.
-I am really sorry…
-You are here next to me so I can take a blow of greater intensity.
-I am so sorry but I think I have almost fall asleep… As it was a sudden-onset sleep!
-I fell asleep too… Don’t feel sorry…
-But… we are talking about your referent, your paradig…
-That I had never seen on stage!
-I get it…
-I know.
-Can I offer you some champagne? And it’s not for sinking the pain!
-I know. Champagne!
-You know that I felt a bit intimidated to come here, to see this performance… I would have never imagined that it was like that… How can I say?
-Bad!
-Yes… Bad. What you’d call a work that is…
-Useless!
-Yes… No…
-You can say what you want! I have unloaded from each vertebra any kind of esthetic weight!
-Sure?
-Sure.
-But you have put some much…
-Probably admiration has confused me!
-Well… I would say that this performance is made by people who can’t walk!

Avignon, while the sun sets towards midnight and preannounces a new, unknown.

DISPERAZIONE/DESPAIR

Mi dispero – soltanto – quando mi accorgo
di non tenere tutto il tempo a mente, te.
Te e tu che fosti la risata inaspettata, il sole.
Sole e solitudine accanto a me, a “quella” me.
Me, quella che so nessuno vede, e so adesso,
neanche te. Mi dispero – soltanto – per il se.
Mi dispero – soltanto – quando mi accorgo
di aver trattenuto qualcosa di più del pianto.
Pianto e grida che sembravano risate, silenzio.
Silenzio e gratitudine dentro di me, fuori anche.
Fuori e dentro, feto consapevole del bisogno!
Del dover di crescere, senza slabbrare l’acqua.

653-Senti-Mento-I-VII
Senti-Mento I/VII – 2016 – Paris, Maria A. Listur

Parigi, nel silenzio di tutto quello che suona.
2016 – Maria A. Listur

 

DESPAIR

I despair – only – when I realize
that I don’t keep all the time in mind, you.
You and you who were the unexpected laugh, the sun.
Sun and solitude next to me, to “that” me.
Me, the one that no one sees, and I know now,
not even you. I despair – only – for the self.
I despair – only – when I realize
that I have held back something more than tears.
Tears and screams that seemed laughs, silence.
Silence and gratitude inside me, outside as well.
In and outside, fetus conscious of the need!
Of having to grow, without rippling the water.

Paris, in silence of all that sounds.
2016 – Maria A. Listur

“Il passato non è mai là dove l’abbiamo lasciato.”/“The past is never there where we have left it.”

Katherine Anne Porter

Sto uscendo dal piccolo parco sulla Rue de Babylone a Parigi, durante un crepuscolo che sembra un’alba: il giorno appare pronto ad esplodere piuttosto che vicino al sonno. Alla fine del vialetto che percorro e sotto la pergola ingrassata dalla vite c’è una panca verde, sulla panca siede una bambina sui sette anni che mi guarda. La bambina indossa un vestito di merletto color panna, calzettine bianche dentro scarpette color cipria, i capelli hanno i colori dei diversi tipi di miele – dal più chiaro al più scuro, gli occhi verdi sono profondi, il sorriso dei denti storti è appena accennato, tuttavia dolcissimo; le sorrido anch’io. Volto a destra sotto il pergolato, verso l’uscita, faccio quindici passi e mezzo domandandomi: “Cosa fa, questa bambina, completamente sola nel parco deserto?” Il sedicesimo passo lo compio in direzione opposta all’uscita, torno indietro, la raggiungo. Lei alza il viso verso me come se mi stesse aspettando. La saluto: “Buonasera.”, lei risponde: “Buonasera signora.”. Chiedo: “Tutto bene?”. Lei sorride ancora più dolcemente, risponde: “Sì signora, tutto bene.” e devolve gentilmente: “E lei?”. Sorrido senza sorpresa, lei mi risulta familiare, rispondo: “Tutto bene grazie.”. È talmente centrata e serena nella sua solitudine che non resta che andarsene. Prima di ripartire rilancio: “Hai bisogno di qualcosa?”. Lei prima nega con un gesto della testa e poi aggiunge con una soave voce: “No signora, grazie, non ho bisogno di niente. E lei? Lei ha bisogno di qualcosa?” Rispondo anch’io, prima con la testa, e poi dico: “No grazie…”. “Prego”, dice lei chinando la testa verso destra e mantenendo immobile il suo sorriso dai denti storti.
Mi volto lentamente verso l’uscita e torno a casa.

Mentre cade violacea la notte, penso alla bambina che mi ha chiesto se avevo bisogno di qualcosa. A come me l’ha chiesto, al riflesso del mio sguardo nei suoi occhi profondi, alla forza dell’infanzia, alla pergola ingrassata dalla vite che come fosse un trono di smeraldi al sole ha accolto un angelo a misura della mia vera età.

Parigi, nel parco che fu delle monache. 2016 – Maria A. Listur

 

“The past is never there where we have left it.”

Katherine Anne Porter

I am leaving the little park on Rue de Babylone in Paris, during a sundown that seems like a sunrise: the day appears more ready to explode than to go toward sleep. At the end of the walkway that I am walking and under the arbor plumped by the vine there is a green bench, on the green bench a girl about seven years old is sitting and watching me. The girl is wearing a lace dress in a light cream color, white sox inside of light dusty pink little shoes, the hair have the color of the different types of honey, from the lighter one to the darker one, the green eyes are profound, the smile of the crooked teeth is hinted, though is very sweet; I smile back to her. I turn right under the arbor, towards the exit, I walk fifteen steps and a half asking myself: “What is this girl doing all alone in this deserted park?” I make my sixteenth step in the opposite direction to the exit, I am going back, I reach her. She raises her face toward me as she was waiting. I greet her: “Good evening”, she replies: “Good evening madam.”. I ask: “Is everything all right?”. She smiles even more sweetly, replies: “Yes madam, everything is all right.” and gently replies: “And you?”. I smile without being surprised, she seems familiar, I reply: “Everything is all right thank you.”. She is so centered and serene in her solitude that there is nothing left but to leave. Before leaving I try again: “Do you need anything”. She first denies with a motion of her head and she adds with an exquisite voice: “No madam, thank you, I don’t need anything. And you? Do you need anything?” I reply as well, first with my head, and then I say: “No thank you…”. “You are welcome”, she says bowing her head toward the right and keeping motionless her crooked teeth smile.
I turn around toward the exit and go home.

While the purplish night falls, I think about the girl that asked me if I needed anything. On how she asked it, at the reflex of my glance inside those deep eyes, at the strength of the childhood, at the arbor plumped by the vine as if it was a throne of emeralds in the sun that it has hosted an angel in the measure of my true age.

Paris, in the park that was of the nuns. 2016 – Maria A. Listur