DISPERAZIONE/DESPAIR

Mi dispero – soltanto – quando mi accorgo
di non tenere tutto il tempo a mente, te.
Te e tu che fosti la risata inaspettata, il sole.
Sole e solitudine accanto a me, a “quella” me.
Me, quella che so nessuno vede, e so adesso,
neanche te. Mi dispero – soltanto – per il se.
Mi dispero – soltanto – quando mi accorgo
di aver trattenuto qualcosa di più del pianto.
Pianto e grida che sembravano risate, silenzio.
Silenzio e gratitudine dentro di me, fuori anche.
Fuori e dentro, feto consapevole del bisogno!
Del dover di crescere, senza slabbrare l’acqua.

653-Senti-Mento-I-VII
Senti-Mento I/VII – 2016 – Paris, Maria A. Listur

Parigi, nel silenzio di tutto quello che suona.
2016 – Maria A. Listur

 

DESPAIR

I despair – only – when I realize
that I don’t keep all the time in mind, you.
You and you who were the unexpected laugh, the sun.
Sun and solitude next to me, to “that” me.
Me, the one that no one sees, and I know now,
not even you. I despair – only – for the self.
I despair – only – when I realize
that I have held back something more than tears.
Tears and screams that seemed laughs, silence.
Silence and gratitude inside me, outside as well.
In and outside, fetus conscious of the need!
Of having to grow, without rippling the water.

Paris, in silence of all that sounds.
2016 – Maria A. Listur