10 ANNI QUI/10 YEARS HERE

E se un giorno…
ciò che è scritto nel movimento
di questo spazio, non ancora foglio
ma visioni,
dovesse -come di Nazca il deserto-
mantenere vive le figure, le parole,
gli appuntamenti,
-più che racconti;
un senso si sarà svelato
alle vite storiche
oltre le congiunture,
deliziose e anche miserevoli
di questi reperti,
-più, molto di più che incontri.

Nazca-1.jpgNazca, Perú

Parigi, mentre festeggiamo 10 anni di scritti.
2020, grazie caro Gabriele del Papa, squisito traduttore.

 

10 YEARS HERE

And if one day…
what it is written in the movement
of this space, not yet paper
but visions,
should -like Nazca desert-
keep alive the personages, the words,
the appointments,
-more than stories;
a sense will be unveiled
to the historical lives
beyond the conjunctures,
delicious and also pitiful
of these finds,
-more, much more than encounters.

Paris, while we celebrate 10 years of writings.
2020, thank you dear Gabriele del Papa, exquisite translator.

PAZIENZA/PATIENCE

Ringrazia il solco del saper attendere l’acqua?
Compito semplice, assai devoto in natura.
Non è quella innata capacità che io affermo;
ma quella che dagli insondabili secoli
mi è data: attendere il fondersi in aria,
come attende il ramo spaccato
già sapiente di fiamma.

839.jpg

Nakagyo-ku, Kyoto-Shi, À la recherche de mon Butoh/In Search for My Butoh

Parigi, nel nostro anniversario.
2019 – Maria A. Listur

 

PATIENCE

Do the crack thanks for being able to wait for the water?
Easy task, very dedicated in nature.
It is not that innate ability that I affirm;
rather the one that from the immeasurable centuries
is given to me: to wait the merge in the air,
as the broken branch awaits
already knowing of the flame.

Paris, in our anniversary.
2019 – Maria A. Listur

Anniversario/Anniversary

Dietro la mente conservo un giardino
Da dove tu, seduto
Mi guardi:
Una tazza di tè tra le mani mai secche
Di gelsomino, scaldò
Quell’inverno.
E anche se assenti le successive stagioni
A quella tazza mi afferro
E ricordo.

tazza geisha

Rara tazza giapponese, Geisha 1912

Dove Oriente è casa.
2014 – Maria A. Listur

 

Anniversary

Behind the mind I treasure a garden
From where you, sitting
Are watching me:
A cup of tea between the never dry hands
Of Jasmine, warmed up
That winter.
And even if absent in the following seasons
To that cup I hold of myself
And remember.

Where Orient is home.
2014 – Maria A. Listur