“Nell’erotismo c’è questa gerarchia: chi fa; chi osserva; chi sa.”/“In Eroticism there is this hierarchy: who does; who watches; who knows.”

Karl Kraus

-Ti dispiace se uso il vivavoce?
-Se sei occupata ti chiamo più tardi.
-Posso parlare e continuare con quello che sto facendo.
-Che cosa fai?
-Mi do la crema.
-Non sembri tu?
-Perché? Adoro le creme.
-Dici di non fare due cose simultaneamente…
-Hai ragione.
-Ti chiamo più tardi?
-Più tardi sarò occupata.
-Come occupata? Sono le undici di sera…
-Appunto.
-Non sarai sola?
-Per te occupata significa accompagnata?
-Intuizione.
-Mmm…
-Ad essere sincera…
-Non esserlo!
-Ti prego lasciami dire…
-Dimmi.
-Vorrei immaginarti con qualcuno.
-Come mai?
-Non amo la solitudine.
-La tua.
-Neanche la tua.
-E perché?
-Perché non è naturale.
-Conosco tanta gente che per essere naturale, dorme con degli sconosciuti.
-Beh! Io non parlo di una storia tipo sbornia!
-Io parlo di gente che da decadi vive ubriaca di compagnia!
-Esiste però qualcosa di piacevole e naturale…
-Il tuo paradigma di piacevole e naturale deve essere anche il mio?
-Ancora ti stai dando la crema?
-Ora sono passata agli oli lubrificanti.
-Oli lubrificanti? Cosa ti devi lubrificare?
-Gli occhi e le orecchie.
-E perché?
-Per vederti e ascoltarti meglio mia cara Cappuccettina! Rispondi… I tuoi paradigmi sono validi anche per me?
-Ora capisco di no… Tu già dormi, naturalmente, con il tuo più grande amore… (Suona il citofono) Chi ti suona a quest’ora?
-Il produttore d’olio. Buonanotte…
-Digli che tu già dormi con te stessa! Buonanotte!

Orvieto, scoppiano sorprese nei calici sempre pieni. 2014 – Maria A. Listur

 

“In Eroticism there is this hierarchy:
who does; who watches; who knows.”

Karl Kraus

-Do you mind if I use the speakerphone?
-If you are busy I can call you later.
-I can talk and keep doing what I am doing.
-What are you doing?
-I am putting on some cream.
-It doesn’t sound like you?
-Why? I love creams.
-You say you don’t do two things simultaneously…
-You are right.
-Shall I call you later?
-Later I will be busy.
-What do you mean busy? It’s eleven o’clock at night…
-Exactly.
-You won’t be alone?
-To you being busy means to be with someone?
-Intuition.
-Mmm…
-To be honest…
-Don’t be!
-Please let me say it…
-Go on.
-I’d like to imagine you with someone.
-How come?
-I don’t like loneliness.
-Yours.
-Neither yours.
-And why?
-Because it’s not natural.
-I know many that to be natural, sleep with strangers.
-Well! I am not talking about a story like when one is drunk!
-I am talking about people that since decades lives drunk by company!
-There is though something enjoyable and natural…
-Your paradigm of enjoyable and natural has to be mine as well?
-Are you still putting on some cream?
-Now I switch to the lubricant oils.
-Lubricant oils? What do you have to lubricate?
-The eyes and the ears.
-And why?
-To see you and listen to you better my sweet Red Riding Hood! Tell me… Are you paradigms also for me as well?
-Now I understand that no… You already sleep, naturally, with your biggest love…
(The door phone buzzes) Who is it at this time?
-The oil maker. Goodnight…
-Tell him that you already sleep with yourself! Goodnight!

Orvieto, surprises burst in the ever full chalices. 2014 – Maria A. Listur