UN SECCHIO D’ACQUA FREDDA NEL CUORE DELLA NOTTE/A BUCKET OF COLD WATER IN THE DEAD OF THE NIGHT

Ti ho amato per l’allegrezza: tutta letteratura e abbandoni.
E ti amo ancora, per la baldoria,
quella dell’esultare in suono, per non perire d’amore,
ancora.
Sì! Io ti amerò nuovamente! E nuova.
Ti amerò tutte le volte che qualcuno o qualcuna
usi voci di quella che fu alba della nostra maturità:
Un altro modo di concepire me
e dopo, noi.

Parigi, mentre leggo chi, senza saperlo, torna.
2017 – Maria A. Listur

 

A BUCKET OF COLD WATER IN THE DEAD OF THE NIGHT

I have loved you for the joy: all literature and abandons.
And I still love you, for the merriment,
the one of the rejoice in sound, not to perish from love,
yet.
Yes! I will love you again! And new.
I will love you every time someone man or woman
uses voices of what it was the dawn of our maturity:
Another way of conceiving me
and afterward, us.

Paris, while I read who, without knowing it, comes back.
2017 – Maria A. Listur

Come Fiorire/Like Blossoming

-Sulla menopausa?
-Sì… Siamo un gruppo di donne che studia “come e per” trovare linguaggi propri durante la menopausa.
-E per guidare il percorso, da dove sei partita?
-Da una premessa personale.
-Ti va di condividerla?
-L’ho scritta nel libro quindi posso anche dirtela: l’infanzia e la menopausa hanno molte sensazioni in comune; per me la principale è l’immediatezza.

747-Florecidas 2.jpg

747-Florecidas 1.jpg

FIORITE-FLEURIES – ED. LASTOURS ○

Parigi – Roma – Norimberga – Reggio Emilia, con gratitudine mai anonima.
2015-17, Maria A. Listur

 

Like Blossoming

-On menopause?
-Yes… We are a group of women who study “how and to” find our own languages during menopause.
-And to lead the path, where did you start from?
-From a personal premise.
-Do you feel like sharing it?
-I wrote it in the book so I can tell you as well: childhood and menopause have many sensations in common; to me the main one is the immediacy.

Paris – Rome – Nuremberg – Reggio Emilia, with a never anonymous gratitude.
2015-17, Maria A. Listur

SOLITUDINI/SOLITUDES

Così mi conquisti,
– a noi ti arrendi –
mi cingi e mi orni, mi sai;
sai di quella che fu
quella che
– dietro la seta del galateo –
sorride all’impossibile
e senza indugiare vittorie,
ti vede.

746-SOLITUDINI.jpg

Emanuela Morozzi ph, Iaia and me

Verona, dove incontrarsi è riscegliersi.
2017, Maria A. Listur

 

SOLITUDES

You conquer me in this way,
– you surrender to us –
you hold me, you adorn me, you know me;
you know about the one that I was
the one that
– behind the silk of the etiquette –
smiles at the impossible
and without lingering on victories,
sees you.

Verona, where to meet is to choose again each other.
2017, Maria A. Listur

« … Ram esclamò : « Ham El Khior ! » che nella sua lingua significava : « Ho visto Dio ». Da allora fu noto col nome che giunse a noi come Melchiorre.»/ « … Ram exclaimed: « Ham El Khior! » which in his language meant: « I saw God ». From that point, he was known by the name Melchior.»

Dr. S. Atteshlis

-Non lo sopporto e non gli credo !
-Sono due cose ben diverse!
-Non lo sopporto e non gli credo per lo stesso motivo!
-Mmm…
-Non reggo più la gente che dice di fare quello che fa perché glielo dettano dall’alto! O dal basso! Oh! Dico io! Ste cazzate! Non ci credo!
-Quello mi è chiarissimo!
-Non fare la saccente con me!
-Stai interpretando… Credo che sei molto spaventata.
-E no! E no… E sì… Ma che vuol dire? Allora anche a me stanno dettando quello che sto a dire in questo momento!
-Mmmm…
-Ora rispondimi! Dai! Rispondimi!
-Per quel che so io, quello che dici è farina del tuo sacco.
-E come lo sai?
-Mmmm…
-Parla! Fatti dettare anche tu! Parla!
-Ti stai sfogando…
-Uno sfogo? Io sono avvelenata! L’ho pagato un sacco di soldi per fare il medico e questo mi parla di dettato spirituale! Di meditazione! Di respiro! A me che non respiro!
-Da come urli mi sembra che respiri molto meglio…
-Sì! Respiro meglio perché un coglione mi ha fatto arrabbiare! E sai che ti dico? La prossima settimana vado lì e lo insulto! Vediamo se non gli dettano un’incazzatura anche a lui!
-Sarebbe bello…
-Ah… Vedi che anche tu vorresti vederlo incazzato dall’alto!
-Sarebbe bello che tu tornassi da lui. Chissà che tra farina del tuo sacco e il sacco dell’Alto trovate un accordo…
-Tutta colpa tua che me l’hai fatto conoscere!
-Tra poco mi ribattezzeranno “Tuttacolpatua”.

Roma, quando l’amicizia sfora e trafora ma fa ridere.
2017 – Maria A. Listur

 
« … Ram exclaimed: « Ham El Khior! » which in his language meant: « I saw God ». From that point, he was known by the name Melchior.»

Dr. S. Atteshlis

-I can’t stand him and I don’t believe him!
-Those are two different things!
-I can’t stand him and I don’t believe him for the same reason!
-Umm…
-I can’t stand those people who say that they are doing what they are because it has been dictated to them from above! Or from below! Hey! I got to say it! Bullshit! I can’t believe it!
-That is quite clear to me!
-Don’t play the wise one with me!
-You are misinterpreting… I think you are very frightened.
-No! And no… And yes… But what does it mean? So me as well, I am also being dictated what I am saying at this moment!
-Ummm…
-Answer me! Come on! Answer me!
-For what I know whatever you say it’s all you.
-And how do you know?
-Ummm…
-Speak! Let yourself being dictated! Speak!
-You are just letting off steam…
-Steam? I am furious! I have paid him a lot of money to be the doctor and this guy talks about spiritual dictation! Meditation! Breathing! To me, who doesn’t breathe at all!
-Judging by how you are screaming it seems to me you are breathing much better…
-Yes! I am breathing much better because an asshole made me mad! And you know what? Next week I’ll go there and insult him! Let’s see if they dictate him a fit of rage as well!
-It would be nice…
-Ah… See, you also want to see him mad from above!
-It would be nice that you would return to him. Who knows that between your own thinking and the inspiration from above you guys can find an agreement…
-You have introduced him to me, it’s all your fault!
-From now on they’ll rename me “Allyourfault”.

Roma, when friendship exceeds and pierces but makes us laugh.
2017 – Maria A. Listur

“La gente pensa che se evita la verità, questa potrebbe cambiare in qualcosa di meglio prima che debbano ascoltarla.”/“People think that if they avoid the truth, this one could change into something better before they have to hear it.”

Marsha Norman

Affranto, straziato, sgomento, addolorato sono possibili traduzioni della parola “acongojado”, in spagnolo.
Non la sentivo da tanto tempo, non l’ascoltavo da un’eternità, quasi ieri quando nel 1983 la dovetti usare per annunciare la morte di mio padre.
Ora, una voce con un colore quasi identico al mio pronuncia la parola “acongojado”, utilizza questa forma del linguaggio parlato per definire lo stato che prova di fronte a una perdita; affranto per una perdita anche mia, sgomento per la sorpresa, addolorato per avermi visto vivere in perdita quello che ora è tangibile perdita.
Io resto a fare mentalmente la traduzione, a cercare come dire in italiano o in francese la parola “acongojada”, non ci riesco, niente mi rappresenta lo stringimento del petto all’altezza del timo simultaneamente riflessa verso ogni estremità come fosse una luce gelida. Neanche i dizionari o i vocabolari – in linea ed in carta – vengono a salvarmi dal vuoto della traduzione. Niente traduce l’effetto di un ago di vetro tra le costole, divenuto parola. Mi sono sempre permessa di raccontare lo strazio, lo sgomento, l’afflizione, anche la gioia di aver trasformato il bello in miracoli, il maltrattamento in allegorie, mai la “congoja”.

Si muore un po’ agli occhi di chi non si ben-tratta e quando quel corpo veramente muore, qualche volta, finisce di morire. Sì, si finisce. E si smette di essere o di stare “acongojada”.

Parigi, quando lo sgomento alleggerisce.
2017 – Maria A. Listur

 

“People think that if they avoid the truth, this one could change into something better before they have to hear it.”

Marsha Norman

Overcome, tormented, dismay, sorrowful are possible translations of the word “acongojado”, in Spanish.
I haven’t heard it for a long time, I didn’t hear it for an eternity, it was almost in 1983 when I had to use it to announce the death of my father.
Now, a voice with a color almost identical to mine pronounces “acongojado”, utilizing this form of spoken language to define a state that he feels toward a loss; overcome for a loss also mine, shocked for the surprise, sorrowful for seeing me living at a loss that now is a tangible loss.
I linger in making a translation mentally, in looking for a way to say in Italian or in French the word “acongojada”, I can’t, nothing represents the constriction at chest level of the thymus simultaneously reflected toward every extremity as if it was cold light. Not even the dictionaries or the vocabularies – online or on paper – come to rescue me from the emptiness of the translation. Nothing translates the effect of a glass needle between the ribs, turned into word. I have always allowed myself to talk about the torment, the shock, the affliction and also the joy of having transformed the beauty into miracles, the abuse in allegories, never although the “congoja”.

We die a little to the eyes of those who don’t well-treat themselves and when that body really dies, sometimes, finishes to die. Yes, finishes. And we stop being or staying “acongojada”.

Paris, when the dismay lightens.
2017 – Maria A. Listur