CONTINUARE/CONTINUE

Sotto la luce del sole

cammina, danza, striscia, coltiva, salta

lasciati fare, canta, solleva lo sguardo

sommergiti di luce e guarda!

Mai sarà solitudine né per te né per lei

ombra tua corpo suo pur quando le nuvole

crederanno di essere il cielo.

Accendi fuochi! Inventati un sole. Brucia!

Ardente e sottile. Infiammati

nella notte del mezzogiorno!

Distances Impossibles-Tracer l’éphémère IX/21, 2020

Gabriele del Papa ph

2020, Parigi sotto un suono oltre barriera.

Maria A. Listur

 

CONTINUE

Under the light of the sun
walk, dance, crawl, cultivate, jump
let yourself act, sing, raise your glance
submerge in the light and look!
It will never be solitude neither for you nor for her
your shadow her body even when the clouds
will believe they are the sky.
Light the fires! Invent a sun. Burn!
Ardent and thin. Be passionate
in the night of midday!

2020, Paris under a sound beyond the barrier.
Maria A. Listur

RINGRAZIAMENTI MIRATI/FOCUSED THANKS

Trattengo,
come la terra,
unicamente bellezza
pur quando horror vacui,
diventa. Oppure,
passionale impotenza.
Quella della nocciolina finale,
nel vuoto del vetro.
La notte lontana del ridere,
che non sa tacere un addio.
Ciò che davanti alla morte,
storce carezze.
Quella perplessità
abituata ai silenzi,
saldo pellegrinaggio
tra fuochi privi di fiamma.
Trattengo…
Soltanto ciò che non resta.

TIERRAS

TIERRAS – 2015 – Maria A. Listur

Roma, solida bambina di vento.
2015 – Maria A. Listur

 

Focused Thanks

I hold,
like the soil,
only beauty
even when horror vacui,
becomes. Or,
passionate impotence.
That one of the final peanuts,
in the emptiness of the glass jar.
The faraway night of the laughing,
that can not hold back a farewell.
What in front of death,
twists caresses.
That perplexity
accustomed to silences,
steady pilgrimage
among fires without flame.
I hold…
only what it doesn’t remain.

Rome, solid child of wind.
2015 – Maria A. Listur