L’IMMAGINAZIONE FATALE/THE FATAL IMAGINATION

-Deve esistere una ragione ben precisa per cui non le hai mai creduto.
-Mmmm… Può darsi…
-La sai.
-Ama mentire.
-Questo non significa che lo faccia tutto il tempo.
-Correggo, si mente. Mente a sé stessa.
-E questo ti fa diventare assolutista!
-No, silenziosa osservatrice. Sarai comunque d’accordo sul fatto che chi si mente può vedere e ascoltare cose che non ci sono?
-E quindi può anche non vedere o/e non ascoltare? Questo vuoi dire?
-Sì. Ogni volta che ascoltavo le sue deduzioni o impressioni o lamentele, tornavo automaticamente a una frase di Harold Weisberg: “[… ] come investigatore “X” non saprebbe trovare un pelo pubico in un bordello all’ora di punta.“
-(Scoppia in una risata)
-Ecco! Hai ben agito quello che mi provocava.

Parigi, mentre i pericoli tacitano ogni profondità.
2019 – Maria A. Listur

 

THE FATAL IMAGINATION

-There must be a precise reason why you have never believed her.
-Ummm… Could be…
-You know it.
-She loves to lie.
-That doesn’t mean that she does it all the time.
-Let me correct myself, she lies to herself. She tells herself lies.
-And that turns you into an absolutist!
-No, a silent observer. You would agree anyway on the fact that who lies to him/herself can see and hear things that are not there?
-Therefore he/she doesn’t see and/or doesn’t hear? Is that what you want to say?
-Yes. Every time I would listen to her deductions or impressions or complaints, I would go automatically to a sentence by Harold Weisberg: “[… ] as an investigator “X” could not find a pubic hair in overworked and under-cleaned whorehouse at rush hour.“
-(She burst in to laughter)
-There! You have well-acted what she used to provoke me.

Paris, while the threats silence every profundity.
2019 – Maria A. Listur

SATORI

A me piaceva la tua mancanza:
misurare la tua onirica sagoma accanto a me,
amavo contare il tempo – prima del tuo arrivo –
con la metrica dei passi da percorrere fino a noi.
E via tutta quest’aria che nessuno vede!
Via ogni limite!
Tutto sfuma per diventare
quel che voglio immaginare!
A me piaceva che mancasse qualcosa:
un teatro del vivere che si vuole incompiuto,
un canto che non richiama nessun uccello,
come se, anche il canto delle allodole, fosse il nostro
umano, spiumato, imperfetto, esiliato, torvo;
appunto, nostro.

IMG_6347.jpg

UNION – 2016, Paris – Porcellaine

Parigi, quando l’amore è genesi, anche roccia.
2016 – Maria A. Listur

 

SATORI

I did like missing you:
measuring your oneiric silhouette next to me,
I used to love to count time – before your arrival –
with the metrics of the steps to cover to reach us.
And off it goes all this air that no one sees!
Off it goes every limit!
Everything disperses to become
what I want to imagine!
I did like that something was missing:
a theatre of living that it is needed incomplete,
a chant that doesn’t call any bird,
as if, even the larks’ singing, was ours:
human, plucked, imperfect, exiled, surly;
ours, precisely.

Paris, when love is genesis, even rock.
2016 – Maria A. Listur

“Ecco il grande errore di sempre: immaginarsi che gli esseri pensino ciò che dicono.”/“Here is the biggest mistake of all time: to imagine that human beings think what they say.”

Jacques Lacan

-Io potrei darle una mano.
-In quale senso?
-Avrei una persona che la potrebbe aiutare.
-Ho quasi tutto organizzato… Grazie.
-Sarebbe un grande piacere.
-La ringrazio.
-E come mai ha preso questa decisione?
-Sarebbe un po’ lungo da raccontare…
-Ne è sicura?
-Sicura? Che cosa vorrebbe dire?
-Sta rischiando parecchio.
-Come ogni persona al mondo.
-Lei però ha cinquant’anni!
-Per fortuna non sono l’unica!
-Non la sta prendendo un po’ alla leggera?
-Purtroppo ancora non so come contribuire alla salvezza del mondo, mi occupo d’arte! Sono assolutamente innecessaria!
-Ora non esageri!
-Vuole farmi altre domande?
-No… Sa… Mi piace sapere.
-Informarsi, vuole dire?
-No, per carità di Dio!
-Altro?
-No, le ripeto: conti su di me.
-Vuole dire sulla persona che mi potrebbe aiutare?
-Certo.
-Non vorrei disturbarla.
-Non mi disturba.
-Mi riferivo alla persona che mi potrebbe aiutare.
-Ah… Non si preoccupi, glielo chiederò e poi le dirò. E se non sarà disponibile me lo dirà senza meno.
-Grazie…
-Non si sente di stare sconvolgendo tutto?
-Non è già tutto sconvolto?
-Lo dico per la sua età…
-E lei, quanti anni ha?
-Venti più di lei.
-Mmm…
-Capisce che le faccio delle domande perché sono già passato?
-Per cosa?
-Per i cinquanta.
-Ne è sicuro?

Roma, che svela ogni fantasma. 2015 – Maria A. Listur

 

“Here is the biggest mistake of all time: to imagine that human beings think what they say.”

Jacques Lacan

-I could lend you a hand.
-In what sense?
-I might have a person that can help you.
-I’ve got almost everything taken care of… Thanks.
-It’ would be a great pleasure.
-I thank you.
-And why have you taken this decision?
-It would be long to tell…
-Are you sure about it?
-Sure? What are you trying to say?
-You are risking a lot.
-Like anyone in the world.
-But you are fifty!
-Luckily I am not the only one!
-Aren’t you taking this too lightly?
-Unfortunately I don’t know yet how to contribute to save the world, I am in art! I am absolutely unnecessary!
-Don’t exaggerate!
-Do you want to ask me other questions?
-No… You know… I like to know.
-To inquire about, you mean?
-No, for God’s sake!
-Anything else?
-No, I repeat: count on me.
-You mean on the person that might help me?
-Sure.
-I wouldn’t want to disturb you.
-You don’t.
-I was talking about the person that might help me.
-Ah… Don’t worry, I’ll ask and tell you. And if he can’t be available he will surely tell me.
-Thank you…
-Don’t you feel you are upsetting everything?
-Isn’t everything already upset?
-I am saying this for your age…
-And you, how old are you?
-Twenty more than you.
-Mmm…
-You do understand I am asking this because I have already been through this…
-Through what?
-Through fifty.
-Are you sure about it?

Rome, that reveals every ghost. 2015 – Maria A. Listur