RISPOSTA/ANSWER

Ci sono richiami e voci, da dentro
e anche da fuori
… e ci sono risposte, silenzi;
in ogni caso meraviglie,
lacerazioni,
assenze.
E poi, passati remoti –
e questi
a casa mia,
tornano sempre da dentro le mani.

789 1.JPG

789 2.JPG

Ouverture – Gres 2018

Parigi, 2018 – Quando si scopre la frutta nella terra.

 

ANSWER

There are calls and voices, from inside
and even from outside
… and there are answers, silences;
in any case wonders,
lacerations,
absences.
And then, remote pasts –
and these
in my place,
always come back from within the hands.

Paris, 2018 – When fruit is discovered in the dirt.

GENEROSITÀ/GENEROSITY

Mi colano dalle mani tutte le carezze
soprattutto quelle mai avute,
quelle che intuisco stanno arrivando;
quindi,
te le anticipo tutte ma
una ad una,
come fa il tuo passo.

687-quasiQuasi Cacao 2016, Gres Manga e Rouge – Maria A. Listur

Parigi, onoratamente in pace.
2016 – Maria A. Listur

 

GENEROSITY

Your caresses are dripping from my hands
especially those never received,
those that I sense are coming;
so,
I anticipate them all to you but
one by one,
like your step does.

Paris, honorably in peace.
2016 – Maria A. Listur

FOGLIE/LEAVES

Disgiunte, staccate, slegate…
Ritmiche e puntuali, vanno via
per predire la nuova stagione;
per essere, senza indulgenza,
spazzate;
cancellate a forza di fuoco,
gelate.
Scomposte per comporre calore,
si sciolgono – come me –
caduta nel mondo,
arrendevole all’invisibile sguardo.

A la main-IIA-la-main-IA-la-main-III

A misura di palmi, 2016 – Grès Noir Cru

Parigi, quando gli anni hanno il tempo di tutta la storia.
2016 – Maria A. Listur

 

LEAVES

Disjointed, detached, untied…
Rhythmical and punctual, they leave
to predict the new season;
to be, with no indulgence,
wiped out;
cancelled by the force of fire,
frozen.
Decomposed to compose warmness,
they melt – like me –
fallen in the world,
yielding to the invisible glance.

Paris, when the years have the time of the whole history.
2016 – Maria A. Listur

MEDITAZIONE/MEDITATION

Quello sguardo dall’alto
che supporta e corrobora
che ripristina prospettive
quello
mi diede
educandomi
– per sempre –
alla semplicità
dell’inchino.

Gaburiela1

Gaburiela – 2015 – Maria A. Listur

Alba, quasi notte nel giorno.
2015 – Maria A. Listur

 

MEDITATION

That glance from above
that supports and corroborates
that restores perspectives
that one
gave me
educating me
– for ever –
to the simplicity
of the bow.

Dawn, almost night in the day.
2015 – Maria A. Listur

RINGRAZIAMENTI MIRATI/FOCUSED THANKS

Trattengo,
come la terra,
unicamente bellezza
pur quando horror vacui,
diventa. Oppure,
passionale impotenza.
Quella della nocciolina finale,
nel vuoto del vetro.
La notte lontana del ridere,
che non sa tacere un addio.
Ciò che davanti alla morte,
storce carezze.
Quella perplessità
abituata ai silenzi,
saldo pellegrinaggio
tra fuochi privi di fiamma.
Trattengo…
Soltanto ciò che non resta.

TIERRAS

TIERRAS – 2015 – Maria A. Listur

Roma, solida bambina di vento.
2015 – Maria A. Listur

 

Focused Thanks

I hold,
like the soil,
only beauty
even when horror vacui,
becomes. Or,
passionate impotence.
That one of the final peanuts,
in the emptiness of the glass jar.
The faraway night of the laughing,
that can not hold back a farewell.
What in front of death,
twists caresses.
That perplexity
accustomed to silences,
steady pilgrimage
among fires without flame.
I hold…
only what it doesn’t remain.

Rome, solid child of wind.
2015 – Maria A. Listur

“La vita non è mai qualcosa; è solo l’occasione a qualcosa.”/“Life is never something; it’s only the occasion to something.”

Christian Friedrich Hebbel

-Quanto sei assorbita da questo lavoro!
-Quale?
-La ceramica. Non ti ho mai visto così presa…
-Non ti ho mai permesso di vedermi.
-Grazie…
-Sono sempre presa da quello che faccio ma, non sempre condivido l’esperienza.
-E se è tutto così intenso perché hai aggiunto la ceramica?
-Perché l’intensità può crescere.
-Hai ancora spazio e tempo?
-Ignoro molto di più di quello che so.
-Cosa hai “intensificato”?
-L’ispirazione?
-Non mi sembra ti manchino ispirazioni piuttosto spazi dove compiere…
-Voglio dire che mi fa sentire l’immensità di quello che di mio è spirito; tra le mani. Somiglia molto al passaggio della voce…
-Desiderio di gestire la materia?
-Se parliamo della materia che sto usando, il gres, fino a cottura, è totalmente riciclabile, anche quando il modo di utilizzarlo non gli rende merito…
-Vorresti riciclarti?
-… e diventa quello che vuoi nelle tue mani ma devi saper fare…
-Anzi tramutarti?
-… altrimenti in cottura si spacca.
-Hai paura di frantumarti ad alte temperature?
-Puoi smetterla con le interpretazioni? Avvolte, si salva grazie allo smalto ma, deve essere naturale, altrimenti appare troppo brillante…
-Il troppo appariscente non ti è mai piaciuto…
-… ma la cosa più interessante è la sua mutabilità, umidità, resistenza, utilità.
-Ti stai identificando?
-Assolutamente sì!
-Un po’ narcisistico non credi?
-Mentre lavoro, sono quella materia… Non lo trovo narcisistico. O tutto quello che faccio, è narcisistico…
-Non pensi che mutabilità, umidità, resistenza, utilità, siano caratteristiche che appartengono al genere umano?
-Sì, potenzialmente.
-Immanentemente.
-Stai sostenendo che un kilo di gres è lo stesso della tazza che può divenire?
-Sto sostenendo l’immanenza…
-Tuttavia, il gres non lavorato resta gres…
-Dici d’ignorare ma quando parli sembra che ti senti una porcellana!
-Vetro soffiato a bocca!
-Per la trasparenza?
-No, per la bocca.

Roma, mentre la primavera minaccia e l’inverno le crede. 2014 – Maria A. Listur

 

“Life is never something; it’s only the occasion to something.”

Christian Friedrich Hebbel

-You are so absorbed by this work!
-Which?
-Ceramic. I have never seen you so caught…
-I have never allowed you to see me.
-Thanks…
-I am always taken by what I do but, I don’t always share the experience.
-And if everything is so intense why adding ceramics?
-Because intensity can grow.
-Do you even have space and time?
-I ignore more than I do.
-What have you “intensified”?
-The inspiration?
-It doesn’t seem to me that you lack of inspirations rather spaces where to create…
-I meant that it makes me feel the vastness of what is of me spirit; between the hands. It seems a lot like the passage of the voice…
-Desire of control over the matter?
-If we are talking about the matter that I am using, the gres, until it is fired, it is totally recyclable, even when the way it’s used is not the best…
-Would you want to recycle yourself?
-… it becomes what you want in your hands but you must know how to…
-Better yet transmute yourself?
-… otherwise it will cracked when fired.
-Are you afraid of crumbling at high temperatures?
-Can you stop with the interpretations? Sometimes, it is saved thanks to the glace but, it has to be natural, otherwise it appears too vivid…
-You never like the too ostentatious…
-… but the most interesting is its changeability, humidity, resistance, usefulness.
-Are you identifying yourself?
-Absolutely yes!
-A bit narcissistic don’t you think?
-While I work I am that matter… I don’t find it narcissist. Or all that I do, is narcissist…
-Don’t you think that changeability, humidity, resistance, usefulness, belong all to human features?
-Yes, potentially.
-Immanently.
-Are you saying that a kilogram of gres it is the same of the cup it can become?
-I am talking about the immanence…
-Although, the gres not worked remains gres…
-You say you ignore, but when you talk it seems that you feel like a porcelain!
-Blown glass by mouth!
-For the transparency?
-No, for the mouth.

Rome, while the spring intimidates and the winter believes her. 2014 – Maria A. Listur