“Impariamo l’umiltà accettando allegramente l’umiliazione.”/“Let’s learn humbleness joyously accepting the humiliation.”

Madre Teresa di Calcutta

-Come ti senti?
-Bene.
-Bene?
-Sì.
-E come fai?
-Che vuol dire “come fai”?
-Come fai a “sentirti” bene?
-Accetto.
-E quando hai imparato?
-Che cosa? Il colpo di un no?
-Non semplificare… Questo non è stato un no.
-Ah no? E cosa è stato?
-Un no dopo averti assicurato il lavoro.
-Hai ragione.
-Un no dopo sei mesi di messaggi, complimenti, belle parol…
-Vuoi che ti passi un coltello?
-Mi dispiace farti vedere la realtà! Tuttavia la devi vedere! La realtà è questa: che tu…
-Ohh! Ti disturba che io accetti? Che non mi stia tirando i capelli?
-Beh! Non mi disturba però mi turba… Non capisco come fai a non arrabbiarti un po’!
-Non posso.
-Ma dai! Io so benissimo di cosa sei capace se ti arrabbi! Tu hai paura della tua rabbia! Ti terrorizza perdere il controllo! Chissà che cosa faresti se tocchi la realtà del tradimento eh? Cosa faresti? Vorrei vedere!
-Tradimento? Io non credo nel tradimento.
-Ah no? Pensa te! E come chiami quello là che ti ha messo contro di me chiamandoti “La Papessa” Non era tuo amico e tuo padre guaritore? Come chiami quel altro che ti lascia con dei progetti appesi nell’agenda? O altri che ti promettono che farà per te delle cose, che terranno alla parola data e poi se ne fregano e ti mandano a fare in c…
-Mmmm… Stai diventando sgradevole… Possiamo mettere da parte le parolacce?
-Che educazione! Correggi loro! Dì loro che non ti insultino! Che non ti usino! Non lo dici tu? Lo dico io: si chiama tradimento! Ascolta bene! Tradimento.
-Sono a disagio.
-Ecco la via di mezzo che non mi piace… Il mezzo per giustificarli tutti! Ora parlami di perdono è abbiamo finito!
-Mi stai facendo sentire a disagio!
-Adesso non mi dire che sei tu la responsabile di certi adulti che…
-Sono io che ci ho creduto… Smetti di arrabbiarti… È più facile che sia tu a non sopportare la mia accettazione piuttosto che io smetta di credere…

Parigi, quando le ali di Beckett e quelle di Godot nutrono ogni gesto. 2016 – Maria A. Listur

 

“Let’s learn humbleness joyously accepting the humiliation.”

Madre Teresa di Calcutta

-How do you feel?
-Good.
-Good?
-Yes.
-And how you do it?
-What do you mean by “how you do it”?
-What makes you “feel” well?
-I accept.
-And when did you learn?
-What? The shock of a no?
-Don’t simplify… That wasn’t just a no.
-Really? And what was it?
-A no after guaranteeing a job.
-You are right.
-A no after six months of messages, compliments, nice words…
-Do you want me to hand you a knife?
-I am sorry showing you reality! But you have to see it! The reality is this: that you…
-Hey! Are you bothered that I accept? That I am not ripping my hair off?
-Well! It doesn’t bother me but it does worry me… I don’t get why don’t you get upset a little!
-I can’t.
-Come on! I know well what you are capable of if you get mad! You are afraid of rage! You are terrified of losing control! Who knows what you would do if you touch the reality of betrayal uh? What would you do? I’d like to watch!
-Betrayal? I don’t believe in betrayal.
-Ah no? Imagine that! And how do you call that man that put you against me calling you “The Pope woman”. Wasn’t he your friend and your healing father? How do you call that other one that leaves you with projects hanging on the schedule? Or others who promise you to do certain things, that they will keep their words and afterwards they just fuck up…
-Mmmh… You are becoming unpleasant… Can we leave the bad language out?
-How educated! Correct them! Tell them not to insult you! Not to use you! You don’t say it? I will: It’s call betrayal! Listen well! Betrayal.
-I fell uncomfortable.
-This is the middle ground that I don’t like… A way to justify them all! Now talk to me about forgiveness and we are done.
-You are making me feel uncomfortable!
-Now don’t tell me that you are responsible for certain adults that…
-It was me who believed in them…Stop getting upset…It’s easier that is you who can’t stand my acceptation rather than I stop believing…

Paris, when Beckett’s wings and those of Godot nourish every gesture. 2016 – Maria A. Listur

“È più facile non prendere che donare: si è meno disposti a cedere del proprio che a non prendere dall’altrui.”/“It’s easier not take than to donate: we are less willing to give something up ours than not taking from others.”

Aristotele

-Anche se ti sentirai offesa, posso dirti quello che penso?
-Vuoi offendermi.
-No. Voglio proteggerti!
-Come dicevano alcuni genitori “ti schiaffeggio per il tuo bene!”
-No! Può darsi che non ti offendi…
-Esiste la possibilità che io mi offenda!
-È un rischio, se vuoi che sia sincero!
-Io non te l’ho chiesto…
-Te lo devo!
-E perché?
-Perché cosa è l’amicizia se non l’esercizio della più alta sincerità?
-Dici?
-Dico. Posso dirti quello che penso?
-Vai!
-Secondo me… Sei ingenua! Quasi stupida! Confondi il perdonare con lasciarti passare sopra!
-Sicuramente sono ingenua che per te sta a significare stupida, e quello che tu chiami perdono è per me, l’accettazione.
-Accettazione? Tu non metti limiti!
-Dici?
-Dico! Vedi? Per esempio… Come mai lasci che io ti chiami “stupida”?
-Le tue opinioni non sono le mie… Puoi esprimerti come vuoi… Puoi vivere come vuoi, la nostra amicizia non dipende dai tuoi gusti o dalle tue scelte di vocabolario!
-Non ti sei sentita offesa?
-Visto che quello che volevi era offendermi?
-Non è vero! Non piegare l’argomento verso la tua logica.
-L’hai piegato tu e molto ingenuamente.
-Mi stai dando dello stupido?
-No.
-Stai giocando con le parole perché non accetti di essere una donna che è capace di grandi sacrifici che però non le sono riconosciuti! Questo, alla tua età, si chiama autolesionismo!
-Lo dici come se fosse tutto sinonimo di stupidità!
-Per me lo è.
-Mm…
-Non dici niente?
-Penso.
-Cosa?
-Non capisco perché ti arrabbi tanto. Quando servirà a te la mia stupidità, non sarò diventata meno stupida… Potrai anche tu passarmi sopra!
-Tanto sei sensibile e intelligente, tanto stupida e sacrificale!
-Beh… Sono sempre stata molto fortunata.

Roma, quando le differenze fanno ponte per rivedere i linguaggi. 2016 – Maria A. Listur

 

“It’s easier not take than to donate: we are less willing to give something up ours than not taking from others.”

Aristotle

-Even if you will feel offended, can I tell you what I think?
-You want to offend me.
-No. I want to protect you!
-As some of our parents would say “I am slapping you for your own good”!”
-No! It might be that you won’t get offended…
-There is the chance that it will offends me!
-It’s a risk, if you want me to be sincere!
-I haven’t asked you…
-I owe it to you!
-And why?
-Because what is friendship if not the exercise of the highest sincerity?
-You think?
-I do. Can I tell you what I think?
-Go on!
-To me… You are naïve! Almost stupid! You mistake the forgiving with letting yourself being run over!
-Surely I am naïve that for you it means to be stupid, and what you call forgiveness to me is acceptation.
-Acceptation? You are not putting limits!
-You think?
-I do! See? For example… How come you let me call you “stupid”?
-Your opinions are not mines… You can express yourself how you want… You can live as you wish, our friendship doesn’t depend on your tastes or on your vocabulary choices!
-You don’t feel offended?
-See, you wanted to offend me?
-It’s not true! Don’t twist your argument toward your logic.
-You have twisted it and very naively.
-Are you calling me stupid?
-No.
-Your playing with my words because you don’t accept being a woman capable of great sacrifices that are not acknowledged! This, at you age is called self loathing!
-You say it as everything was a synonym of stupidity!
-It is for me.
-Mm…
-Aren’t you going to say anything?
-I am thinking.
-What?
-I don’t understand why you get so mad. When it will be useful to you my stupidity, I will not have become less stupid… and you as well will be able to run me over!
-You are so sensible and intelligent as much as stupid and sacrificial!
-Well… I have always been very lucky.

Rome, when differences make bridges to review languages. 2016 – Maria A. Listur