“Le conversazioni diverranno interessanti ai primi segni della fine del mondo.”/“Conversations will become more interesting at the first signs of the end of the world.”

Stanisław Jerzy Lec

-Ora mi darà la sua opinione su questo champagne?
-Non sono un’esperta…
-Non si preoccupi, usi il suo linguaggio… Mi dica.
-Preferirei adattarmi al suo. Cosa sembra a lei?
-Io direi… Con il mio linguaggio?
-Con il suo.
-Questo champagne è il tipo che fa venire un’erezione.
-(Gli occhi spalancati non fanno rumore)
-L’ho gelata!
-(Il mento che si piega verso il petto non emette suono)
-Immaginavo di farla ridere… Nessuna persona immagina che uno come me possa parlare in questo modo eh?
-(Il mento che si solleva dal petto vibra, quasi geme)
-Tacerà per sempre?
-Sto cercando di adattarmi al suo linguaggio, glielo chiesto io.
-Sa prendersi le sue responsabilità, molto interessante!
-Sì.
-Cosa le sembra questo champagne?
-Mi solleva dalla terra, infatti lei mi sta vedendo qui tuttavia io sono già partita, sono a casa, a Parigi. Sparita.
-Brutta parola per un’argentina.
-Grazie per usare la dolcezza di ricordarmi qualcosa che stranamente dimentico.
-Prego… Mi dispiace. Ho voluto fare il simpatico e il nervosismo mi ha tradito.
-(Il collo che gira verso destra nella ricerca di una forma di ossigeno che non sia aria lascia presagire una certa contrattura)
-Mi può scusare?
-Già scusato.
-L’ho disgustata?
-No. Sono amante della genuinità.
-Ora non comprerà mai più un mio disco!
-Si sbaglia, li voglio continuare a comprare e vorrei riascoltare tutto il suo lavoro più volte, e mi scusi per la parola, vorrei farlo in modo “scientifico”.
-Vuole ascoltare nel mio tocco quello che malamente ho espresso in parole?
-No, vorrei comprendere come mai non ho percepito “l’effetto champagne”.
-Linguista?
-Vecchia.

Certi concertisti, de-concertano e ri-concertano, concertando.
2016 – Maria A. Listur

 

“Conversations will become more interesting at the first signs of the end of the world.”

Stanisław Jerzy Lec

-Will you tell me now your opinion about this champagne?
-I am not an expert…
-Don’t worry, use your words… Go ahead.
-I’d rather adapt mine to yours. How is it for you?
-I’d say… With my words?
-With yours.
-This champagne is the type that makes you have an erection.
-(Eyes wide open do not make any sound)
-I have shocked you!
-(The chin that bends towards the chest doesn’t make any sound)
-I imagined that I would have made you laugh… No one can imagine that one like me could talk in this way uh?
-(The chin raises from the chest vibrates, almost moaning)
-Will you be silent for ever?
-I am trying to adapt to your words, I have asked you for it.
-You can take your own responsibilities, very interesting!
-Yes.
-What do you think about this champagne?
-It lifts me up from the ground, in fact you see me here however I have already left, I am at home, in Paris. Disappeared.
-Bad word for an Argentinean.
-Thank you for reminding me something that strangely I forget.
-You are welcome… I am sorry. I wanted to be nice but nervousness has betrayed me.
-(The neck that turns toward his left in search of a form of oxygen that is not air lets us bode a sort of contraction)
-Can you excuse me?
-I already have.
-Have I disgusted you?
-No. I love authenticity.
-Now you won’t ever buy my record!
-You are wrong, I want to keep on buying them and I would like to hear all your work many times, and excuse my word, I’d like to do it “scientifically”.
-Do you want hear in my touch what I have badly expressed in words?
-No, I’d like to understand how come I haven’t perceived your “champagne effect”.
-Linguist?
-Old.

Some concert artists, de-concert and re-concert, concerting.
2016 – Maria A. Listur

“Un’opera d’arte è un angolo della creazione visto attraverso un temperamento.”/“A work of art is an angle of creation seen through temperament.”

Emile Zola

-Mi dovete scusare… Non immaginavo faceste un pasto macrobiotico…
-Come mai chiede scusa?
-Ho portato champagne…
-Non ci sono problemi… È freddo?
-Sì.
-Meno male perché noi non abbiamo il congelatore…
-Ma, se lo mettete in frigo, è meglio.
-Lo faccia lei, è quella porticina nana lì accanto…
-Se non volete non lo beviamo…
-E se lei vuole altro cibo, glielo cucino.
-No no, per me va benissimo.
-Conosce il cibo macrobiotico?
-No.
-Si vede…
-Mi trova grasso?
-No, lo dico per l’esclusione dello champagne…
-La sua macrobiotica mi sembra un po’ strana…
-Certamente… Non la conosce.
-Ho un’idea però.
-E in quell’idea non rientra lo champagne?
-No, non rientra.
-Allora conosce una macrobiotica più severa di quella che insegnava il mio maestro.
-Non era severo?
-Diceva che la macrobiotica era come “portare occhiali magici”…
-Gli “occhiali magici” trasformano i veleni?
-No, li sanno trasformare.
-E la disciplina?
-Questione di privacy…
-Ingannevole…
-Rispettoso.
-Allora mi azzarderei a chiederle di cucinarmi un bel pesce!
-Mi dispiace ma né pesco né caccio… L’offerta di cucinare qualcosa per lei era in ordine con il suo champagne…
-Proposte?
-Noodles saltati con nituke di germogli di soia, zucchine e carote in crosta di mandorle.
-Era una provocazione… Mi va bene il vostro menù. Non vorrei l’abbia preso sul serio…
-Stia tranquillo e apra lo champagne… Sono abituata ai giudizi affrettati.
-Non è niente di personale.
-Il cibo è sempre qualcosa di personale ma quello che io mangio con il mondo, non è quello che mangiamo a casa…
-Segreto?
-No, troppo personale per essere desiderato.

Roma, nel tempo, ama ripetersi. 2014 – Maria A. Listur

 

“A work of art is an angle of creation seen through temperament.”

Emile Zola

-You have to excuse me… I didn’t think you were having a macrobiotic meal…
-Why do you excuse yourself?
-I brought champagne…
-There are no problems… Is it cold?
-Yes.
-Very good because we don’t have an icebox…
-But, if you put it in the fridge, it’s better.
-You do it, it’s that dwarfy little door right there.
-If you don’t want it we don’t have to drink it…
-And if you would like other food, I’ll cook it for you.
-No no, it’s fine for me.
-Do you know macrobiotic food?
-No.
-I can tell…
-You find me fat?
-No, I am saying it for the exclusion of the champagne…
-Your macrobiotic seems a little odd to me…
-Surely… You don’t know it.
-I have an idea though.
-And in that idea champagne isn’t included?
-No, it isn’t.
-Then you know a macrobiotic that is much more strict than the one that my master use to teach.
-Wasn’t he strict?
-He said that macrobiotic is like “wearing magic glasses”…
-Do the “magic glasses” transform poisons?
-No, but they do.
-And discipline?
-A matter of privacy…
-Tricky…
-Respectful.
-Then I would dare to ask you to cook me a nice fish!
-I am sorry I don’t fish or hunt… The offer to cook something for you was related to your champagne…
-Any recommendation?
-Sautéed noodles with nituke of soy sprouts, zucchinis and carrots in almond crust
-It was a provocation… Your menu is fine. I hope you didn’t take it seriously…
-Relax and open the champagne… I am used to speculative judgments.
-It’s nothing personal.
-Food is something personal but the one I eat with the world, it’s not the one I eat at home…
-Secret?
-No, too personal to be desired.

Rome, in time, loves to repeat itself. 2014 – Maria A. Listur