“La seduzione è qualcosa che sottrae al discorso il suo senso e lo svia dalla sua verità.”/“Seduction is something that steals from the conversation its sense and it diverts it from its own truth.”

Jean Baudrillard

-Quanto tempo ci sta mettendo!
-Il tempo che ci vuole…
-Non ci vuole una grafomane per finire questo testo!
-No.
-Quindi?
-Ci vuole vita.
-Non mi sembra che lei stia morendo!
-Volevo dire esperienze.
-Quindi lei scrive secondo quello che vive? Alfieri si starà rivoltando nella tomba!
-O sulla sedia.
-Certo! Sulla sedia!
-Io mi rivolto mentre cammino.
-Si sta comparando ad Alfieri?
-E lei che mi sta comparando!
-Io ho comparato il modo di affrontare il proprio lavoro!
-E secondo lei, la scrittura è un lavoro che appartiene a chi scrive?
-Ecco la scappatoia mistica! Arrivato il momento di andare a prendere un bel bicchiere di vino! Le offro un brindisi di vita! E poi, lo scrive!
-Fatto.
-Scherzavo.
-Anche io.

Siena, 2010 – In un tempo che anticipò il tempo.
2017 – Maria A. Listur

 

“Seduction is something that steals from the conversation its sense and it diverts it from its own truth.”

Jean Baudrillard 

-It’s taking too long!
-The time that is necessary…
-It’s not needed a graphomaniac to finish this text!
-No.
-So?
-It takes life.
-It doesn’t seem to me that you are dying!
-I meant experiences.
-So you write according to what you live? Alfieri will be rolling over in his grave!
-Or on his chair.
-Of course! On his chair!
-I am rolling over while walking.
-Are you comparing yourself to Alfieri?
-You are the one comparing me!
-I am comparing the way to deal with our own job!
-And according to you, writing is a job that belongs to who writes?
-There you go with your mystic loophole! It’s time to go get a nice glass of wine! I’ll treat you the toast of life! And you are going to write about it!
-Done.
-I was kidding.
-So was I.

Siena, 2010 – In a time that anticipated time.
2017 – Maria A. Listur

FRAMMENTI, SENZA DISCORSO/FRAGMENTS, WITHOUT CONVERSATION

E si crede di sentire il proprio sentire
Mesti figli dell’insegnamento all’oblio
Ignoranti di una lingua per dire “amore”
Che come trottole cerchiamo dove posare
Mani, umori, nostalgie, baci, e altre
Manovre afflitte dell’infante afflitto
Che nessun discorso, amoroso o vero
Potrà sanare senza radere al suolo
L’imposizione al dover fare i perfetti.

Amore-e-Psique-Marmottan

Amore e Psiche – Museo Marmottan, Parigi

Parigi, in danzato ascolto.
2015 – Maria A. Listur

 

FRAGMENTS, WITHOUT CONVERSATION

And we think that we are feeling what we are
Sad sons of the teaching to the oblivion
Ignorant of a language to say “love”
That like tops we look for where to lay
Hands, humors, nostalgias, kisses, and others
Maneuvers afflicted of the afflicted infant
That no speech, amorous or real
Will be able to cure without tearing down
the imposition of having to be perfect.

Paris, in dancing listening.
2015 – Maria A. Listur