“Rostro de horno, piernas de río, y tetas de frío.”

“Viso di forno, gambe da fiume, tette da freddo.” 

Anonimo

-Io non mi sento gli anni…
-Quanti anni ha?
-Ah! Maria! Non si chiede!
-Siccome ha detto che non se li sente…
-Vediamo se lei dice i suoi…
-53 e me li sento tutti!
-Si sente vecchia?
-Per quanto mi concerne, sentirli non vuol dire sentirsi vecchia…
-E cosa vuol dire?
-Sentire la corteccia, e molto meno il frutto.

768.jpg

Okuda San Miguel – Valencia, Spagna/Spain

Parigi, mentre si scolpisce “le banal”.
2018 – Maria A. Listur

 

“Face of oven, legs of river, tits of cold.”

Anonymous

-I don’t feel my years…
-How old are you?
-Ah! Maria! You shouldn’t ask!
-Since you said that you don’t feel them…
-Let’s see if you tell me yours…
-53 and I feel them all!
-Do you feel old?
-As far as I am concerned, feeling them it doesn’t mean feeling old…
-And what does it mean?
-Feeling the bark, and much less the fruit.

Paris, while chiseling “le banal”.
2018 – Maria A. Listur

Pubblicità

MURARE/WALLING

Ho delle crepe nate da certe memorie.
Ho degli ossidi sorti da feconde lacrime,
forme ghiotte di bruma, incarnate,
talune isolate.
Ho bizzarri abbandoni di flessuosa importanza,
impegnati tuttora a farmi da specchio
a ribadire il silenzio di ogni mattone
tutti quanti, sollevati dal petto.

MURI1.jpg

MURI3.jpg

MURI/WALLS I/2 et T. Lautrec – 2015, Paris – Porcelaine et Cendres/Porcelain and Ashes

Parigi, quando il sole sembra una rosa.
2018 – Maria A. Listur

 

WALLING

I have some cracks born from certain memories.
I have some oxides risen up from fecund tears,
forms eager of haze, embodied,
some isolated.
I have odd abandons of agile importance,
still active in acting as a mirror for me
in reiterating the silence of each brick
all of them, lifted from the chest.

Paris, when the sun seems like a rose.
2018 – Maria A. Listur

“L’anima funziona dentro il corpo, ma la maggior parte delle sue funzioni sono fuori dal corpo… fuori dal corpo immagina molte cose della più straordinaria profondità, proprio come fa Dio.”/“The soul functions within the body, but for most of the time its functions are outside the body… outside the body it imagines many things of the most extraordinary profoundness, as God does.”

Carl G. Jung

-Come si sente ?
-Bene.
-Bene?
-Sì. Bene.
-Può specificare?
-Mi potrebbe dire se la specificazione deve avere la forma della comparazione, della descrizione realistica, della metafora, dell’aggettivaz…
-Quello che le viene in mente.
-Mmm…
-Quindi…
-Mmm…
-Niente?
-Alla mente non mi viene niente, la prima cosa che ho ascoltato nella sua richiesta è la pelle, e la pelle in contatto con…
-Con cosa?
-Un tavolo.
-Tavolo?
-Un tavolo mentre si sta apparecchiando, sento le porcellane tra le dita, e poi la brillantezza degli argenti, i fiori, gli aromi… Ascolto lo scivolare di ogni cosa.
-È sua la tavola?
-È la mia vita. Oggi.

766.jpg

 2017/18, chez nous

Parigi, quando ogni analisi è un invito.
2018 – Maria A. Listur

 

“The soul functions within the body, but for most of the time its functions are outside the body… outside the body it imagines many things of the most extraordinary profoundness, as God does.”

Carl G. Jung

-How do you feel?
-Fine.
-Fine?
-Yes. fine.
-Can you specify?
-Could you tell me if the specification has to be in the form of the comparison, of the realistic description, of the metaphor, of the adjectivization…
-Whatever comes to your mind.
-Umm…
-So…
-Umm…
-Nothing?
-Nothing comes to my mind, the first thing I have felt from your request is the skin, and the skin in contact with…
-With what?
-A table.
-Table?
-A table while it’s being set, I can feel the ceramics between my fingers, and then the brightness of the silverware, the flowers, the aromas… I listen to the gliding of each thing.
-Is it your table?
-It is my life. Today.

Paris, when each analysis is an invitation.
2018 – Maria A. Listur

SOLITUDINE/SOLITUDE

Che casa!
Che casa ho dentro il tuo sguardo,
tra i tuoi battiti di vento e sangue.
Ovunque tu sia
io so dove andare, dove tornare.
Soprattutto, dove entrare.
Cara mia,
mia Signora, mio rifugio, mio Uomo
sempre sarai lo spazio, l’infinito
tra le mie mani.

765-jpg.jpg

Spazi/Spaces 2013, Parigi

Seduta tra la gente, silenziosamente.
2018 – Maria A. Listur

 

SOLITUDE

What a house!
What a house I have inside your glance,
among the beats of wind and blood.
Wherever you are
I know where to go, where to return.
Especially, where to enter.
My beloved,
my Lady, my refuge, my Man
you will always be the space, the infinite
between my hands.

Sitting among people, quietly.
2018 – Maria A. Listur