“I sì e i no sono eternità che durano momenti/“Yeses and noes are eternities that last moments”

Antonio Porchia

-Le hanno detto che per accettare il suo manoscritto deve fare un colloquio?
-No.
-Ci scusi per non averla avvertita.
-Non ci sono problemi. Quando lo devo fare?
-Se lo desidera, anche adesso…
-Va bene.
-Con chi lo devo fare?
-Con me.
-Sono pronta.
-Bene. Da quando scrive?
-Da sempre.
-Le sue risposte non devono essere metaforiche, mi deve dire l’età.
-Non me lo ricordo. Ho confuso il disegnare con lo scrivere… Scrivo… disegno, da quando ho memoria.
-Età.
-Tre anni.
-Ma a quell’età non scriveva… Disegnava.
-Lettere.
-Quali?
-Quelle dell’alfabeto.
-Costruiva parole o frasi?
-Per me erano case, alberi… Poi ho capito che erano lettere…
-Costruiva parole?
-Alcune…
-Frasi?
-“Te quiero” “mami” “papi”, in spagnolo. Io amavo tanto la lettera “Q”….
-Frasi di più di due parole?
-Frasi con tante “Q”.
-Significato?
-Per me era il suono che veniva dal giardino, col tempo ho capito che si trattava del suono della scopa metallica che utilizzava il giardiniere mentre spazzava le foglie secche. Sicuramente era autunno…
-Semantica.
-Percussiva.
-Delle frasi con la “Q”?
-Le ripeto, la mia era una semantica percussiva… o pittorica…
-Allora lei non scriveva, scarabocchiava.
-Anche adesso.
-Questa è la stima che nutre per il suo manoscritto?
-La può anche chiamare distopia.
-Preferisco disistima.
-Spostamento?
-Verso dove?
-Verso un dire che non appartiene, soltanto, al segno.
-Si riferisce al segno delle lettere?
-Mi riferisco anche alla “S” che fa la sua bocca mentre cerca di catalogarmi.
-Cerco di comprendere da dove parte il desiderio di essere pubblicata.
-Vecchia vocazione per gli esami.
-Vuole o non vuole essere pubblicata?
-Sì, voglio.
-Non le prometto niente ma la leggerò con curiosità.
-In corrispondenza con “Sì, voglio”?

Roma, seme eterno, infinitamente nocciuolo. 2013 – Maria A. Listur

 

“Yeses and noes are eternities that last moments”

Antonio Porchia

-Have they told you that you have to do an interview for us to accept your manuscript?
-No.
-Sorry for not telling you.
-There is no problem. When should I do it?
-If you wish, now is doable…
-All right.
-Who I have to do it with?
-Me.
-I am ready.
-Well. How long have you been writing?
-All along.
-Your answers don’t have to be metaphorical, you have to tell me the age.
-I don’t remember. I used to confuse drawing with writing… I write… draw, since I can remember.
-Age.
-Three years.
-But at that age you did not write… You drew.
-Letters.
-Which ones?
-Those of the alphabet.
-Did you made words or sentences?
-To me they were houses, threes… Then I understood they were letters…
-You made words?
-Some…
-Sentences?
-“Te quiero” “mami” “papi”, in Spanish. I loved a lot the letter “Q”….
-Sentences of more than two words?
-Sentences with many “Q”.
-Meaning?
-To me it was the sound that came from the garden, in time I understood that it was the sound of the metal rake that the gardener used while he swept the dried leaves. It surely was autumn…
-Semantic.
-Percussive.
-Sentences with “Q”?
-I repeat, mine was a percussive… or pictorial semantic…
-Therefore you did not write, you scribbled.
-Now as well.
-This is the consideration you have towards your manuscript?
-You could also call it dystopia.
-I prefer disesteem.
-Repositioning?
-Where to?
-To a way of saying that doesn’t belong, merely, to the sign.
-Are you referring to the sign of the letters?
-I am also referring to the “S” that your mouth does while trying to classify me.
-I am trying to understand where does the desire of being published comes from.
-An old vocation for exams.
-Do you or do you not want to be published?
-Yes, I do.
-I am not promising anything but I’ll read with curiosity.
-In correspondence with “Yes, I do”?

Rome, eternal seed, infinitely kernel. 2013 – Maria A. Listur