CLOWN

Lasciar essere le fragilità 

che sembrano ossa

e pur il buio tutto intorno

tremolante. Condotti dalla luce

che respira inesorabile

durante questo itinerario che c’è 

e che finisce; ora o più tardi

e da qualche parte, ieri.

Clown perfetto o perfettibile

colui che sembra separarci

colui venuto anche ad educare

nuove forme d’abbracciare.

Ivan Solyaev ART

Parigi, sensualmente fredda.

2021 – Maria A. Listur

CLOWN

Letting be the frailty
that seems like bones
and the all-around darkness
trembling as well. Driven by the light
that it breathes relentlessly
along this itinerary that it is
and that ends; now or later
and somewhere, yesterday.
Perfect or perfectible clown
he who seems to separate us
he who came to teach us
new forms of embracing.

Paris, sensually cold.
2021 – Maria A. Listur