“L’unica confessione sincera è quella che facciamo indirettamente, parlando degli altri.”/“The only sincere confession is the one we make indirectly, when we talk about others.”

Emil Cioran

-Sono un uomo schietto… Non la voglio illudere, scelgo il rischio di sembrare rude.
-Non si preoccupi, anch’io sono un uomo schietto.
-Lei si sente un uomo?
-Lei ha detto “sono un uomo” e anch’io mi sento un uomo se lei non utilizza la parola “persona” o “essere umano”.
-Ha problemi di genere?
-No.
-A me sembra di sì.
-Grazie per la schiettezza ma si sbaglia. Ora, da uomo a uomo, di cosa non mi vuole illudere?
-Presento il suo lavoro senza promesse.
-Grazie per il chiarimento, non ho mai speranze, lei mi ha detto che poteva presentarlo ed io glielo portato… Vediamo cosa succederà.
-Ecco… Non vorrei lei credesse sia la sua opera a essere rifiutata.
-E cosa dovrei credere?
-Si tratta dell’età. Ora si prediligono le artiste giovani.
-Artiste? E gli artisti?
-Volevo dire artisti giovani, in generale.
-Mmm…
-E come sempre, i morti.
-Mmm…
-Gli sconosciuti non devono essere… come dire…
-Vecchi.
-No! Volevo dire… Maturi.
-Ed io che mi sento tanto immatura!
-Capisco che non è gradevole da dire ma, io preferisco. Niente da togliere alla qualità del suo lavoro… Del resto, dai quarantacinque anni in poi si finisce ogni cosa…
-Quale resto?
-Volevo dire d’altronde. Guardi che io ho quasi quarantacinque! Però non faccio l’artista.
-Ed è un uomo.
-Anche il direttore della galleria lo è.
-Io sono confusa… Cosa finisce a quarantacinque anni? A chi?
-Finisce il tempo per raggiungere il successo, la fine della giovinezza, lo sprint!
-Ah… Che bello essere così diversi!
-In quale senso?
-Quello che lei chiama la fine è stata per me una risurrezione e dai quarantacinque sono già passati quasi sette! Per quanto riguarda la giovinezza, non so cosa sia mai stata, per questo sono rimasta immatura e…
-Invece il suo lavoro, a vasi comunicanti, da una disciplina all’altra mostra una maturità secolare. Questo colpisce.
-Grazie… Tutto merito di una specie di turgore che ha il mio sprint.

Svizzera, mentre il vento pulisce il suono della troppa semplicità.
2016 – Maria A. Listur

 
“The only sincere confession is the one we make indirectly, when we talk about others.”

Emil Cioran

-I am a straightforward man… I don’t want to fool you; I choose the risk of appearing rude.
-Don’t worry, I am as well a straight man.
-Do you think you are man?
-You have said “I am a man” and I also feel as I was a man if you don’t use the word “person” or “human being”
-Do you have gender problems?
-No.
-To me it seems like you do.
-Thanks for the straightforwardness but you are wrong. Now, man to man, what don’t you want me to fool me for?
-I present your work with no promises.
-Thanks for clearing that up, I never have hopes, you have told me that you could present it and I have brought it to you… Let’s see what happens.
-Right… I wouldn’t want you to think that your work was being refused.
-And what should I think?
-It’s an age problem. Now young women artists are being privileged.
-Women artists? And men artists?
-I meant young artists, in general.
-Mmm…
-And as always, the dead ones.
-Mmm…
-The unknown ones can not be… how to say it …
-Old.
-No! I meant to say… Mature.
-And I feel so immature!
-I understand that is not so nice to say but, I prefer. Nothing to say about the quality of your work… After all, from forty-five years on everything finishes…
-What after all?
-I didn’t mean that. Look I am almost forty-five! But I am not an artist.
-And you are a man.
-And so is the director of the gallery.
-I am confused… what does end at forty-five? To whom?
-The time to reach success finishes, the end of youth, the energy!
-Ah… So nice to be so different!
-In what sense?
-What you call the end it has been for me a resurrection and since forty-five almost seven years have already passed! And for the youth, I never know what it was, for that I have remained immature and…
-But you work, in communicating vessels, from a discipline to the other shows a secular maturity. That strikes.
-Thank you… It’s all because of some sort of turgidity that my energy has.

Swiss, while the wind sweeps the sound of too much simplicity.
2016 – Maria A. Listur

“Le rughe di una nazione sono altrettanto visibili di quelle di una persona.”/“The wrinkles of a nation are as well visible as those of a person.”

Emil Cioran

-Concluso?
-Esclusa.
-Non può essere! Ti ammira.
-Ecco il problema… Direbbe Hillman e non soltanto…
-Io credo tu abbia peccato di umiltà!
-No… Ho parlato di tutto il necessario!
-Hai citato la critica aristotelica di Platone?
-Sì.
-La logica della triade hegeliana?
-Sì.
-Non avrai dimenticato la critica marxiana di Hegel…
-Nooooooo…
-Ti sei ricordata di Alenka Zupančič?
-Certo!
-E del “soggetto decentrato” di Lacan?
-Ovvio!
-Kierkegaard?
-Per favore! Impossibile non citarlo!
-Che cosa hai scelto?
-“Concetto dell’angoscia”… Non ti sembra volontariamente ironico?
-Non avrai dimenticato Melanie Klein?
-Assolutamente no!
-Non ci posso credere! Io immagino che Delauze, Guattari, Derrida, Foucault, Bergson li avrai citati! L’hai fatto vero?
-Sì… Ma perché sei tanto sospettoso!
-Non riesco a comprendere!
-Non ce ne bisogno… Va bene così.
-Non va bene un fallico oggetto!
-Ahahahah!
-Ti posso fare una domanda molto intima?
-Mi hai interrogato come fossimo a un esame… Mi puoi anche fare un Pap-Test, per rifarsi a Lacan!
-Le hai detto qualcosa sull’età?
-In quale senso?
-Quelle cose che vai dicendo sulla vecchiaia…
-Maturità, vorresti dire…
-Per lei è vecchiaia!
-Mi sembrava di poter dire che il 28 Ottobre compio cinquant’anni!
-L’hai associata a te.
-Siamo due donne cinquantenni! È un dato di fatto!
-Accetta che alcune persone non vogliano ricordarlo!

Roma, secolare, anziana e solare. 2014 – Maria A. Listur

 

“The wrinkles of a nation are as well visible as those of a person.”

Emil Cioran

-Ended?
-Excluded.
-It can be! She admires you.
-That’s the problem… Hillman would say and not only that…
-I think you were overly modest!
-No… I spoke about all that was necessary!
-Have you quote Plato’s Aristotelian critic?
-Yes.
-Hegel’s logic of the triad?
-Yes.
-You didn’t forget Hegel’s Marxism critic…
-Nooooooo…
-Did you remember of Alenka Zupančič?
-Of course!
-And about the “decentralized subject” by Lacan?
-Clearly!
-Kierkegaard?
-Please! Impossible not to mention him!
-What have you chosen?
-“Concept of anguish”… Don’t you think it was especially ironic?
-You didn’t forget Melanie Klein, did you?
-Absolutely not!
-I can’t believe it! I imagine that you must have cited Delauze, Guattari, Derrida, Foucault, Bergson! You did, right?
-Yes… But why are you so suspicious!
-I don’t understand!
-There is no need to… It’s all right like that.
-It’s not freaking all right!
-Ahahahah!
-Can I ask you a very intimate question?
-You have asked me as we were in an examination… You could do me a Pap-Test, to quote Lacan!
-Have you told her something about the age?
-In what sense?
-Those things that you say about old age…
-Maturity, you mean…
-To her it’s always old age!
-I thought I could say that October 28th I will be fifty!
-You have associated her to you.
-We both are two fifty years old women! It’s a fact!
-Accept the fact that some people do not want to remember it!

Rome, secular, elderly and solar. 2014 – Maria A. Listur