“L’arte è sempre il risultato di una costrizione. Credere che si levi tanto più alta quanto più è libera equivale a credere che ciò che trattiene l’aquilone dal salire, sia la corda.”/“Art is always the result of constraint. Believing that the more it elevates the more is free is equivalent to believe that what holds back the kite from going up, is the thread.”

André Gide

-Madame X mi ha consigliato di leggere il suo blog.
-Onorata.
-Le confesso che mi sono divertito nel leggere delle cose che sono pura fantasia raccontate a mo’ di biografia.
-Fantasia?
-Sì… Non mi riferisco ai testi poetici. Mi riferisco a quei testi che sono composti da dialoghi o che sono semplici dialoghi.
-Non sono prodotto della fantasia. Possono essere composti da più circostanze tuttavia sono stati vissuti da persone che sono entrate direttamente o indirettamente in contatto con me.
-Credo che la sua inventiva le sta tendendo una trappola…
-Trappola?
-Sì. Non ho letto tutto ma ricordo che usa delle figure psicanalitiche per raccontare dell’infanzia… La sua?
-Può essere più preciso?
-Il racconto della bambina nel parco. La bambina è lei!
-Io?
-Certo! È evidente!
-La bambina del parco esiste, non sono io.
-Ora sta inventando per non darmela vinta!
-Stiamo lottando?
-Ora mi dirà che siete diventate amiche!
-Amiche no, non posso essere “amica” di una bambina. Ci riconosciamo. Tutto qui.
-Me la farebbe vedere?
-No.
-Vede? Non esiste!
-Accetto che non mi creda.
-Avrei giurato che fosse lei.
-Io avrei giurato che fosse interessato alla lettura.

Parigi, durante un vernissage che ricorda i film dove si rappresenta la compra di schiavi, non vendita, non tratta. 2016 – Maria A. Listur

 

“Art is always the result of constraint. Believing that the more it elevates the more is free is equivalent to believe that what holds back the kite from going up, is the thread.”

André Gide

-Madame X has suggested me to read your blog.
-Honored.
-I confess that I had fun reading some things that are pure fantasies conveyed as a biography.
-Fantasy?
-Yes…I am not referring to the poetic texts. I am referring to those text that are made of dialogs or are just simple dialogs.
-They are not a product of my fantasy. They could be made by several circumstances however they have been experienced by people that have come in contact directly or indirectly with me.
-I think your inventiveness is deceiving you…
-Deceiving?
-Yes. I haven’t read it all but I remember that you use some psychoanalytic figures to talk about childhood… Is it yours?
-Can you be more precise?
-The story about the girl in the park. The girl is you!
-Me?
-Sure! It’s obvious!
-The girl in the park does exist, is not me.
-Now you are just making that up just not to give in!
-Are we fighting?
-Now you are going to tell me that the two of you became friends!
-Friends no, I can’t be “friend” with a girl. We do acknowledge each other. That’s all.
-Would you show her to me?
-No.
-See? She doesn’t exist!
-I accept that you won’t believe me.
-I would have sworn that it was you.
-I would have sworn that you were interested in reading.

Paris, during a vernissage that reminds those films where it is represented the buying of slaves, not the selling, not the trade. 2016 – Maria A. Listur

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...