“Tutto ciò che è bello appartiene alla stessa epoca.”/“Everything that is beautiful belongs to the same time.”

Oscar Wilde

-Quando lei era giovane, non si avevano le facilità che abbiamo ora!
-Quanti anni ha?
-Non sia così formale! Mi può dare del tu!
-Quanti anni hai?
-Diciotto.
-Credo che le facilità cambino secondo i ranghi, l’educazione, i propri limiti, non credo sia soltanto una questione di età…
-Mi vuol dire che il rinascimento era meglio?
-Scusa?
-Questo tempo è il migliore che sia mai esistito!
-Sicuramente questo istante è il migliore, ora.
-No no no! Io non volevo sembrare un guru! Io parlo di tecnologia e di…
-Guru?
-Lei sembra un po’ evanescente! Comunque volevo dire tecnologia e sesso!
-Ah!
-S’imbarazza? Uhhh! S’imbarazza!
-Mi vedi imbarazzata?
-Io la sento imbarazzata.
-Non sono imbarazzata. Ho detto “Ah!” perché mi piace l’argomento ma non potrò mai osservarlo con gli occhi di una persona giovane. Ti ascolto.
-Ho finito.
-Credevo stessi enunciando qualcosa, un’ipotesi…
-Io non enuncio! Io vivo…
-Ah!
-Mi sta giudicando.
-Giudicando? Quando?
-Ora… Vedo il suo sguardo che dice “Facile vivere quando si hanno soltanto diciotto anni!”
-Io avrei pensato questo, ora?
-Sì! E non soltanto!
-Ti sbagli…
-Non mi sbaglio… Mia madre dice sempre che lei è una donna molto veloce!
-Per cucinare e pulire…
-Ora mi vuole sedurre con la sua finta umiltà?
-Pensi che io sia una finta umile?
-Sì.
-Ti sbagli.
-È sincera?
-Non sono umile.
-Questo mi piace! Così si vive! Le faccio vedere sul mio Ipad un discorso di Mandela dove parla delle eccellenze!
-L’ho visto, e ho anche una bella trascrizione. Se vuoi, te la faccio avere tramite la tua mamma…
-Va bene! Ci conto ma, non le dica a mia madre che abbiamo parlato di sesso.
-Sesso?
-Ora non faccia l’ingenua!
-Sai che hai ragione?
-Vero?
-Vero. Quando io ero giovane, eravamo “didascalici”…

Parigi, quando attendere gli amici diventa un brevissimo master sulla propria ignoranza. 2015 – Maria A. Listur

 

“Everything that is beautiful belongs to the same time.”

Oscar Wilde

-When you were young, we didn’t have the facilities that we have now!
-How old are you Madam?
-Don’t be so formal! You can be more familiar!
-How old are you?
-Eighteen.
-I think that the facilities change according to the status, the education, our own limits, I don’t think it’s just a question of age…
-Do you mean to tell me that the renaissance was better?
-Excuse me?
-This is the best time ever existed!
-Certainly this moment is the best, now.
-No no no! I didn’t mean to sound like a guru! I am talking about technology…
-Guru?
-You seem more evanescent! Anyhow I meant to say technology and sex!
-Ah!
-Are you embarrassed? Uhhh! You are indeed!
-Do you see me embarrassed?
-I feel you are embarrassed.
-I am not embarrassed. I said “Ah!” because I like the topic but I could never observe it with the eyes of a young person. I am listening.
-I am finished.
-I thought you were about to enunciate something, a hypothesis…
-I don’t enunciate! I live…
-Ah!
-You are judging me.
-Judging? When?
-Just now…I can see your eyes saying “Easy to live when you are just eighteen years old!”
-Was I thinking this, now?
-Yes! And not only that!
-You are wrong…
-I am not wrong… My mother says you are a very fast woman!
-To cook and clean…
-Now you want to seduce me with your fake humbleness?
-You think I am a fake humble person?
-Yes.
-You are wrong.
-You are sincere?
-I am not humble.
-I like that! This is living! I’ll show you on my iPad a speech by Mandela, where he talks about excellences!
-I have seen it, and I have also a nice transcription. If you want, I can give it to you through your mother…
-All right! I am counting on it but, don’t tell my mother that we have talked about sex.
-Sex?
-Now don’t be silly!
-You know that you are right?
-Really?
-Really. When I was young, we were “didactic” …

Paris, when waiting for friends becomes a very short master on our own ignorance. 2015 – Maria A. Listur