INTIMITÀ/INTIMACY

“Il teatro non è indispensabile.
Serve ad attraversare le frontiere fra te e me.”
diceva Jerzy Grotowski

IMG_5226.jpg

IMG_5235.jpg

Verona, mentre si cerca l’altro, d’altri.
2018 – Maria A. Listur

 

INTIMACY

“Theatre is not essential.
It is necessary to cross the frontiers between you and me”

Jerzy Grotowski used to say.

Verona , while looking for the other, of others
2018 – Maria A. Listur

My Lady*

“Ma Lei ancora non mi ha detto in cosa/chi crede Signora?”
Rifletto su questa domanda mentre scorrono i titoli di coda di My Lady con Emma Thompson. Le persone intorno a me non si sono alzate, si asciugano le lacrime. Una donna a due poltrone da me interrompe la mia riflessione:

-Cosa ne pensa?
-Di cosa?
-Del finale.
-Veramente riflettevo sul “credere”…
-Ah! E lei, in cosa crede Signora?
-Non ho bisogno di credere.

Alla mia risposta, la donna torna lo sguardo verso lo schermo. Durante il suo silenzio evidentemente riflessivo, la osservo. Ha dei tratti orientali, sembra un’anziana modella di Balthus. Si volta verso di me, dice:

-Anche il personaggio della Thompson sembra una agnostica…
-Non sono agnostica.
-L’è piaciuto il film?
-Prima di tutto è un libro. Poi un film. Ed Emma Thompson è nelle ossa del personaggio.
-Vuole dire bene?
-Voglio dire aderente.

781-BALTHUS.jpg
Balthus – Katya Lisant

Parigi, a cercare parole.
2018 – Maria A. Listur

 

My Lady*

“But madam, you haven’t told me yet what/who do you believe in?”
I am thinking about this question while the final credits of My Lady with Emma Thompson are rolling down. People around me have stood up, drying their tears. A woman two seats from me interrupts my reflection:

-What do you think?
-About what?
-About the finale.
-I was actually thinking about “believing” …
-Ah! And you, madam what do you believe in?
-I don’t need to believe.

To my reply, the woman goes back with her glance to the screen. During her silence evidently reflexive, I observe her. She has oriental features, she looks like a Balthus’ old model, she turns to me, says:

-Thompson’s character as well seems an agnostic…
-I am not agnostic.
-Did you like the movie?
-First it is a book. Then a movie. And Emma Thompson is in the bones of the character.
-Do you mean she is good?
-I mean she is adherent.

Paris, searching for words.
2018 – Maria A. Listur

*The movie’s original title is “The Children Act”

“Il momento adatto per influenzare il carattere di un bambino è all’incirca cento anni prima della sua nascita.”/“The right moment to influence the personality of a child is about one hundred years before his birth.”


William Ralph Inge

Volo Roma-Parigi. Nella fila dietro, durante l’atterraggio, un bambino che sembra avere più o meno 11 anni a voce alta quasi altissima:
-Mamma! Mamma! Parigi sembra una New York taroccata!
-Ma se non siamo ancora atterrati!
-Sì ma io ho visto tutto su Internet!
Il signore accanto a me sembra di avere una crisi epilettica. Chiedo:
-Tutto bene?
Simultaneamente tra urla, calci verso i sedili anteriore e disperazione:
-Torniamo! Dài mamma! Torniamo subito a Roma!
-Amore… Non vuoi darti un’opportunità per vedere Parigi? Può darsi che non è tanto taroccata, può darsi che non sai tutto… Amore… L’anno prossimo possiamo andare a New York e confrontare… Che te ne pare?
-Che palle!
Il signore accanto a me dice:
-No signora, niente va bene… In Tibet diciamo: “Un bambino senza educazione è come un uccello senza ali…”
Torno alla lettura. Sono l’ultima a lasciare l’aereo.

Nella terra di nessuno, quando gli idiomi non bastano.
2018 – Maria A. Listur

 

“The right moment to influence the personality of a child is about one hundred years before his birth.”

William Ralph Inge

 

Flight Rome-Paris. In the row behind, during landing, a child who seems to be more or less 11 years old in a high almost loud voice:
-Mom! Mom! Paris seems a phony New York!
-But we haven’t landed yet!
-Yes but I saw everything on the Internet!
The person sitting next to me seems to have a seizure. I ask:
-Everything alright?
Simultaneously among screams, kicks towards the anterior seats and desperation:
-Let’s go back! Come on mom! Let’s go back to Rome!
-Love… Don’t you want to give yourself the opportunity to see Paris? Maybe it is not so phony, maybe you don’t know everything… Love… Next year we can go to New York… What do you think?
-That sucks!
The man next to me says:
-No madam, nothing is alright… In Tibet we say: “A child with no education is like a bird with no wings…”
I go back to my reading. I am the last leaving the airplane.

In no-man’s land, when idioms are just not enough.
2018 – Maria A. Listur

“La capacità di semplificare significa eliminare il superfluo in modo che sia la necessità a parlare.”
/“The ability to simplify means to eliminate the unnecessary so that necessity may speak.”


Hans Hofmann

-Teresa di Calcutta diceva di “… essere semplicemente una matita nelle mani di Dio…” Si potrebbe dire che Kazuo Ohno diceva lo stesso quando dichiarava che “… il danzatore di butoh non danza ma si fa danzare?”
-Non sono in grado di risponderle…
-Non vuole rischiare?
-Cosa?
-Di essere definita.
-Una domanda è per me, sempre, una riflessione… Non è che non sono in grado di rispondere, in assoluto… Sto riflettendo.
-Quindi…?
-Non posso risponderle perché non voglio confrontare o riunire le attività di una religiosa e quella di un artista… Preferisco usufruire delle differenze piuttosto che della sintesi.
-Allora, dove si trova più comoda, nel pensiero di lei o in quello di lui?
-Usufruisco! Sono comoda!
-Se dovesse scegliere?
-Né una né l’altro… Mi piace immaginarmi come una danzante affilatrice di temperamatite.

IMG_4603.jpg

Nga Bui PH – Liberazione/Liberation

Parigi, quando l’anonimato sembra interessante.
2018 – Maria A. Listur

 

“The ability to simplify means to eliminate the unnecessary so that necessity may speak.”

Hans Hofmann

 

-Teresa of Calcutta Used to say of “… simply being a pencil in the hands of God…” could we say that Kazuo Ohno said the same when he affirmed that “…the butoh dancer doesn’t dance but let himself be danced?”
-I am not able to answer to you…
-You don’t want to risk?
-What?
-Of being defined.
-A question is, to me, always a reflection… It is not that I am not able to answer in absolute terms… I am just reflecting on it.
-So…?
-I can’t reply to you because I don’t want to compare or gather together the activities of a religious woman with the ones of an artist… I would benefit from the differences rather than the synthesis.
-Therefore, where do you find yourself more comfortable, in her way of thinking or in his?
-I just benefit! I am easy!
-If you would have to choose?
-Neither one or the other… I like to imagine myself as a dancer sharpening pencil sharpeners.

Paris, when anonymity seems interesting.
2018 – Maria A. Listur