FELICITÀ

Quella di ciò che è necessario o non

tuttavia assolutamente non vano ;

quella del dialogo sacro

con chi abbiamo esaurito parole conosciute

ricordi, rimembranze ;

quella del mare pulito dell’inverno

e quella delle città vuote dell’estate ;

quella felicità di quello stanzino piccolo

dentro il petto, all’alba 

nella solitudine scelta dell’eterno ;

quella del rimettersi in piedi

o perlomeno in ginocchio 

non per ringraziare soltanto

ma per chiedere ancora

un addio perfetto, senza speranze

senza paure, con la testa a terra

e il cuore espanso verso l’alto

a mo’ di ali tarpate nella schiena

ricresciute in alcuni abbracci.

Felicità tua, quella che ancora crede ;

quella che è paradiso dell’infanzia

e che non fu mia.

Monica Bonacina, Witness Journal – Anitya

Paris, quando la terra bolle.

2022 – Maria A. Listur

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...