FIAMME di VITA

Amare le chiarezze supplementari 

dell’aiuto senza affetto

dell’affetto senza assistenza

fluttuazioni, arcobaleni, variazioni 

distinte e cangianti

di chi, senza urgenze

si accorda, per amare.

B/W libre art

Italia, senza peso il cuore.

2021 – Maria A. Listur

DEFEZIONE/DEFECTION

Di tutti i possibili abbandoni
fattibili al cuore che viene al mondo
– oltre a quelli della carne, a quelli del latte primigenio
oltre a quelli che farebbero morire il tuo avvento –
il più infausto e dilaniante, per alcuni anche il peggiore,
è che ti amino come credono di doverti amare.

794.jpeg

Philippe de Champaigne 1602-1674
Musée du Luxemburg, Villeneuve-les-Avignon

Parigi, quando i petali resistono all’autunno.
2018 – Maria A. Listur

 

DEFECTION

Of all the possible abandons
feasible to the heart that comes to the world
– beyond those of the flesh, those of the primigenial milk
beyond those that would make your coming die –
the most inauspicious and racking one, for some even the worst,
is that others love you the way they think they should.

Paris, when the petals resist to the autumn.
2018 – Maria A. Listur

PASQUE

Una punta dentro il cuore, incantata d’attraversare
non arriva da parte a parte, si dilata nello spessore
sono tutte le mancanze, i gesti ambigui, i disamori
che nell’essere guardati non cambiano luogo, umore
ma trasformano dei giorni il susseguirsi, le posizioni
l’uso e la prospettiva, il progetto e l’ignoranza
del verbo amare.

YO studio 624

Nido vuoto, Corona o Vittoria – 2016 Katsu Ohno

Parigi, delicatamente luminosa, sollevata dal rigore.
2016 – Maria A. Listur

 

Pasque

A spear inside the heart, enchanted and going through
it doesn’t go from side to side, it dilates in the thickness
those are all the shortcomings, the ambiguous gestures, the disaffections
that in being watch don’t change place, mood
but transform of the days the sequence, the positions
the use and the perspective, the project and the ignorance
of the verb to love.

Paris, gently luminous, lifted from the rigor.
2016 – Maria A. Listur

“… mantenere viva la memoria di quello che ci ha colpito è ringraziare e congedarsi, conservare in silenzio tutto quello che abbiamo amato.”/“… keeping alive the memory of what has struck us is to be thankful and take leave, to conserve in silence all that we have loved.”

Carlos Castaneda

-Che magnifica collezione!
-Sì. Prese durante i miei viaggi dai sette anni in poi, altre sono ossequi…
-Come le traslocherà?
-Le lascio quasi tutte. Le regalo.
-Posso prendere una?
-Anche due; scelga tra le piccole e le mediane. Le grandi no.
-Le grandi sono imponenti!
-Le piccole e le mediane hanno un altro fascino…
-Ma ora lei preferisce soltanto le grandi? -Mm…
-Finora ha aperto soltanto porte piccole o mediane?
-Dipende dalla prospettiva…
-Pensa che con le grandi aprirà grandi porte?
-Non lo so.
-Deve riconoscere però che le chiavi grandi sono simboliche.
-Sono un modo di “tener presente”.
-Le grandi porte?
-Le serrature.
-Che aprono grandi porte però!
-Le porte più grandi sono trasparenti ma ci si accanisce con la serratura…

danza

Mori Tokyo, Tower

Roma, mentre tutto intorno svanisce tra le mani di chi “conta”.
2015 – Maria A. Listur

 

“… keeping alive the memory of what has struck us is to be thankful and take leave, to conserve in silence all that we have loved.”

Carlos Castaneda

-What a magnificent collection!
-Yes. I took them during my journeys since when I was seven, others are presents…
-How will you transfer them?
-I will almost leave them all. I’ll give them away.
-Can I take one?
-Two if you want; choose among the small ones and the medium ones. Not the big ones.
-The big ones are massive!
-The small ones and the medium ones have another flair…
-But now you prefer just the big ones?
-Mm…
-Have you just open small and medium doors until now?
-It depends on the perspective…
-Do you think that with the big ones you will open big doors?
-I don’t know.
-You have to agree that the big keys are symbolic.
-They are a way to “bear in mind”.
-The big doors?
-The keyholes.
-That opens big doors though!
-The big doors are transparent but we get obsess with the keyhole…

Rome, while everything vanishes in the hands of who “counts”. 2015 – Maria A. Listur