“Esiste un solo vero lusso, ed è quello dei rapporti umani.”/“There is only one real luxury, and it is the one regarding human relations.”

Antoine de Saint-Exupéry

-Vorrei farle un’intervista.
-Vuole sentirsi raccontare come si fa a diventare un ibrido?
-No… Mi sveglia la curiosità.
-Allora possiamo lasciarci qui.
-Avrei timore di essere un po’ diretto…
-Lo sia.
-E se lei si offende?
-Non mi posso offendere. Non credo ci sia niente di personale. Sbaglio?
-Sbaglia.
-Vizio da giornalista?
-Non sono un giornalista, sono uno storico dell’arte.
-Un “giornalista del passato”. Le piace se lo dico così?
-Le piace essere intervistata?
-Ovvio! Narciso brilla nelle mie pupille! Il mio ego si rigonfia di chantilly! Sono una sconosciuta!
-Sta recitando?
-No!
-Non mi è sembrata così espansiva.
-Quando?
-Quando ci hanno presentato.
-Stavamo tra tante persone.
-Mi ha trattato come se fossi un bambino.
-Io tratto tutto il mondo come se fossero dei bambini.
-Io non lo sono.
-Questo è quello che lei sente ma, io sento altro. Ovunque vedo bambini, come dice Christian Bobin…
-Cosa dice?
-Non ricordo l’inizio della frase: “… (…) non c’è traccia di un solo adulto. Di bambini imbronciati, sì, molti. Di bambini tristi che lavorano, guadagnano denaro, spendono il loro tempo, la loro forza. Ma di adulti, niente, nessuna traccia.”
-Un problema non da poco… Non crede?
-Perché?
-Perché non è reale!
-Ah! Che bella parola!
-Reale?
-No. Il “perché”. Lei sta argomentando…
-Lo fa anche lei definendoci “bambini”.
-Ma il mio sentire non è un’argomentazione, non ha un “perché” un “per cui” un “in modo che”…
-Non sa dire perché succede?
-Se vuole forzare un “perché”, è perché io sono infantile, nel senso che, so giocare.

Roma, quando le labbra sanno di cioccolata, altrui. 2014 – Maria A. Listur

 

“There is only one real luxury, and it is the one regarding human relations.”

Antoine de Saint-Exupéry

-I would like to interview you.
-Do you want me to tell you how can one become a hybrid?
-No… You just wake my curiosity.
-Then we can end it here.
-I would be afraid of being a bit straightforward…
-Be so.
-And if you get offended?
-I won’t get offended. I don’t think there be anything personal. Am I wrong?
-You are.
-Reporter’s habit?
-I am not a reporter, I am an art historian.
-A “reporter of the past”. Do you like if say it like that?
-Do you like being interviewed?
-Of course! Narcissus sparks from my pupils! My ego plumps with Chantilly! I am a no one!
-Are you acting?
-No!
-You didn’t seem so expansive.
-When?
-When they introduced us.
-We were among many people.
-You treated me as I was a child.
-I treat everyone as they were children.
-I am not.
-This is what you feel but, I feel something else. Everywhere I see children, as Christian Bobin says…
-What does he say?
-I don’t remember the beginning of the sentence: “… (…) there is no trace of a single adult. Of crossed children, yes, many. Of sad children who work, earn money, spend their time, their strength. But of adults, nothing, no trace.”
-Not a small problem… Don’t you believe?
-Why?
-Because it is not real!
-Ah! What a nice word!
-Real?
-No. The “reason”. You are arguing…
-You do the same defining us as “children”.
-But my feeling is not an argument, it doesn’t have a “reason” a “therefore” a “in a way that”…
-You can’t say why it happens?
-If you want to force a “reason”, it is because I am childish, in the sense that, I know how to play.

Rome, when lips taste like chocolate, someone else’s. 2014 – Maria A. Listur