“El tiempo circular de los estoicos…”/“The Circular Time of the Stoics…”

Jorge L. Borges

Al mio amico Alfonso Buonanno, elfo personale.

Dono regalo presente
omaggio offerta e altro…
Ho tanto altro:
tutto quello che della vita mi è corpo
quello che si sono portati gli assenti
le fragranze di chi rimane
anche quando partire è vocazione
infinite storie dentro la memoria
mia, degli altri, a bordo strada… Futura.
E poi, arriva ancora un altro
oltre le meraviglie già vissute
mani d’oro, occhi in tempesta
che nel dimenticare tutti i miei secoli
ogni pace e tutte le guerre, silenzioso
certo, costruisce per me, un’altalena.

862.jpg

Gabriele del Papa ph

Nel mondo, senza maschere.
2020 – Maria A. Listur

 

“The Circular Time of the Stoics…”
Jorge L. Borges

To my friend Alfonso Buonanno, personal elf.

Gift donation present
homage offer and more…
I have much more:
all that it is body of my life
all that the absents have taken
the fragrances of who stays
even when leaving is the vocation
endless stories inside the memory
mine, of the others, at the side of the road… Future.
And then, another one arrives
beyond the wonders already lived
golden hands, eyes of storm
who in forgetting all my centuries
each peace and all the wars, quietly
surely, builds for me, a swing.

In the world, without masks.
2020 – Maria A. Listur

Oltre e grazie al Muro/Beyond and Thanks to the Wall

– Paura?
– Di cosa?
– Del contagio…
– Mi conosci, sai cosa penso…
– E la paura del controllo?
– Era già in atto…
– E come gestisci la mancanza di contatto?
– Mi fa ridere che tutto avviene “avanti”…
– Avanti?
– Lo diceva Jean Paul Sartre nella voce di Erostrato:
“nessuno cura ciò che avviene alle sue spalle…”
Da dietro tutti si avvicinano, e non soltanto a me.

Lui ride con la sua risata argentina
e mi regala un bacio internautico,
io devolvo senza distanza.

Parigi-Montreal, quando l’amicizia sa di poter saltare ogni limitatezza.
2020 – Maria A. Listur

 

Beyond and Thanks to the Wall

– Scared?
– Of what?
– Of the infection…
– You know me, you know what I think…
– And the fear of control?
– It was already ongoing…
– And how do you manage the lack of contact?
– It makes me laugh that everything happens “in front”…
– In front?
–Jean Paul Sartre used to say it in the voice of Herostratus:
“nobody cares of what happen in the back…”
From behind everybody come closer, and not only to me.

He laughs with his Argentinean laugh
and blows me a net surfer kiss,
I devolve with no distance.

Parigi-Montreal, when friendship knows that it can skip every limitation.
2020 – Maria A. Listur

AMORE/LOVE

a M. S.

Appari.
Il tuo sguardo si apre tra quel popolo che abita i binari.
Raggiunge. Mi raggiunge da secoli.
E sei così piccola!
Sei la piccola tu, figlia.
Regalo di tua madre.
Quella che dietro di te cammina,
mia amica. Sì, appare.

720-Margue.jpg

Reggio Emilia, la fontana/the fountain

Reggio nell’Emilia, per incontrarsi.
2017, Maria A. Listur

 

LOVE

to M. S.

You emerge.
Your glance opens up among that population that inhabits the railways.
It reaches. It has been reaching me since centuries.
And you are so small!
You are the small one, daughter.
Gift from your mother.
The one that walks behind you,
friend of mine. Yes, she emerges.

Reggio in the Emilia, to encounter.
2017, Maria A. Listur

“In ogni amicizia c’è un segreto comune ignorato.”/“In every friendship there is a common secret ignored.”

Carlo Gragnani

-Mangiamo insieme?
-Sì, mi fa molto piacere.
-Avvertiamo?
-Pensi sia un problema?
-Non lo so…
-Cosa ti preoccupa?
-Niente…
-Secondo me sei preoccupato per qualcosa…
-Cosa prepari?
-Cosa vorresti?
-Quello che vuoi tu.
-Puoi scegliere, ho…
-Beh te lo dico!
-Dimmi.
-Dicono che tu mangi soltanto semi!
-E hai paura che ti dia da mangiare soltanto i miei semi?
-Mmm… Ma è vero?
-In parte sì.
-Come gli uccelli?
-Sì.
-E che senti?
-Lo stesso che senti tu quando mangi quello che ti piace.
-Io non so molto bene quello che mi piace.
-No?
-No.
-Proviamo con le noccioline?
-Sì ma poi… Mi fai provare tutti i tuoi semi?
-Certo! Ti faccio un cocktail!
-Di semi?
-Posso anche cucinare la pasta o un’insalata oppure altro…
-Veramente?
-Sì!
-Vedrai come rimane la mia mamma quando le dico che ho mangiato da te!
-Scusa ma non avevo capito che era meglio avvertire…
-No! Non dobbiamo avvertire, voglio proprio dirle che da te non si mangiano soltanto semini! Che non è vero che dormi appesa come i canarini! Che pure tu mangi!
-Mmmm…
-Tu non gli dici che abbiamo fatto acrobazie, vero?
-Se ti ha lasciato da me, sa che faccio acrobazie quindi, immaginerà che le stiamo facendo insieme…
-Non vorrebbe…
-E come lo sai?
-Perché mi ha detto che non dovevo arrampicarmi insieme a te perché tu sei come un canarino ed io no, io sono un essere umano!
-Non ti preoccupare… I canarini non parlano!

Ovunque, svegliarsi una bestia è sempre una grata sorpresa. 2013 – Maria A. Listur

 

“In every friendship there is a common secret ignored.”

Carlo Gragnani

-Shall we eat together?
-Yes, with pleasure.
-Shall we tell?
-You think it might be a problem?
-I don’t know…
-What worries you?
-Nothing…
-I think you are worried about something…
-What are you making?
-What would you like?
-Whatever you want.
-You can choose, I have…
-Well ok, I’ll tell you!
-Go ahead.
-Everyone says that you eat only seeds!
-And you are afraid that I am going to give you just my seeds?
-Mmm… Is it true?
-Partly.
-Like the birds?
-Yes.
-And how is it?
-It’s the same that you feel when you eat something you like.
-I am not very sure about what I like.
-No?
-No.
-Shall we try with peanuts?
-Yes but afterwards… can I try all your seeds?
-Sure! I am making a cocktail!
-Of seeds?
-I can cook pasta or a salad or something else…
-Really?
-Yes!
-Watch how my mom is going to react when I tell her that I ate with you!
-Sorry but I didn’t understand that it was better to tell…
-No! We don’t have to tell, I really want to tell her that you don’t eat just seeds at your house! That it’s not true that you sleep perched like the songbirds! That you eat as well.
-Mmmm…
-You are not going to tell her that we made acrobatics, right?
-If she let you stay with me, she knows I do acrobatics so, she is going to imagine that we are doing them together…
-She really doesn’t want me to…
-How do you know?
-Because she said that I should not climb around together with you because you are like a songbird and I am not, I am a human being!
-Don’t worry… Songbirds don’t talk!

Everywhere, waking up like a beast it is always a grateful experience. 2013 – Maria A. Listur