“Il mistero non esiste che nelle cose precise.”/“Mistery doesn’t exist but in precise things.”

Jean Cocteau

-Non le piace la parola “artista”?
-Perché me lo chiede?
-Come mai mi risponde con una domanda?
-Siamo cadute tutte e due nello stesso vizio.
-Ho notato una certa smorfia quando l’hanno denominata “artista”.
-“Artista”, in generale, non so cosa voglia dire…
-Capisco.
-Tuttavia, a Parigi, “artista-autore” è una denominazione fiscale.
-Quindi?
-È più forte il suono della parola pronunciata da chi parla spagnolo e chi ci ha presentate ha pronunciato la parola come se fosse di lingua madre.
-Più forte, in quale senso?
-C’è un paese del Sudamerica dove dire “artista” significa puttana.
-Non è vero.
-Dipende da cosa intende per “vero”.
-Voglio dire che non è possibile! Mi dica il paese!
-Non posso. Vorrei poter scrivere sulla sua reazione.
-Me lo dica all’orecchio, terrò il segreto.
-La prego… Non mi tolga il piacere dei misteri più umili.
-Concesso, soltanto perché lo scriverà… E comunque, lei è un’artista.
-Dipende dal paese…

Parigi, a cena con delle signore che hanno fatto del linguaggio una forma di lavoro.
2016 – Maria A. Listur

 

“Mistery doesn’t exist but in precise things.”

Jean Cocteau

-Don’t you like the word “artist”?
-Why do you ask?
-How come you are replying with a question?
-We both fell for the same habit.
-I have noticed a sort of a grin when you were defined “artist”.
-“Artist”, in general, I don’t know what it means…
-I understand.
-However, in Paris, “artist-author” is a fiscal denomination.
-Therefore?
-It is stronger than the sound of the word pronounced by those who speaks Spanish and the person who introduced us has pronounced the word as if she was mother-tongue.
-Stronger, in what sense?
-There is place in South America where saying “artist” means whore.
-It can’t be true.
-It depends what you mean by “true”.
-I mean that it can’t be possible! Tell me the place!
-I can’t. I would like to write about your reaction.
-Tell it in my ear, I’ll keep the secret.
-I beg you… Don’t take away from me the pleasure of the humblest secrets.
-Granted, only because you will write about it… And by the way, you are an artist.
-It depends on the place…

Paris, dining with some women who have made of the language a form of work.
2016 – Maria A. Listur

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...