SILENZI/SILENCES

Cosa saremmo senza le lettere?
Di noi specchio, tastiera sfocata…
Ogni riconoscenza,
inconsapevole trasparenza,
immanente inchino
a ogni frase,
a quel cammino a mo’ di racconto
che a te mi porta,
a bordo pagina.

Manuele Geromini

Manuele Geromini art

Parigi, al tuo silenzio, oramai nascosto.
2020 – Maria A. Listur

 

SILENCES

What would we be without letters?
Mirror of us, blurred keyboard…
Each gratitude,
unaware transparence,
immanent bow
to each sentence,
to that path like a story
that brings me to you,
to the page border.

Paris, to your silence, by now hidden.
2020 – Maria A. Listur

Oltre e grazie al Muro/Beyond and Thanks to the Wall

– Paura?
– Di cosa?
– Del contagio…
– Mi conosci, sai cosa penso…
– E la paura del controllo?
– Era già in atto…
– E come gestisci la mancanza di contatto?
– Mi fa ridere che tutto avviene “avanti”…
– Avanti?
– Lo diceva Jean Paul Sartre nella voce di Erostrato:
“nessuno cura ciò che avviene alle sue spalle…”
Da dietro tutti si avvicinano, e non soltanto a me.

Lui ride con la sua risata argentina
e mi regala un bacio internautico,
io devolvo senza distanza.

Parigi-Montreal, quando l’amicizia sa di poter saltare ogni limitatezza.
2020 – Maria A. Listur

 

Beyond and Thanks to the Wall

– Scared?
– Of what?
– Of the infection…
– You know me, you know what I think…
– And the fear of control?
– It was already ongoing…
– And how do you manage the lack of contact?
– It makes me laugh that everything happens “in front”…
– In front?
–Jean Paul Sartre used to say it in the voice of Herostratus:
“nobody cares of what happen in the back…”
From behind everybody come closer, and not only to me.

He laughs with his Argentinean laugh
and blows me a net surfer kiss,
I devolve with no distance.

Parigi-Montreal, when friendship knows that it can skip every limitation.
2020 – Maria A. Listur

A DOMANI/UNTIL TOMORROW

Oltre lo spazio, oltre la carne
finalmente il nulla ti disgrega
specchio delle tue note
irreversibili
ambidestre
amor di dio qui presente.
Buoni sogni e a domani
quando all’ombra di qualche ala
ti riascolterò dettarmi ritmi.

SC2-Flavio-Ianniello

Grazie/Thank you Flavio Ianniello ph

Parigi, tutta per te, M° Ezio Bosso
2020 – Maria A. Listur

 

UNTIL TOMORROW

Beyond the space, beyond the flesh
at last the nothingness disrupts you
mirror of your notes
irreversible
ambidextrous
love of God present.
Good dreams and see you tomorrow
when at the shade of some wing
I will hear you again articulating rhythms to me.

Paris, all for you, MA Ezio Bosso
2020 – Maria A. Listur

ATTRAVERSAMENTI/CROSSINGS

Regna indiscussa la familiarità, la fratellanza, il potere
di questa variazione del silenzio che è il suono,
della lingua genitore, della musica suo letto.
Muri attraversa, riunisce senza permesso, senza premessa;
a rendere presente e perenne la volontà di prevalenza,
liberata dai sentimenti, scevra di appartenenza.
Sia musica, rumore o anche urlo
lui irrompe, grava, calpesta.
Qualche volta, accarezza…

857-MASBEDO.jpg

Masbedo ART

Parigi, nel suono, anche degli altri.
2020 – Maria A. Listur

 

CROSSINGS

It rules the undisputed familiarity, the brotherhood, the power
of this variation of the silence that is the sound,
parent of the tongue, bed of the music.
It passes through walls, gathers without permission, without premise;
to make present and perennial the will of predominance,
freed from emotions, liberated from sense of belonging.
Be it music, noise or even scream
it barges in, weighs on, stomps.
Sometime, it caresses…

Paris, in the sound, of the others as well.
2020 – Maria A. Listur