“Per una cosa mal concepita occorreva un vocabolo mal concepito: così l’hanno chiamata OPPORTUNISMO”./“For a thing badly conceived it was necessary a term badly conceived: so they called it OPPORTUNISM”.

Léon Gambetta

-Ah! È lei!
-Scusi?
-Mi hanno parlato tanto di lei!
-Chi?
-Delle persone…
-Credo si stia confondendo…
-A dire il vero, mi è stata segnalata dal tavolo degli aperitivi…
-Sicuro che non le hanno segnalato il bellissimo ragazzo alle mie spalle?
-No. Mi hanno detto quella donna altissima e rossa.
-In cosa le posso essere utile?
-Vorrei sapere a cosa s’ispira.
-In quale senso?
-Per il suo lavoro.
-Quale di tutti?
-La pittura.
-Perché non mi dice veramente per cosa mi ha avvicinato?
-Per conoscerla.
-Non le credo. Cosa posso avere io che sia del suo interesse? Me lo dica e basta.
-Mi hanno detto che lei conosce X.
-L’ho incontrato… Non lo conosco.
-Io sono amico di L. che vorrei farle conoscere, potremo scambiarci conoscenze…
-Non credo.
-Tra pittrici ci si aiuta…
-Io non sono una pittrice.
-Non vuole essere definita?
-Non con la lingua dell’altro genere.
-E come si definisce con la lingua del nostro?
-La nostra lingua non esiste…
-Fuori definizione?
-Fuori.
-Sa che in italiano significa “pazza”.
-Infatti non stiamo parlando in italiano e neanche un buon inglese…
-Si riferisce al mio?
-No. Al mio.
-Vuole parlare in italiano?
-No… Mi faccia praticare l’impossibile.
-Parlare bene?
-Parlare.

Dove le nazioni non esistono e il galateo è soltanto un’illusione.
2014 – Maria A. Listur

 

“For a thing badly conceived it was necessary a term badly conceived: so they called it OPPORTUNISM”.

Léon Gambetta

-Ah! It’s you!
-Sorry?
-They’ve told me so much about you!
-Who?
-Some people…
-I think you are confused…
-To be honest, I was told about you at the appetizers table…
-Sure that you weren’t told about the beautiful young man behind me?
-No. I was told about that very tall and red haired woman.
-How can I help you?
-I’d like to know what do you inspire from.
-In what sense?
-For your work.
-Which of all?
-Painting.
-Why don’t you really tell me what have you come here for?
-To know you.
-I don’t believe you. What might I have to be of your interest? Just tell me.
-I heard that you know X.
-I met him… I don’t know him.
-I am a friend of L. whom I’d like to introduce to you, we could exchange introductions…
-I don’t think so.
-Among painters we help each other…
-I am not a painter.
-You don’t want to be defined?
-Not with the words of the other genre.
-And how do you define yourself with ours?
-Our language doesn’t exist…
-Out of definitions?
-Out.
-You know that in Italian means “crazy”.
-As a fact we are not talking in Italian and not even in a good English…
-Are you referring to mine?
-No. To mine.
-Do you want to talk in Italian?
-No… Let me practice the impossible.
-To talk well?
-To talk.

Where nations do not exist and manners are just an illusion.
2014 – Maria A. Listur