TOCCARE/TO TOUCH

Quando il pensiero si fa tocco,
carne che vuole riparare,
di acqua sono gli interstizi
-quelli più ostici, quelli del tempo-
dissanguati dalle memorie
che attendono quella mano
che a ogni nodo regali oblio.

IMG_8083.jpg

Frequenze/Frequencies, 2019
Centre Tomatis, Paris

Maria A. Listur,
alle mani di Hiroe, Gratitudine in giapponese.

 

TO TOUCH

When the thought becomes touch,
flesh that wants to mend,
of water under the interstices
-those tough ones, those of the time-
drained of the memories
that wait for that hand
that gives to each crux oblivion.

Maria A. Listur,
to the hands of Hiroe, Gratitude in Japanese.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...