PARENTESI/PARENTHESIS

Nei palinsesti delle scelte
quella della poesia alletta,
in salvaguardia non dagli altri
quanto dalla voracità dei passati
(sempre bisognosi del presente),
e dalla famelicità dei futuri
(sempre lì a tentare seduzioni)…
Si raccoglie poesia ovunque
scremando dal tempo
il tuo sguardo, la tua voce,
e quella tua mano che sa andare.

'kjara.jpg

2002, Chiara/‘kyara, nel tempo dell’Italia di Dino Verga/ in the time of the Italy of Dino Verga

Parigi, sotto una freschezza già preterita.
2020 – Maria A. Listur

PARENTHESIS

In the palimpsest of the choices
the one of the poems entices,
not in the safeguard from the others
rather than from the voracity of the pasts
(always in need of the present),
and of the craving of the futures
(always there attempting seductions) …
Poetry is gathered everywhere
skimming from time
your glance, your voice,
and that hand of yours that knows how to go.

Paris, under a bygone freshness.
2020 – Maria A. Listur

DIETRO LE QUINTE/BEHIND THE SCENES

Lungo,
spesso stretto il tempo
tra quelle ossa che furono
e quelle che ora sono salto:
sollevato, delicato, sognato;
generoso di tracce,
di aromi e rumori,
come rami sfregati…
Scelte sottovento intagliate,
sovente silenzioso grido
oppure, umana radice danzante.

850.jpg

Coulisses 2016, Lac des Cygnes – Marie Solenne Boulet ph

Parigi, per amore dei piedi.
2020 – Maria A. Listur

 

BEHIND THE SCENES

Long,
often narrow the time
between the bones that were
and those that now are a leap:
lifted, delicate, dreamed;
generous of traces,
of aromas and noises,
like rubbed sticks…
Downwind carved choices,
often silent scream
or, dancing human roots.

Paris, for the love of the feet.
2020 – Maria A. Listur

Quasi relazioni…/Almost relations…

L’incontro si rivolta nel bisogno di gradire
che l’amor degrada, che all’abisso dell’assenza s’interpone
per affermare nel voltafaccia l’illusione,
o la pretesa di sapere che d’amor si tratta. E non si tratta,
si consuma, si avvilisce anche insieme,
senza l’altro o con l’altro che è anche altra, e si sospende
nel bisogno sconfinato di ridurre la meraviglia
all’immagine di ciò che manca.

849.jpg

design d’autore/author’s design

Maria A. Listur
2020, a Parigi. Carnevale.

 

Almost relations…

The encounter spoils itself in the need of appreciation
therefore, love degrades, and to the abyss of the absence interposes itself
to affirm in the turnaround the illusion,
or the presumption of knowing that it is love. And we don’t mediate,
we consume, we even depress together,
without the other or with the other that is also other, and we suspend
in the unlimited need of reducing the wonder
to the image of what is missing.

Maria A. Listur
2020, in Paris. Carnival.

MESTIERE/EXPERTISE

Oggi trascrivo, un altro modo di scrivere:

Svizzera, Centro di Ricerca S.N.V. 
Invitata:
Maria A. Listur

Non si faranno controlli e per questo chiediamo totale trasparenza,
libertà espressiva e brevità.

Età: 55 anni
Professione: Negoziatrice di Ombre
Frase e/o Immagine da condividere: 
“Tutto dipende da dove piazzi la luce.” Marlene Dietrich

848.jpg

Uffizi Gallery

Svizzera, in alto, in montagna.
2020, Maria A. Listur

 

EXPERTISE

Today I transcribe, another way to write:

Swiss, S.N.V. Research Center
Guest: Maria A. Listur

We won’t be doing any check and for this we ask for total transparency,
expressive freedom and shortness.

Age: 55 years
Profession: Shadows Negotiator
Phrase and/or Image to share:
“It all depends on where you put the light.” Marlene Dietrich

Swiss, up above, in the mountains.
2020, Maria A. Listur