“Lo specchio riflette esattamente ciò che vede: non sbaglia perché non pensa.”
/The mirror reflects perfectly; it makes no mistakes because it doesn’t think.”


Paulo Coelho

-Quando dice “maturità” non Le sembra di essere un po’ poetica?
-Poetica?
-Secondo me, si parla di “maturità” per non dire “vecchiaia”.
-No, io voglio dire maturità; come si dice dei frutti quando…
-…quando sono tutti raggrinziti quasi putridi!
-Prima di essere putridi sono morbidi, spesso più dolci, facili da spellare.
-Poetica! Lei è poetica!
-Se Lei tira le somme così facilmente senza conoscere il mio linguaggio, mi sta tentando! Posso anche io cadere nei facilismi…
-Si faccia tentare!
-… quindi, Lei non ha frequentato sua nonna quando la pelle raggrinzita era visibilmente increspata dall’esperienza?
-E se non fosse caduta nei facilismi cosa avrebbe detto?
-Che la maturità di cui tento di parlare, a differenza della vecchia, è accettare che ci si possa vedere molto diversamente da come uno si sente e curiosare nella differenza.

Parigi, quando la seduzione diventa giudizi.
Maria A. Listur – 2018

 

The mirror reflects perfectly; it makes no mistakes because it doesn’t think.”

Paulo Coelho

-When you say “maturity” don’t you think you are being a bit poetic?
-Poetic?
-To me, we say “maturity” not to say “old age”.
-No, I want to say maturity; as it is said for the fruits when…
-…when they are all wrinkled almost putrid!
-Before they are putrid they are soft, often sweeter, easy to peel off.
-Poetic! You are poetic indeed!
-If you draw your conclusions so easily without knowing my language, you are tempting me! I too can fall into easy-thinking…
-Let yourself be tempted!
-… so, you haven’t seen your grandmother when her wrinkled skin was visibly wrinkled by experience?
-And if you wouldn’t have fallen into easy thinking what would you say?
-That the maturity I am trying to talk about, differently from old age, is to accept that we can see ourselves differently from how we feel and be curious in the difference.

Paris, when seduction becomes judgment.
Maria A. Listur – 2018

ONORE/HONOR

Tra tutti i favori della Signora Terra,
– il più alto, il più sottile, indescrivibile –
dispensati a questo corpo non mio
piuttosto mio, in cammino,
è stato e continua a svelarsi
il figliare un angelo,
sentire le sue ali dispiegate nel ventre,
permettergli di sobillare
la mia mortale e friabile, ossea,
resilienza.

IMG_4453.jpg

Emanuela Morozzi ph
Tracer l’èphémère, 14 Juillet 2018 – Paris, æstival

Parigi, quando il silenzio permette lo sguardo
2018, Maria A. Listur

 

HONOR

Among all the favors from Lady Earth,
– the highest one, the finest one, the most indescribable one –
distributed to this body not mine
but rather mine, walking the path,
it has been and continues to unveil
giving birth to an angel,
feeling his wings spread out in the womb,
allow him to incite
my mortal and friable, osseous,
resilience.

Paris, when silence allows the glance
2018, Maria A. Listur

SOLLEVARE/TO LIFT

Per un po’ del suo tempo le parole furono orpello,
dimora di ogni suo eccesso; come fossero foglie
friabili, a un punto tale insopportabili
da costernare venti, e il cuore,
a stento un germoglio.
A momenti… Un albero.

776.jpg

Se poser, 2018 – Porcelaine

Parigi, in evocazione.
2018 – Maria A. Listur

 

TO LIFT

For a little of its time words were frill,
home of every excess; as if they were leaves
friable, at a certain point unbearable
enough to dismay the winds, and the heart,
barely a sprout.
In some moments… A tree.

Paris, in evocation.
2018 – Maria A. Listur