“Parlare del proprio libro è una delle cose più sexy al mondo!”/“Talking about your own book is one of the sexiest thing in the world!”

(Richiesta di Anonimato)

-Lo crede veramente?
-Cosa?
-Che parlare del proprio libro sia sexy.
-Lo credo.
-Marilyn Monroe diceva: “Avere successo è la cosa che ci rende più sexy.”
-Io sono un uomo… Chissà cosa si potrebbe sentire con il seno che aveva la Signora Monroe…
-Lei ha altro.
-Lo dovrebbe chiedere a mia moglie.
-Mi riferivo alla letteratura.
-Lei quanti anni ha?
-Quasi cinquantuno.
-Troppo giovane per comprendere quello che ho voluto dire…
-Lei quanti ne ha?
-Settantotto.
-Sembra meno.
-Anche mia moglie sembra meno e ne ha ottantatré. Trentadue più di lei! Si rende conto?
-Di cosa?
-Che lei dice “quasi cinquantuno” con un’aria di maturità che non è vera… Guardi mia moglie. La vede? Quella donna elegantissima in piedi vicino ai cataloghi di fotografia. Quella è la maturità!
-Siamo due tipi diversi di maturità…
-Non mi faccia ridere!
-Mi può dire cosa intende?
-Non intendo niente! Io so! La maturità è quello stato dove le risorse conosciute sono crollate e rimane soltanto la luce.
-E secondo lei, esiste un tempo per quello stato?
-Il corpo deve andare oltre il concetto del bello che la società impone…
-Simile all’anonimato ma, interiore… Che ne pensa?
-Sì… Una specie di anonimato della carne.
-Vuol dire che la maturità sarebbe una conseguenza temporale?
-Una parte è conseguenza temporale di un cambiamento inimmaginabile, e un’altra parte è conseguenza del lavoro quotidiano nell’accoglienza.
-Accoglienza?
-Di ciò che non sapevamo saremo diventati.
-Perché ha usato la parola sexy?
-Perché nessuno l’associa alla maturità o all’anzianità.
-Infatti, lei l’ha associata alla letteratura…
-Da qualche parte si deve incominciare.
-Accoglieremo con grazia la vecchiaia?
-Non lo so. Io ho potuto farlo grazie a mia moglie. In termini più generali so che non avrò il tempo di vederlo nella società… E se succederà, e lei sarà ancora viva – soltanto in quel momento – sveli il mio nome.

Parigi, quando un grande scrittore mi fa dono di un sentiero anonimo. 2015 – Maria A. Listur

 

“Talking about your own book is one of the sexiest thing in the world!”

(Request of Anonymity)

-Do you really believe it?
-What?
-That talking about your own book is sexy.
-I do.
-Marilyn Monroe used to say: “Having success is the thing that makes us the sexiest.”
-I am a man… Who knows how could us feel with Mrs. Monroe’s breasts…
-You have something else.
-You should ask my wife.
-I was referring to literature.
-How old are you?
-Almost fifty-one.
-Too young to understand what I meant to say…
-How old are you sir?
-Seventy-eight.
-You seem less.
-My wife as well seems younger she is eighty-three. Thirty-two more than you! Can you believe it?
-What?
-That you said “almost fifty-one” with a tone of maturity that is not real… Look at my wife. You see her? That very elegant woman standing next to the catalogs of photography. That’s maturity!
-We are two different types of maturity…
-Don’t make me laugh!
-Can you tell me what do you mean?
-I meant nothing! I just know! Maturity is that state where the known resources just collapsed and there is only light left.
-And according to you, is there a time for that state?
-The body has to go beyond the concept of beauty that society imposes…
-Similar to the anonymity but, interior…Don’t you think?
-Yes… A sort of anonymity of the flesh.
-Do you mean to say that maturity is a temporal consequence?
-A part is temporal consequence of an unimaginable change, and another part is the consequence of the daily work of the acceptance.
-Acceptance?
-Of what we didn’t know we would become.
-Why did you use the word sexy?
-Because no one associates it with maturity and age.
-In fact you have associated it to literature…
-We have to start from somewhere.
-Will we accept with grace the old age?
-I don’t know. I was able to do it thanks to my wife. In more general terms I know that I won’t have time to see it in society… And if it will happen, and you will still be alive – only in that moment – you can reveal my name.

Paris, when a great writer donates me an anonymous path. 2015 – Maria A. Listur

“Nelle storie d’amore, ci sono soltanto le storie, mai l’amore.”/“In love stories, there are only the stories, never the love.”

Christian Bobin

La pelle di entrambi è trasparente, identica. La prospettiva posteriore permette di vedere chiaramente, il sole colpisce le loro vene, celesti e viola. Si sostengo a vicenda, si tengono dal punto vita; camminano come se ballassero, dopo ogni interruzione – data da qualche passante – ripartono con lo stesso piede, si guardano, sorridono, e continuano. Sembrano nati insieme, sembrano l’immagine che manca quando non si sa cosa dire della pratica dei sentimenti. Hanno poco tempo. Hanno vissuto quasi tutto il tempo. Ci si perde nella loro visione, fresca, delicata, leggermente piegata, sostenuta.
Mentre mi lascio prendere dal loro ritmo, una voce conosciuta mi parla all’altezza delle mie orecchie, e non è cosa facile raggiungere le mie orecchie, spesso piegate verso chi parla o canta, troppo in alto per non doversi chinare.

-Cosa guardi?
-La pelle di due anziani.
-Quali?
-Non ci sono più.
-Mi sei sembrata assorta.
-Vero.
-Anche commossa.
-Anche.
-Ti sono sempre piaciuti i vecchi o è cosa della maturità?
-Ho avuto un padre vecchio. Per me era l’essere più giovane della terra finché mi dissero che sembrava mio nonno.
-Che tristezza!
-No… Non mi sentii triste… Pensai immediatamente che il suo opposto, essere giovani, fosse cosa brutta… Proprio così! In spagnolo si dice “que cosa fea es ser joven!”
-Quanti anni avevi?
-Nove.
-E d’allora sei attratta dalla vecchiaia?
-Non sono attratta… So leggere la bellezza nella materia che cambia! Essere mio nonno o essere mio padre non cambiò la sua bellezza o la sua freschezza…
-Non hai paura della vecchiaia?
-La domanda implica che ti senti giovane…
-No… Voglio dire l’anzianità…
-Non so di cosa parli… Io provo il senso di anzianità da sempre…
-Mi riferisco al corpo, al corpo che cambia.
-Te lo dirò se mi sarà dato di arrivare.
-Speri di non arrivarci, vero?
-Spero di diventare fresca, anzi leggera.
-Non lo sei?
-È facile quando la carne non è ancora trasparente.

Parigi, sulle strade di un sole svelatore. 2015 – Maria A. Listur

 

“In love stories, there are only the stories, never the love.”

Christian Bobin

The skin of both is transparent, identical. The posterior perspective allows to clearly see, the sun hits their veins, sky blue and purple. They support each other, holding themselves from the waist line; They walk as they were dancing, after each interruption – made by some pedestrian – they begin again with the same foot, they look at each other, smile, and continue. They seemed being born together, they seem like the image that lacks when nothing can be said about the practice of feelings. They have little time left. They have lived almost all the time they had. You can feel lost by their vision, fresh, delicate, lightly crooked, sustained.
While I let myself being taken by their rhythm, a known voice talks to me from the height of my ears, and is not easy to reach my ears, often bent towards the person that is talking or singing, too high for not bending.

-What are you looking at?
-The skin of two elderlies.
-Which ones?
-They are gone.
-You seemed absorbed in something.
-True.
-And moved.
-As well.
-You have always liked the elderlies or is something concerning maturity?
-I had an old father. To me he was the youngest human being on earth until they told me that he looked like my grandfather.
-How sad!
-No… I didn’t feel sad… I immediately thought the opposite, being young, was a bad thing… Exactly! In Spanish we say “que cosa fea es ser joven!” (what a nasty thing to be old)
-How old were you?
-Nine.
-And since then you have been attracted by old age?
-No I am not attracted… I can read the beauty of the matter that changes! Being my grand father or my father didn’t change his beauty and his freshness…
-Aren’t you afraid of old age?
-The question implies that you feel young…
-No… I meant oldness…
-I don’t know what you are talking about… I feel the sense of oldness since ever…
-I am referring to the body, the body that changes.
-I will tell you if I will be allowed to get there.
-You hope you don’t get there, do you?
-I hope to become fresh, or I better say light.
-Aren’t you?
-It’s easy when the flesh is not transparent yet.

Paris, on the streets of an unveiling sun. 2015 – Maria A. Listur