“Non penso mai al futuro; arriva così presto!/“I never think about the future; it arrives so soon!”

Albert Einstein

-Avrei da darle un consiglio.
-Ascolto.
-Dovrebbe cambiare il finale.
-Come mai?
-Non funziona.
-In qual senso?
-Troppo femminista.
-Riesce a non pensare da uomo?
-Penso da correttore e da editore.
-Uomo.
-Certo.
-A me succede lo stesso, credo di non essere femminista ma l’inconscio mi fa apparire tale…
-Vuole o non vuole cambiare il finale?
-Da questo dipende l’edizione?
-Sì.
-E cosa mi suggerisce?
-Che la protagonista si salvi.
-Quello non è cambiare il finale, è trasformare il racconto!
-No… Lei pensa così perché conosce la storia, invece dovrebbe pensare alle persone che mentre lo leggono non sanno come va a finire…
-Conosco persone che leggono l’inizio e la fine prima di addentrarsi in tutta la storia!
-Non tutti leggono così!
-Altri leggono a pezzi, saltando da una parte ad un’altra…
-Cambierà il finale?
-Che cosa dovrei cambiare?
-Glielo già detto.
-Me lo spieghi.
-La protagonista si deve salvare.
-Sembra che lei non abbia letto il mio manoscritto…
-Guardi che è una frase.
-Non è una frase, si tratta di un’interpretazione.
-Se la protagonista muore, non c’è niente da interpretare!
-Sembra che per lei morire non sia una salvezza?
-Per lei lo è?
-Per la protagonista lo è.
-Pensi alle vendite.
-Non ho mai scelto quello che mi conviene, continuo a preferire quello che conviene a tutti, anche quando non si comprende.
-Perde.
-Questione d’interpretazione.

Milano, nella luce di un cielo brillantemente antracite. 2014 – Maria A. Listur

 

“I never think about the future; it arrives so soon!”

Albert Einstein

-I have a suggestion to make.
-I am listening.
-You should change the end.
-How come?
-It doesn’t work.
-In what sense
-Too feminist.
-Could you not think as a man?
-I am thinking as a proofreader and an editor.
-Man.
-Sure.
-It happens to me the same, I think I am not a feminist but the unconscious makes me appear so…
-Do you or do you not want to change your end?
-The edition depends on that?
-Yes.
-And what do you suggest?
-That the main character saves herself.
-That is not changing the end, that is transforming the story!
-No… You think like that because you know the story, you should think about the people that while are reading do not know how it goes, instead…
-I know people that read the beginning and the end before going deeper in the whole story!
-Not everyone reads like that!
-Some other read bits and pieces, jumping from a side to the other…
-Are you going to change the end?
-What should I change?
-I told you already.
-Explain it to me.
-The main character has to save herself.
-It seems that you haven’t read my manuscript…
-It is just a sentence, you see.
-It is not a sentence, it’s about an interpretation.
-If the main character dies, there is nothing to interpret!
-It seems that to you dying is not saving oneself?
-Is it for you?
-For the main character it is.
-Think about the sales.
-I have never chosen what it is convenient to me, I keep preferring what is convenient to all, even when it is not understood.
-You lose.
-A matter of interpretation.

Milan, in the light of a sky brilliantly anthracite. 2014 – Maria A. Listur