“Una filosofia che non sia incarnata nei nostri gesti quotidiani è pura, inutile, sciocca astrazione.”/“A philosophy that is not embodied in our daily actions is pure, useless, reckless abstraction.”

Àgnes Heller,
da Riccardo Mazzeo, Il Manifesto 20 07 19

-La trovo troppo intima.
-Lo dice come fosse negativo…
-Mi fa sentire un po’ scomoda.
-Lo dice come se la lettura la toccasse.
-Invadesse…
-Bene dunque!
-Io preferisco una certa distanza.
-Allora continui a leggere ed editare… Io scrivo. Si può sempre scegliere d’interrompere.
-Lei non si pone la domanda?
-Quale?
-Se non è meglio, più leggibile, un po’ di distanza?
-No.
-Svelarsi, scoprirsi, mostrare il lato C… Veramente non la disturba?
-Bello il lato C! Mi vengono delle associazioni idiomatiche non male, a parte questa digressione: il disturbo o il piacere non hanno nessuna relazione con il gesto che per me è scrivere, o fare qualsiasi dei percorsi che “pongo nel mondo”, per parafrasare una carissima maestra…
-Per me, si legge troppo la sua vulnerabilissima trasparenza…
-Se dice “vulnerabilissima trasparenza” vuol dire, per me e ora, che è anche insicura…
-Ecco, appunto, dove colloca il desiderio umanissimo di potere?
-Potere? Umanissimo?
-Signora! Potere? Sono argentina, metà indios… Esiste un potere “umanissimo”? Ora la lascio. Devo cucinare per alcune amiche. Umanissime…

Parigi, quando la cenere incontra il suo vento.
2019 – Maria A. Listur

 

“A philosophy that is not embodied in our daily actions is pure, useless, reckless abstraction.”

Àgnes Heller,
from Riccardo Mazzeo, Il Manifesto 20 07 19

-I find it too much intimate.
-You are saying it as if it was negative…
-It makes me feel a bit uncomfortable.
-You are saying it as if the reading was touching you.
-Invading…
-Well then!
-I prefer a certain distance.
-Therefore, keep on reading and editing… I will write. We can always choose to stop.
-Don’t you ask yourself the question?
-Which one?
-If it isn’t better, more readable, a little bit of distance?
-No.
-Unveil yourself, uncover yourself, showing the C side… Doesn’t it really bother you?
-I like the C side! Many not bad idiomatic associations come to me, besides this digression: the inconvenience and the pleasure don’t have any relation with the gesture that for me is writing, or making any of the paths that I “place in the world”, to paraphrase a very dear woman master…
-For me, your very vulnerable transparency is shown too much …
-If you say “very vulnerable transparency” it means, for me now, that it is also uncertain…
-There, exactly, where do you place the very human desire of power?
-Power? Very human?
-Madame! Power? I am Argentinean, half Indio… Does a “very human” power exist? Now I have got to go. I have to cook for some friends. Very human women.

Paris, when the ash meets its wind.
2019 – Maria A. Listur

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...