IKEBANA

Cosa sarei amore mio senza le tue mani che amano le crepe?
Cosa saremo senza quest’euforia di vuoto, senza il nulla?
Dove potrei posare il mio riposo senza la tua vocazione di fiume?
E dove trovarti se non nell’aroma delle nostre ultime rose?

Grazie Maestri/Thanks Masters Luca Ramacciotti e/and Lucio Farinelli
per ogni viaggio condiviso, sulle navi di/for every shared journey, on the boats of Sogetsu
Vasi/Vases Maria A. Listur
Smalto e Ikebane/enamel and Ikebanas Luca Ramacciotti e/and Lucio Farinelli

Parigi, vaporosamente fredda e brillante.
2017 – Maria A. Listur

 

IKEBANA

What would you be my love without your hands that love the cracks?
What would we be without this euphoria of emptiness, without the nothing?
Where would I lay my rest without your vocation of river?
And where to find you if not in the aroma of our last roses?

Paris, vapourously cold and brilliant.
2017 – Maria A. Listur

“È probabile che esista attrazione anche fra cose e oggetti. La persona sensibile lo avverte e li accosta.”/“It’s most likely that there is attraction between things and objects. The sensible person feels it and pull them together.”

Alessandro Morandotti

La vicina fantasma, come l’ha sopranominata il vicino del secondo piano, arriva puntuale; tra le mani un pacchetto che sembra avvolgere un gioiello gigante, lo porge alla padrona di casa.
La padrona di casa dice il suo solito “non doveva”, il fantasma non risponde, attende l’invito in salone.
Il padrone di casa la saluta con un affetto esagerato tuttavia sincero, dovuto all’ammirazione del fantasma.

Penso, se mi è dato pensare, che sia giusto tutto quell’amore per una sconosciuta tanto silenziosa, leggera e assente. Chi mai oggi si può permettere tanta distanza? Tutti li a fare di tutto per essere visti giovani, bravi e di successo… Questa qui se ne frega assolutamente. È strana? E così rimane!

Si sta per sedere sul divano di pelle nera, quando il padrone di casa fa riferimento a un incontro casuale, avvenuto un mese prima sull’uscio dell’edificio: “Finalmente l’abbiamo vista con un uomo mia cara!”
Il fantasma non conclude la volontà di sedersi sulla pelle di mucca ben conciata, si rimette in piedi e dall’alto della sua assenza emotiva dice “L’uomo che avete visto è mio figlio. Ora dovrei andare.”
La padrona di casa tenta di salvare suo marito e padrone – non solo di casa – “Cara ci scusi tanto, non volevamo…” Ma, il fantasma sta già calpestandomi con la delicatezza di chi sa camminare sulla merda senza mai sporcarsi, e arrivata alla porta d’uscita si volta per dire “Non c’è di che scusarsi, le urgenze non sono mai prevedibili…”

E un altr’anno incomincia, ancora una volta nell’attesa dei piedi dell’angelo – o di chi sembra fantasma – sui miei disegni che resistono: al tempo, ai piedi infangati, alle piogge, al pianto degli ombrelli, alla crudeltà delle aspirapolveri, alla vecchiaia di chi si accontenta.

Parigi, nella pace dell’impietosa luce.
Maria A. Listur – 2017

 

“It’s most likely that there is attraction between things and objects. The sensible person feels it and pull them together.”

Alessandro Morandotti

The woman ghost neighbor, as the the next door neighbor of the second floor has nicknamed her, arrives on time; In the hands a package that seems to be wrapping a giant jewel, she gives it to the lady of the house. The lady of the house says her usual “you shouldn’t have”, the ghost doesn’t reply, waits for the invitation to the living room.
The man of the house greets her with exaggerated affection though sincere, due to his admiration of the ghost.

I think, if I am allowed to think, that all that love is right for a stranger woman so silent, light and absent. Who can nowadays allow himself so much distance? Everybody are there to do all they can to be seen young, good and successful. This one here doesn’t give a damn. Is she strange? And she stays like that!

She is about to sit on the black leather sofa, when the man of the house talks about a casual encounter, happened a month before at the entrance to the building: “Finally we saw you with a man my dear!”
The ghost doesn’t carry out her willing to sit on the well tanned cow leather, lift herself up and from above of her emotional absence says: “The man you saw is my son. Now I should go.”
The lady of the house tries to save her husband and owner – not just of the house – “Dear please forgive us, we didn’t mean to…” But, the ghost is already stepping on me with so much gentleness of those who can walk over shit without getting dirty, and once reached the exit door she turns to say “Nothing to excuse, urgencies are never predictable”

And another year begins, once again waiting for the feet of the angel – or of whom seems a ghost – on my patterns that resist: to time, to muddy feet, to rains, to the tears of the umbrellas, to the cruelty of the vacuum cleaners, to the old age of those who are satisfied with little.

Paris, in the peace of the merciless light.
Maria A. Listur – 2017

IL QUOTIDIANO OBLIO/THE DAILY OBLIVION

Delicatamente sbigottita, la luce guarda
– la sua vocazione per il fuoco si allenta –
quando pietosa e materna
non indugia… Ombreggia.
Prescinde dalla sua compiuta trasparenza
– fa credere di non vedere ciò che legge –
quando suprema e paterna
non svela… Provvede.
Non esiste il languore del sole!
Né il suo passaggio fa notare le fasi!
E come se la luce fosse nostro patrimonio
nell’umana rozzezza, si perde.

703-Sogno.jpg

Dal Sogno/From the Dream 2014 – Gabriele del Papa ph

Roma, sublimata nella luce, mai propria.
2017 – Maria A. Listur

 

THE DAILY OBLIVION

Delicately dismayed, the light watches
– its vocation for the fire trains –
when merciful and maternal
doesn’t hesitate… Overshadows.
Aside from its complete transparence
– it makes believe that it doesn’t see what it reads –
when supreme and paternal
doesn’t unveil… Provides.
The sun languor doesn’t exist!
Nor its passage shows the phases!
And it’s like if the light was our heritage
in the human roughness, it gets lost.

Rome, sublimated in the light, never its own.
2017 – Maria A. Listur

“Ogni limite ha una pazienza.”/“Each limit has a tolerance.”

Totò

Mentre si attende…

-Per favore, mi può dire dove preferisce l’opera?
-Sulla scrivania di destra.
-Qui?
-No, meglio su quella a sinistra.
-Al centro?
-Ma no! Di lato.
-Sinistro?
-Destro.
-Qui?
-No… Meglio sul tavolo vicino al quadro di Mirò.
-Verso sinistra?
-No, no, no! A destra… ma verso la sinistra non totalmente a destra.
-Mmm…
-Credo che la dobbiamo mettere invece verso la luce della vetrina. La riprenda.
-Quale delle tre vetrine?
-La vetrina centrale, no meglio quella a sinistra.
-Secondo la mia prospettiva o quella dei clienti.
-Ovviamente quella dei clienti!
-Quando sono fuori o quando sono dentro?
-Quando sono fuori non sono ancora clienti.
-Dipende…
-La posi a sinistra, se guardata da fuori.
-Si rende conto che si sta contraddicendo?
-Ci sto pensando…
-A cosa?
-Al luogo dove piazzare le opere!
-Opere? Dobbiamo piazzare una sola opera!
-Per me è lo stesso una che cento!
-Come per me!
-Anche lei sente che in un’opera si racchiudono milioni di opere?
-No! Per me piazzare questa qui mi fa sentire come se stessimo riallestendo il museo del Louvre…
-Che onore!
-… a mano!

Parigi, quando l’alterità non è di casa, né di galleria, né di museo… né di…
2017 – Maria A. Listur

 

“Each limit has a tolerance.”

Totò

While waiting…

-Please, could you tell me where do you prefer the piece?
-On the writing desk on the right.
-Here?
-No, it’s better on the one on the left.
-In the center?
-But no! On the side.
-Left side?
-Right one.
-Here?
-No… It’s better on the desk next to Mirò’s painting.
-To the left?
-No, no, no! On the right… but to the left not totally on the right.
-Umm…
-I think we have to put it towards the light of the shop window instead. Pick it up.
-Which one of the three shop windows?
-The central shop window, no it’s better the left one.
-According my perspective or the clients’ one.
-Obviously the clients’ one!
-When they are inside or when they are outside?
-When they are outside they are not clients yet.
-It depends…
-Put it on the left, if seen from outside.
-Do you realize you are contradicting yourself?
-I am thinking about it…
-About what?
-About the place where to put the pieces!
-Pieces? We have to place just one!
-To me one or hundreds is the same!
-Same as me!
-Do you also feel that in one piece there are millions of pieces?
-No! To me placing this one here makes me feel like we were rearranging the Louvre museum…
-What an honor!
-… by hands!

Paris, when alterity is neither of the house, nor of the gallery, nor of the museum… nor of…
2017 – Maria A. Listur