QUEL CHE SERVE

Tempo, per attendere 

la frase amica o contrariata

senza finirla nemmeno in testa.

Tempo, non più per piangere 

ma per seguire d’ogni lacrima 

la traiettoria o il deserto, nel suo intorno.

Tempo, per afferrare 

delle tristezze il radicamento non temporale 

ma sempre scritto, nella memoria.

Tempo, per rileggere ogni spasmo dell’emergenza 

nella sapienza di ogni respiro

se siamo in vita.

Jay Mark Johnson ph – L’écoulement du temps

Parigi, 08 2021

Maria A. Listur

“Un funerale fra gli uomini è forse una festa fra gli angeli.”/“A funeral among men it maybe a celebration among the angels.”

Gilbert Keith Chesterton

-Hollywood Hollywood?
-Hollywood, Los Angeles…
-Stai dicendo Hollywood delle Stelle per terra?
-Sì.
-Beh! Non ho capito niente!
-Ti ho inviato le note della presentazione…
-Non ho capito proprio niente!
-E dove hai creduto fosse Hollywood?
-Non lo so! Certo che non ho immaginato Hollywood quello vero!
-Hai immaginato un nuovo teatro?
-Non lo so! Comunque che gioia! Che bello! Complimenti a te e alla regista! Complimenti a tutti!
-Grazie… Ho creduto non saresti riuscita a festeggiarci…!
-No… E che… Non lo so… E chi deve andare alla presentazione?
-Come chi deve andare? Vogliamo andare!
-Scusa scusa… Non so trasmetterti l’allegria che provo… Ma… Se potessi, verrei con voi!
-E vieni! Chi te lo impedisce?
-Beh… Dovrei chiedere un permesso al lavoro…
-Non hai vacanze sospese?
-Sì ma, le conservo in caso di emergenza!
-Ah… Ma, per i funerali non hai dei permessi speciali?
-Sì… Ma solo un giorno…
-Quindi se avessi un funerale, vorresti sfruttare le tue vacanze dopo l’evento…
-Come puoi chiamare evento un funerale?
-Sai come la penso sulla morte, può anche essere un evento!
-Per me non lo è!
-Perché? Ancora pensi di non star morendo, adesso?
-Penso di star vivendo!
-Va bene… Accetto la tua generosità posdatata!
-Svelami l’arcano!
-Se fossi morta verresti al mio funerale anche fosse a Beverly Hills! Ti ringrazio!

Roma, quando il festeggiare mostra la sua arte. 2015 – Maria A. Listur

 

“A funeral among men it maybe a celebration among the angels.”

Gilbert Keith Chesterton

-Hollywood Hollywood?
-Hollywood, Los Angeles…
-You are saying Hollywood of the Stars on the pavement?
-Yes.
-Well! I didn’t understand a thing!
-I sent you the notes of the presentation…
-I didn’t understand a thing!
-And where did you think it was Hollywood?
-I don’t know! Sure thing I didn’t imagine the real Hollywood!
-Have you imagined a new theatre?
-I don’t know! Anyhow what a joy! How wonderful! Compliments to you and to the director! Compliments to everybody!
-Thanks… I thought that you weren’t capable to celebrate us…!
-No… Is that…I don’t know… And who has to go to the presentation?
-What who has to go to? We want to go!
-Sorry sorry…I can’t tell you the happiness that I feel…But… If I could I would come with you!
-Come then! Who is stopping you?
-Well… I should ask permission on the job…
-Haven’t you got some vacations to take?
-Yes but I am saving them in case of emergencies!
-Ah… But, don’t you have special permissions for funerals?
-Yes… But just for a day…
-Therefore if you would have a funeral, you would want to use your vacations after the event…
-How could you call an event a funeral?
-You know what I think about death, it could be an event!
-It isn’t for me!
-Why? You still think you are not dying?
-I think I am living!
-All right… I accept your postdated generosity!
-Explain to me the enigma!
-If I were dead you would come to my funeral even if it were in Beverly Hills! I thank you!

Rome, when celebrating shows its own art. 2015 – Maria A. Listur