MANI/HANDS

Se alla parola “mani”
si sveglia un senso,
il mio primo, è una presa;
di quelle membrane
quasi unghie
dentro la pelle
del vergine capezzolo.
Annunciava allora,
perenni arrivi e in quella stretta
marcò già il passo, la grinta
e su ogni vita, la mia
tutta sua, in appartenenza.
Nessun’altra mano,
neanche quelle che m’istruirono
a recitare versi, potranno mai essere
tanta delicatezza,
tante parole in un solo gesto,
la promessa immane di andare via,
restare accanto,
e nella carne viva
essere presente.

Nuremberg, 16 Maggio 2018, con un inchino.
Maria A. Listur

 

HANDS

If to the word “hands”
a sense awakes,
my first, is a grip;
of those membranes
almost nails
in the skin
of the virgin nipple.
It announced then,
perennial arrival and in that grasp
it already marked the step, the grit
and on each life, mine
all his, in belonging.
No other hand,
not even those that taught me
to recite verses, could ever be
so much tenderness,
so many words in one gesture,
the enormous promise of going away,
stay close,
and in the live flesh
be present.

Nuremberg, 16 May 2018, with a bow.
Maria A. Listur

“Nel momento di assenza di consapevolezza, si produce il condizionamento.”/“In the moment of absence of consciousness, the conditioning is produced.”

R. P. Kauschik

-Dammi la parola “chiave”.
-Per cosa?
-Se tu dovessi definire in una parola quello che interrompe o frena la gioia, quale parola sceglieresti?
-Perché lo chiedi proprio a me?
-Perché ti piacciono i significati, perché stai sempre lì a trovare il pelo all’uovo!
-Allora comprenderai che non mi è facile trovare soltanto una parola!
-Menti.
-Quale menti?
-Menti! Dal verbo “mentire”!
-Ah! Sì, mento.
-Dimmela.
-M’imbarazza…
-Come mai?
-Credo sia perché è estrema.
-Non mi sorprenderai.
-Comunque credo sia riferita a qualcosa che ho vissuto e che non sia applicabile totalmente a tutti…
-Ecco che la applichi! Tu la applichi!
-Sì… Vero…
-Quando?
-Quando cosa?
-Basta! Quando la applichi?
-Sai… Nel dire la parolina, risuona tutto, come fosse nuova… Come un concerto che, anche quando lo hai ascoltato cento volte, hai sempre qualcosa da scoprire o… da scoperchiare…
-Dimmi quando la applichi!
-Quando sento l’infelicità…
-Anche quando vedi la mia?
-Quando sei infelice, la tua tristezza, è parte della mia… Quindi, non sento, so.
-Non mi piaci quando fai la sostenuta!
-Sostenuta? Delicata vorrai dire…
-Chiamati come vuoi ma, dimmi la parolina!
-Appartenenza.
-No!
-L’hai chiesto tu.
-Mi hai colpito dall’alto ma, nel basso.
-Veramente?
-Mi hai buttato giù dalla culla!

Parigi, quando si prova a tradurre non soltanto parole.
2015 – Maria A. Listur

 

“In the moment of absence of consciousness, the conditioning is produced.”

R. P. Kaushik

-Give me the “key” word.
-For what?
-Should you have to define in a word what interrupts or stops joy, what word would you choose?
-And why do you ask me?
-Because you love the significances, because you are always so picky!
-Therefore you know that it isn’t easy for me to find just a word!
-Lie.
-Lay? what?
-Lie! from the verb “lying”!
-Ah! Yes, I will.
-Tell me.
-It’s embarrassing…
-How come?
-I think because it’s extreme.
-You won’t surprise me.
– Anyhow it is referred to something I have lived and that I don’t think it is totally pertinent to everyone…
-Here you go doing it! Come on!
-Yes… True…
-When?
-When what?
-Enough! When do you use it?
-You know… In saying the word, everything resounds, as if it was new… Like a concert that, even if you have listened to it hundreds of times, you always have something to discover or… uncover…
-Tell me when do you use it!
-When I feel unhappy…
-Even when you see mine as well?
-When you are unhappy, your sadness, is part of mine….
-I don’t like you when you act so aloof!
-Aloof? Delicate you mean…
-Call yourself as you wish, tell me word!
-Allegiance.
-No!
-You did ask.
-You have stricken me from above but in the guts.
-Really?
-You just threw me off the cradle!

Paris, when we try to translate not the words only.
2015 – Maria A. Listur