DEVOZIONE/DEVOTION

Estese verso un sole irraggiungibile
-sospese nel cemento-
non si arrendono.
Baciano raggi a mo’ di lingue
specchiate alle finestre.
Vincono il falso destino
dell’ombra senza frescura.
Della natura è ancora sopportabile
la diligenza, la devozione;
perché si può leggere,
perché rileggere può essere vocazione
e risollevarsi dal catrame
come la pianta, diventa un riflesso.

866.jpg

Parigi, prima della tempesta.
2020 – Maria A. Listur

 

DEVOTION

Extended towards an unreachable sun
-suspended in the cement-
they do not give up.
The kiss the rays like tongues
reflected in the windows.
They overcome the fake destiny
of the shadow with no coolness.
Of nature it is still bearable
the diligence, the devotion;
because it can be read,
because rereading could be vocation
and raise back from the tar
like the plant, it becomes a reflex.

Paris, before the storm.
2020 – Maria A. Listur

DIREZIONE/DIRECTION

A colei che dal cuore, le mie mappe disegna
prego – ogni giorno –  di non farsi distrarre
dai labirinti, quelli dipinti sull’acqua;
chiedo anche di mantenermi ben dritta,
sciolta, morbida, pura e devota
verso quella zona ignorata, tuttora
che ad ogni passo si svela –assente di gloria.

647-DC-ML

Parigi IX – Daniela Ciotola ph

Parigi, da ogni goccia di pioggia, illuminata.

 

DIRECTION

To the woman that from the heart, draws my maps
I pray – every day – not to be distracted
by the labyrinths, those drawn on water;
I also ask to keep me straight,
loosen up, soft, pure and devoted
towards that ignored zone, even now
that at each step it unveils – absent of glory

Paris, by every drop of rain, illuminated.