“Si deve avere fiducia in se stessi. Voi avete fiducia negli altri… Voi avete fiducia nell’amore… Voi siete fiduciosi del desiderio… e poi, di fronte a voi stessi, siete pieni di sfiducia, perché? Non è giusto. Io ho fiducia in me stessa come verso un altro. Io mi do completa fiducia.” *

Marguerite Duras,
De la subjectivité dans le langage

-Lei non si sa vendere.
-A chi si sta riferendo?
-A lei.
-Lei io?
-Sì, lei, Maria… Meglio le do del tu…
-No! Non mi dia del tu…
-Ma non mi sta capendo… Di chi crede stia parlando?
-Pensavo si stesse riferendo all’artista della mostra.
-Ma no! Mi riferivo a lei. Ho visto il suo lavoro e credo che lei non si sa ven…
-Secondo chi?
-Oh mio Dio! Secondo me! E secondo altre persone anche!
-Altre persone? Chi?
-Altre!
-Sono una sconosciuta! Chi mai si metterebbe a pensare se sono o non sono capace di vendermi?
-Io.
-La ringrazio. Tuttavia credo che non serva a niente…
-Ah! Lei non crede in sé stessa!
-E da cosa lo deduce?
-Lo sento.
-Lei è un termometro di santi?
-Termometro di Santi?
-Non lo è! Non lo è!!! Io sono riconoscibile soltanto a chi sente i Santi! Se lei sente sensazioni di sicurezza o stima che rientrano nella normalità… Non può sentire la via dei Santi!
-Mi prende in giro…
-No… Sono serissima io. Sono Santa!

Parigi, dentro logiche che prevedono il miracolo.
2018 – Maria A. Listur

 

* “One has to have faith in him/herself. You have faith in others… You have faith in love…You have faith in desire… and then, in front of yourself, you are full of doubts, why? It is not fair. I have faith in myself as I have faith towards the other. I give myself complete faith.”

Marguerite Duras,
On the subjectivity of language

-You can’t promote yourself.
-Who are you talking about?
-About you.
-You me?
-Yes, you, Maria… It’s better if we speak informally…
-No! Don’t…
-But you are not understanding me… Who do you think I am talking about?
-I thought you were talking about the artist of the exhibition.
-Of course not! I am talking about you. I saw your work and I believe that you can’t prom…
-According to who?
-Oh my God! According to me! And according to other people also!
-Other people? Who?
-Others!
-I am not known! Who would even start to think if I am good or not in promoting myself?
-Me.
-I thank you. However, I think that it is useless…
-Ah! You don’t believe in yourself!
-And from what do you get that?
-I feel it.
-Are you a thermometer of saints?
-Thermometer of Saints?
-You are not! You are not!!! I can be acknowledged only by those who can feel the Saints! If you feel feelings of safety or appreciation that are in the normality… You can’t feel the way of the Saints!
-You are joking…
-No… I am a dead serious. I am Saint!

Paris, inside logics that predict the miracle.
2018 – Maria A. Listur

MANI/HANDS

Se alla parola “mani”
si sveglia un senso,
il mio primo, è una presa;
di quelle membrane
quasi unghie
dentro la pelle
del vergine capezzolo.
Annunciava allora,
perenni arrivi e in quella stretta
marcò già il passo, la grinta
e su ogni vita, la mia
tutta sua, in appartenenza.
Nessun’altra mano,
neanche quelle che m’istruirono
a recitare versi, potranno mai essere
tanta delicatezza,
tante parole in un solo gesto,
la promessa immane di andare via,
restare accanto,
e nella carne viva
essere presente.

Nuremberg, 16 Maggio 2018, con un inchino.
Maria A. Listur

 

HANDS

If to the word “hands”
a sense awakes,
my first, is a grip;
of those membranes
almost nails
in the skin
of the virgin nipple.
It announced then,
perennial arrival and in that grasp
it already marked the step, the grit
and on each life, mine
all his, in belonging.
No other hand,
not even those that taught me
to recite verses, could ever be
so much tenderness,
so many words in one gesture,
the enormous promise of going away,
stay close,
and in the live flesh
be present.

Nuremberg, 16 May 2018, with a bow.
Maria A. Listur

“Penser, c’est voyager (…).”

“Pensare è viaggiare (…).”

Gilles Deleuze

-Non ha mai pensato di andarsene?
-Da dove?
-Cambiare nazione, vita?
-Sono straniera.
-Lo so ma non sembra… Per me l’accento non è una caratteristica che permette di leggere il tempo…
-Condivido.
-Allora? Non ha mai pensato di andarsene?
-Non penso… Se devo andare, vado.
-Ah! Capisco! Lei non è straniera. Lei è in esilio…

Parigi, pausa traduzioni…
2018 – Maria A. Listur

 

“Thinking is travelling (…).”

Gilles Deleuze

-Have you ever tough about leaving?
-From where?
-Change nation, life?
-I am a foreigner.
-I know but you don’t seem like one… For me the accent is not a feature that allows one to read the time…
-I agree.
-So? Have you ever thought about leaving?
-I don’t think… If I have to, I just go.
-Ah! I got it! You are not a foreigner. You are in exile…

Paris, translations pause…
2018 – Maria A. Listur

CADUTE/FALLS

Fende l’aria – all’addio arreso
si stacca il petalo. Ancor profuma.
E la sua corolla – ignara all’appartenenza,
all’oscuro del congedo umano,
soccombe.

769.jpg

CHEZ NOUS/IN OUR PLACE

Nel giardino di Rodin, in osservazione.
2018 – Maria A. Listur

 

FALLS

It pierces the air – to the yielded farewell
the petal detaches. It still smells nice.
And its corolla – unaware of the belonging,
unaware of the human envoy,
dies.

In Rodin’s garden, in observation.
2018 – Maria A. Listur