Quasi relazioni…/Almost relations…

L’incontro si rivolta nel bisogno di gradire
che l’amor degrada, che all’abisso dell’assenza s’interpone
per affermare nel voltafaccia l’illusione,
o la pretesa di sapere che d’amor si tratta. E non si tratta,
si consuma, si avvilisce anche insieme,
senza l’altro o con l’altro che è anche altra, e si sospende
nel bisogno sconfinato di ridurre la meraviglia
all’immagine di ciò che manca.

849.jpg

design d’autore/author’s design

Maria A. Listur
2020, a Parigi. Carnevale.

 

Almost relations…

The encounter spoils itself in the need of appreciation
therefore, love degrades, and to the abyss of the absence interposes itself
to affirm in the turnaround the illusion,
or the presumption of knowing that it is love. And we don’t mediate,
we consume, we even depress together,
without the other or with the other that is also other, and we suspend
in the unlimited need of reducing the wonder
to the image of what is missing.

Maria A. Listur
2020, in Paris. Carnival.

ORNARE/DECORATE

Dove vai amico mio?
Amica mia, dove ti annidi?
Amore…
Quale bacio interrompi?
Quello non dato?
Quello dell’infanzia?
Quello vuoto di erranza?
Oh cielo! Che non sei altro!
Firmamento possibile, limpida burrasca!
Che si possa accettare di non essere luce,
soltanto! Che non si brilli di celeste,
annoiando! Che ci si serri o ci si dilati,
accettando! E che s’impari a dire “addio”
pacificando!

711-A illusion icare.jpg711-B illusion icare.jpg

L’Illusione, sorella di Icaro – Museo Rodin

Parigi, sotto un cielo che insegna i bagliori del buio.
2017 – Maria A. Listur

 

DECORATE

Where are you going my male friend?
My girl friend, where do you hide?
Love…
What kiss are you interrupting?
The one that hasn’t been given?
The one from childhood?
The one empty of wandering?
Oh heaven! Oh you!
Possible firmament, clear storm!
May we be able to accept not being light,
only! Let everything not be in sky blue,
boring! May we shut ourselves or expand ourselves,
accepting! And may we learn to say “goodbye”
pacifying!

Paris, under a sky that teaches the glares of the night.
2017 – Maria A. Listur

“L’avvenire è di coloro che non sono disillusi.”/“The future belongs to those who are not deluded.”

Georges Sorel

-Lo possiamo aiutare? Vero? Vero?
-Vediamo…
-Sì, ti prego… Aiutiamolo…
-Vediamo… Ancora è presto…
-Ti prego…
-Ancora è presto…
-Aiutiamolo, ti prego, aiutiamolo…
-Vediamo… Risponde una voce femminile, dolcissima, nella lingua che ha il suo fuoco nella gola.

L’altra voce, del fuoco ancora tenero, risponde:
-Mamma! Non possiamo lasciarlo fare tanto sforzo.
-Non fa sforzo!
-Lui è là da tanti giorni!
-Attende!
-Mamma! Si stancherà…
-Vedrai che il giorno di Natale sarà a casa è non noterai la fatica!
-Allora è proprio lento!
-Sì… Un po’…
-Ahhh…
-Ahhh?
-Ora capisco perché non è più una sorpresa…
-Non lo è?
-No…
-Mi dispiace.
-Anche a me.
-Avresti voluto non vederlo prima di Natale?
-Avrei voluto che non fosse di pezza…

Decido di affacciarmi dalla finestra, vedo una madre e il suo piccolo figlio che, in silenzio, guardano verso una delle ringhiere haussmanniane dell’edificio dove, dal secondo piano, pende un Père Noël di pezza, in sovrappeso e che sembra terrorizzato dal vuoto.

La madre guarda il suo bambino con aria disperata, dice:
-Anche se è di pezza ed è arrivato troppo presto, possiamo dargli una mano… No?

Il bimbo reagisce velocemente col corpicino e col viso, prima ancora di dire:
-Mamma! Sì! Nascondiamolo fino a Natale! Sì deve riposare!

Parigi, con il cuore a forma di stella, nella gratitudine d’incontrare la fiducia. 2015 – Maria A. Listur

 

“The future belongs to those who are not deluded.”

Georges Sorel

-We can help him? Right? Right?
-We’ll see…
-Yes, I beg you… Let’s help him…
-We’ll see… It’s too soon…
-I beg you…
-It’s too soon…
-Let’s help him, I beg you, let’s help him …
-We’ll see… A feminine voice replies, sweetly, in the language that has its fire in the throat.

The other voice, of the yet tender fire, replies:
-Mom! We can’t leave him doing so much effort.
-He is not!
-He is being there for so many days!
-He is waiting!
-Mom! He’ll get tired…
-You’ll see that on Christmas day he’ll be home and you won’t notice so much effort!
-So he must be very slow!
-Yes… A bit…
-Ahhh…
-Ahhh?
-Now I understand why it is not a surprise anymore…
-Isn’t it?
-No…
-I am sorry.
-Me too.
-You wish you hadn’t see him before Christmas?
-I wish he wouldn’t be made of rag…

I decide to look out the window. I see a mother and her little son that, quietly, are looking towards one of the Haussmann style hand rails of the building where, from the second floor, a Father Christmas of rag is hanging, overweight and that seems to be petrified by the emptiness
The mother is looking at her son desperately, she says:
-Even if he is made of rag he arrived too early, we can help him… No?

The boy reacts quickly with his little body and his face, even before saying:
-Mom! Yes! Let’s hide him until Christmas! He’s got to rest!

Paris, with the heart star shaped, in the gratitude of encountering the faith. 2015 – Maria A. Listur

“Per una cosa mal concepita occorreva un vocabolo mal concepito: così l’hanno chiamata OPPORTUNISMO”./“For a thing badly conceived it was necessary a term badly conceived: so they called it OPPORTUNISM”.

Léon Gambetta

-Ah! È lei!
-Scusi?
-Mi hanno parlato tanto di lei!
-Chi?
-Delle persone…
-Credo si stia confondendo…
-A dire il vero, mi è stata segnalata dal tavolo degli aperitivi…
-Sicuro che non le hanno segnalato il bellissimo ragazzo alle mie spalle?
-No. Mi hanno detto quella donna altissima e rossa.
-In cosa le posso essere utile?
-Vorrei sapere a cosa s’ispira.
-In quale senso?
-Per il suo lavoro.
-Quale di tutti?
-La pittura.
-Perché non mi dice veramente per cosa mi ha avvicinato?
-Per conoscerla.
-Non le credo. Cosa posso avere io che sia del suo interesse? Me lo dica e basta.
-Mi hanno detto che lei conosce X.
-L’ho incontrato… Non lo conosco.
-Io sono amico di L. che vorrei farle conoscere, potremo scambiarci conoscenze…
-Non credo.
-Tra pittrici ci si aiuta…
-Io non sono una pittrice.
-Non vuole essere definita?
-Non con la lingua dell’altro genere.
-E come si definisce con la lingua del nostro?
-La nostra lingua non esiste…
-Fuori definizione?
-Fuori.
-Sa che in italiano significa “pazza”.
-Infatti non stiamo parlando in italiano e neanche un buon inglese…
-Si riferisce al mio?
-No. Al mio.
-Vuole parlare in italiano?
-No… Mi faccia praticare l’impossibile.
-Parlare bene?
-Parlare.

Dove le nazioni non esistono e il galateo è soltanto un’illusione.
2014 – Maria A. Listur

 

“For a thing badly conceived it was necessary a term badly conceived: so they called it OPPORTUNISM”.

Léon Gambetta

-Ah! It’s you!
-Sorry?
-They’ve told me so much about you!
-Who?
-Some people…
-I think you are confused…
-To be honest, I was told about you at the appetizers table…
-Sure that you weren’t told about the beautiful young man behind me?
-No. I was told about that very tall and red haired woman.
-How can I help you?
-I’d like to know what do you inspire from.
-In what sense?
-For your work.
-Which of all?
-Painting.
-Why don’t you really tell me what have you come here for?
-To know you.
-I don’t believe you. What might I have to be of your interest? Just tell me.
-I heard that you know X.
-I met him… I don’t know him.
-I am a friend of L. whom I’d like to introduce to you, we could exchange introductions…
-I don’t think so.
-Among painters we help each other…
-I am not a painter.
-You don’t want to be defined?
-Not with the words of the other genre.
-And how do you define yourself with ours?
-Our language doesn’t exist…
-Out of definitions?
-Out.
-You know that in Italian means “crazy”.
-As a fact we are not talking in Italian and not even in a good English…
-Are you referring to mine?
-No. To mine.
-Do you want to talk in Italian?
-No… Let me practice the impossible.
-To talk well?
-To talk.

Where nations do not exist and manners are just an illusion.
2014 – Maria A. Listur